HOME - Interviste
 
 
26 Maggio 2016

I numeri indicano una professione in cambiamento. ANDI punta sullo studio monoprofessionale in Rete. Callioni (S.S.ANDI) il piccolo può competere con il grande


Prima Cernobbio poi gli eventi organizzati in EXPODENTAMeeting con la fotografia del mercato odontoiatrico e la tavola rotonda con il confronto tra i vari modelli in cui è organizzata l'offerta. Un fiume di dati ed indicazioni che hanno confermato un settore in continua evoluzione come in evoluzione è il mercato, la società.

Abbiamo chiesto al Coordinatore del Servizio Studi ANDI Roberto Callioni quali indicazioni tutti questi dati ci possono dare.

Davvero una scorpacciata di dati. Dopo anni di stagnazione si coglie una lieve tendenza al miglioramento. Mi riferisco all'andamento del 2015 rispetto all'anno precedente. Questa tendenza è in qualche modo confermata anche da quanto esposto da Roberto Rosso nella sua relazione in EXPODENTALMeeting rispetto alla produzione di beni strumentali odontoiatrici. Rimane tuttavia molta incertezza riguardo il futuro della professione. D'altro canto "i fondamentali economici del Paese e la situazione strutturale dell'odontoiatria non mutano, anzi. Mi riferisco al PIL, con una ripresa che viene definita anemica e quindi con un potere di acquisto degli italiani a dir poco bloccato. E poi le proiezioni sul numero di esercenti nei prossimi anni che aumenteranno, con il rientro di laureati all'estero, a dismisura. Ecco perchè, fanno specie i risultati a talune domande socio professionali presenti nell'indagine OCPS ANDI. Il 34% dei senior intervistati ha dichiarato che tornando al passato non rifarebbe più il dentista ed agogna di vendere lo studio. Tutto ciò perché fare odontoiatria oggi è diventato ancora più oneroso, burocraticamente asfissiante e legalmente, in termini medico legali, rischioso. E i giovani, ben difficilmente riusciranno ad acquistare quegli studi.

Nonostante la crisi ed il pressing dei Centri odontoiatrici, lo studio monoprofessionale sembra ancora avere in mano il mercato.

Assolutamente si, soprattutto coloro che hanno accettato la sfida al cambiamento, rinnovandosi, investendo in tecnologia ed aggiornamento. Queste realtà possono certamente competere con le cosiddette Catene odontoiatriche.

Quanto durerà?

Difficile da dire. Ma non è scontato che alla lunga le cose vadano al meglio proprio per il franchising e male per lo studio monoprofessionale. Ricordiamoci che queste realtà sono nate per fare business e non sarà facile neppure pel loro raggiungere risultati per loro interessanti.

Il confronto con gli altri "concorrenti" nella tavola rotonda organizzata da Odontoiatria33 cosa ha insegnato al dentista libero professionista?

Che per sopravvivere deve davvero reinventarsi, non tanto in termini di identità, ma di organizzazione, disponibilità, immagine e comunicazione diventando un po' anche imprenditore di se stesso.

Durante il dibattito lei ha ricordato più volte che il dentista non vendere cure e criticato le scelte troppo commerciali delle Catene. Però alla fine è sempre il paziente che poi sceglie dove andare ed una parte di loro preferisce le Catene.

E' innegabile. Ecco perché il dentista che ha sposato la causa dello studio monoprofessionale deve stare al passo con i costumi e le scelte del paziente 3.0 che spesso tende a valorizzare la qualità percepita' rispetto a valori quali la continuità terapeutica.

La Bocconi ha suggerito allo studio monoprofessionale di fare Rete ed ad ANDI di guardare questa trasformazione. Come può realizzarsi?

Proprio domani si apre a Venezia il Congresso politico ANDI, occasione per festeggiare i settant'anni della nostra Associazione. Davvero una certezza con il record degli oltre 24.000 iscritti. ANDI si è rivolta a OCPS Bocconi quasi fosse un non vincolante consulto medico. Le indicazioni e le terapie che sono emerse in termini di sola proposta per ANDI sono, visto i fondamentali della professione ricordati in precedenza, intercettare ed intensificare assolutamente il welfare che oggi ha un suo peso nella busta paga di quella middle class che da sempre afferisce ai nostri studi con un confronto diretto, con assicurazioni e fondi, trovando accordi sulla falsa riga di quanto fatto con Cadiprof. Dobbiamo prenderci carico dei giacimenti di patologia e riabilitazione per questi pazienti e dei loro nuclei familiari. E questo prima che altri lo facciano.

Ecco perchè questa volta la tempistica è strategica. E poi OCPS Bocconi suggerisce di fare Rete anche in funzione di quanto scritto in precedenza. E' l'unico modo per contrastare i Centri affrontandoli sul loro stesso terreno.

L'adesione alla Rete dovrebbe essere assolutamente volontaria e potrebbe confermare qualche aspetto identitario in più, magari richiesto proprio da Assicurazioni e Fondi. Un Network ANDI che potrebbe essere utile anche sul piano della pubblicità. Ma sarà il congresso a decidere. L'importante sarà farlo con la massima condivisione possibile e in tempi rapidi.

Nor.Mac.

