HOME - Interviste
 
 
29 Ottobre 2021

Protesi totale, la “madre nobile” di tutte le protesi

Il volume di Piero Venezia “Estetica e funzione in protesi totale - Prospettive digitali” è un testo che si pone l’obiettivo di “rileggere” questa soluzione in un’ottica moderna

di Lorena Origo


Piero VeneziaPiero Venezia

Dott. Venezia, la protesi totale conferma a tutt’oggi il suo ruolo sostanziale tra le varie opzioni riabilitative grazie anche all’impulso dato dallo sviluppo delle tecnologie digitali e di materiali sempre più performanti…

Assolutamente sì, perché dobbiamo tenere presente che ci sono moltissimi pazienti nel mondo che hanno bisogno di ricevere riabilitazioni con la protesi rimovibile; l’edentulia parziale e totale, infatti, è correlata a diversi fattori tra cui lo stato di salute generale, le patologie sistemiche, gli stili di vita e anche l’estrazione socio-economica.
Pensiamo per esempio ai pazienti in dentatura terminale (generalmente per cause legate alla malattia parodontale) o che per problemi di salute non possono subire interventi di posizionamento degli impianti a causa di alcune terapie, come chi assume bifosfonati a dosaggi elevati, pazienti con severi deficit della coagulazione, persone affette dal morbo di Parkinson o con deficit cognitivi…
Riabilitare con un approccio biomimetico significa ridare ai pazienti funzione, fonetica ed estetica, dentale ma anche facciale, e la protesi totale ci consente di raggiungere eccellenti risultati supportando anche i tessuti peri-orali il tutto con un impegno economico accessibile.
Quest’ultimo elemento è per noi fondamentale: pensiamo che le nuove tecnologie permetteranno di definire un nuovo concetto di protesi sociale. In un futuro che speriamo prossimo, potremo, per esempio, eseguire le scansioni nelle arcate edentule dei pazienti, magari anche di quelli allettati, in RSA e realizzare con stampanti 3D la protesi totale.    


Venendo al processo digitale, quali sono i vantaggi?

La tecnologia digitale ci permette di utilizzare flussi di lavoro più accurati, veloci e prevedibili.
Possiamo impiegare scanner per l’acquisizione dei dati ed elaborarli con dei software dedicati; realizzare il progetto protesico virtualmente e produrre la protesi totale grazie ai sistemi CAD/CAM.
In ambiente virtuale, in pazienti in cui tutti i riferimenti/dimensioni, dentali e ossei, sono andati perduti possiamo ottenere la ricostruzione tridimensionale delle arcate edentule, orientate spazialmente e posizionate correttamente nella bocca.   


Un capitolo è pero dedicato al protocollo analogico.

In apertura del volume ho inserito una frase di Sidney Silverman, che in sintesi dice “… tutte le procedure cliniche più innovative sono spesso basate su una nuova interpretazione e applicazione di vecchi concetti…”.
Il digitale per noi è soltanto uno strumento, ma ciò che è fondamentale sono le conoscenze, che non sono né analogiche né digitali.
Il capitolo sul protocollo analogico, a cura di Alessio Casucci e Alessandro Ielasi, è molto importante perché conoscere le tecniche analogiche è fondamentale per affrontare le procedure riabilitative, anche avvalendosi del digitale.

Nel Capito 7 viene presentata la B.A.R.I. Technique da voi messa a punto: di che cosa si tratta?

La Boosted Advanced Rehabilitation on Implants permette di trasformare la protesi rimovibile del paziente, già testata e funzionalizzata, in una protesi ibrida su impianti mantenendo tutte le informazioni relative a funzione, estetica e fonetica.
L’impiego di questa tecnica è di grande aiuto per rispondere alla crescente richiesta di operare con una procedura di carico immediato, in maniera rapida e predicibile sfruttando le informazioni della protesi totale.

Per ulteriori informazioni sul volume e per sfogliare qualche capitolo vai a questo link 

Articoli correlati

Nel lavoro pubblicato sull’International Journal of Environmental Research and Public Health viene presentata una ricerca bibliografica al fine di analizzare sia l’estrusione ortodontica che...

di Arianna Bianchi


In uno studio in vitro, pubblicato sul Journal of Dentistry, gli autori hanno valutato l’adattamento e la resistenza alla fatica delle corone monolitiche in vetroceramica al disilicato di litio...

di Lara Figini


Alfonso Baruffaldi ed il prof. Massimo Gagliani hanno analizzato tecniche, materiali e strumenti in un interessante webinar che potete rivedere sul canale YouTube di Odontoiatria33


Per la Rubrica 20 Minutes Digital Workflow, Franco Fares illustra una serie di casi di protesi totali risolti con le tecniche digitali 


Il brasiliano Cristian Coachman al Congresso SIPRO ha indicato le procedure, “agonizzanti” che saranno sostituite dal digitale

di Davis Cussotto


Altri Articoli

Una due giorni ad un Congresso qualsiasi può essere un ritorno alla normalità dice il prof. Gagliani che avverte: la formazione deve essere debitamente certificata e tutelata con regole non fondate...

di Massimo Gagliani


Sono nato una domenica dell’agosto 1964, anagraficamente contando il Governo Draghi è stato il quarantottesimo che ho vissuto. In Germania, nello stesso periodo, di Governi ne hanno avuti 19...

di Norberto Maccagno


Il Consejo General de Dentistas ha elaborato una relazione tecnica dove sono state analizzate la densità di professionisti per popolazione, l'evoluzione demografica negli ultimi...


Maria Grazia Cannarozzo

Dalla collaborazione tra l’Azienda Ospedaliera Cannizzaro di Catania e il COI-AIOG nasce il progetto “Odontoiatria rosa”, che attenzionerà la salute orale delle donne...

di Lorena Origo


Sarà Catania ad ospitare, dal 20 al 22 aprile 2023, il Congresso numero 30 del CDUO organizzato dalle Università di Palermo, Messina e Catania


Corsi ECM

 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

I più letti

 
 

Corsi, Convegni, Eventi

 
 
 
 
 
 

Guarda i nostri video

Guarda i nostri video

Canino incluso: la pianificazione digitale

 
 
 
 
 
 
chiudi