Articoli correlati

Attraverso il nuovo CCNL vengono definite formazione e mansoni. Per diventare CSO si dovrà frequentare un corso di 90 ore, potrà organizzarlo solo ANDI


ANDI dettaglia gli aumenti salariali (indicativi) per i dipendenti degli studi odontoiatrici con l’entrata a regime del nuovo CCNL


Uno studio pilota valuta l’esperienza dei pazienti visitati utilizzando la teleodontoiatria rispetto alle tradizionali visite per il dolore oro-facciale dovuto a disturbi...

di Lara Figini


Analisi della prevalenza dei disturbi temporo-mandibolari nei pazienti con acufeni e, viceversa, comparsa di acufeni somatosensoriali nei pazienti con disturbi...


Nella foto la dott.ssa Paola Salerno e Giuseppe Mele

Le relazioni hanno sottolineato come la salute orale sia fondamentale per la salute generale dei pazienti fragili e che prevenire le infezioni orali migliora la qualità di vita...


Nella settimana del ritorno dello scontro sull’esercizio della attività odontoiatrica in forma societaria, ed anche della proposta di legge che riproporre il testo del profilo dell’odontotecnico...

di Norberto Maccagno


Quale la soluzione più conveniente?

di Davis Cussotto


E' partita sabato 9 giugno l’edizione 2018 del corso di aggiornamento “Gli odontoiatri al servizio delle famiglie”, promosso dalla Commissione dell’Albo Odontoiatri di...


Sul filo di lana, la norma è entrata in vigore il 1 giugno, l'Agenzia delle Entrate è tornata sui suoi passi ed ha chiarito, semplificando le incombenze burocratiche in tema di in...


Puntata odontoiatrica quella di ieri sera (domenica 18 dicembre) a Le Iene, il programma di denuncia di Italia Uno.Il servizio dell'inviato Filippo Roma si è occupato delle cliniche...


Una guida ENPAM sulle tutele previste per l’inattività temporanea, ma scattano dal 31° giorno di inattività. Per essere coperti sempre, serve anche una polizza ad hoc


L’applicazione si applica anche alle lavoratrici degli studi odontoiatrici con rapporti di lavoro dipendente a tempo indeterminato sia già instaurato che in via di instaurazione


Altri Articoli

Sembra una ovvietà ma non credo che questa affermazione sia un percepito di voi dentisti quando si parla di società odontoiatriche, di “Catene”.Invece l’aveva chiaro il legislatore quanto nel...

di Norberto Maccagno


Di Marco: “non sussiste alcuna subordinazione dell’Igienista dentale rispetto all’Odontoiatra, bensì vi è una proficua e paritetica sinergia nell’interesse della...


Proseguendo la collaborazione con TeamSmile per altri due anni l'azienda compie un ulteriore passo avanti verso il raggiungimento di uno degli obiettivi centrali del suo programma...


Per approfondire l’odontoiatria digitale. Scopri gli appuntamenti e gli eventi gratuiti per odontoiatri ed odontotecnici


Immagine di repertorio

Molti pazienti avevano già versato anticipi per le cure o attivato finanziamenti. Le indicazioni di Adiconsum e della CAO Oristano. Da valutare le responsabilità degli odontoiatri e del direttore...


E' online il corso FAD ECM su Medicina estetica odontoiatrica, relatore Michele Cassetta. Un corso per approfondire ma anche solo capire le possibilità che si sono aperte per lo studio odontoiatrico


In collaborazione con Curasept fino al 13 aprile un doppio appuntamento quotidiano per per raccontare i benefici dell’igiene orale e della cura della bocca


Una guida ENPAM sulle tutele previste per l’inattività temporanea, ma scattano dal 31° giorno di inattività. Per essere coperti sempre, serve anche una polizza ad hoc


Ne abbiamo parlato con la dott.ssa Maria Grazia Cannarozzo in occasione del lancio del corso FAd Edra sul tema


La terza giornata è dedicata al digitale in estetica ed ortodonzia. Le anticipazioni delle relazioni dei dottori Poggio e Cocconi


Ancora due mesi di tempo per i fabbricanti di disposivi medici su misura che devono rifare l’iscrizione al nuovo Registro telematico dei fabbricanti


Il primo italiano ad avere l’onore di aprire la Convention annuale tenendo la Buonocore Memorial Lecture, riconoscimento riservato a pochissimi professionisti al mondo


Tra coloro che soffrono di edentulia più o meno estesa, solo la metà ritiene di poterla ripristinare con una soluzione protesica, fissa o rimovibile. Discriminate il fattore culturale e sociale


Il 22 e 23 febbraio a Chicago, nel corso della settimana del Midwinter Meeting, si è svolto il 95° Congresso di American Prosthodontic Society. L’American Prosthodontic Society, fondata nel...


Corsi ECM

 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

Annuncio in Evidenza


12 Febbraio 2024
Vendo immobile adibito a studio odontoiatrico dal 1960

Vendita a Chiasso centro, in Svizzera, immobile adibito dal 1960 a studio odontoiatrico composto da quattro unità operative, con autorizzazione sanitaria. Per informazioni contattare Marzio Negrini: cell. whatsapp +393756589128

 
 

Iscriviti alla Newsletter

 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

I più letti

 
 

Corsi, Convegni, Eventi

 
 
 
 
 
 

Guarda i nostri video

Guarda i nostri video

La lezione di storia dell’odontoiatria del prof. Guastamacchia

 
 
 
 
chiudi