HOME - Interviste
 
 
12 Novembre 2021

Formula innovativa per il 40° Congresso Internazionale AIOP

Si svolgerà il 19 e 20 novembre, a Bologna, con il titolo “Attualità in protesi: alla ricerca di risposte”. Ne abbiamo parlato con il Presidente dell’Accademia, Riccardo Del Lupo, e con il Dirigente della Sezione Odontotecnica, Paolo Smaniotto

Lorena Origo

Paolo Smaniotto e Riccardo Del LupoPaolo Smaniotto e Riccardo Del Lupo

In vista del 40° Congresso Internazionale AIOP che si svolgerà a Bologna il 19 e 20 novembre, abbiamo sentito il presidente dell'Accademia Italiana Odontoiatria Protesica il dott. Riccardo Del Lupo e Paolo Smaniotto dirigente della sezione odontotecnici. 


AIOP è arrivata al suo 40° Congresso Internazionale: un traguardo che assume, oggi, un significato ancora più rilevante. Che risposta vi aspettate?

P.S. Sono già stato Dirigente dell’Accademia e assieme al Presidente dottor Gaetano Calesini abbiamo festeggiato il 30° Congresso Internazionale AIOP.
Ora a distanza di 10 anni i Colleghi Soci Attivi mi hanno rinnovato la loro fiducia in questo biennio nel rieleggermi Dirigente con Presidente il dottor Riccardo Del Lupo.
Un decennio ricco di cambiamenti sostanziali per le nostre professioni di protesisti tecnici e clinici; un’evoluzione definita “transizione analogico/digitale” ricca di proposte e di stimoli.
Come se non bastasse, negli ultimi 2 anni siamo stati “travolti” da una infopandemia senza precedenti nella storia umana.
Poter tornare a confrontarci di persona al prossimo 40° Congresso Internazionale AIOP è già un enorme risultato. Purtroppo le normative di legge impediscono l’abituale afflusso di colleghi all’evento e per questo motivo, nel voler garantire l’aggiornamento di qualità offerto da AIOP, abbiamo realizzato una coinvolgente formula di assoluta novità alla quale i partecipanti potranno dire “io c’ero”.   

Avete deciso di optare per una formula “ibrida” e un format innovativo: questo aprirà le porte a un diverso, e maggiore, target di partecipanti?

R.D.L. La nuova formula proposta in realtà intende soddisfare primariamente chi, conoscendo AIOP, sa che ciò che proponiamo è “aggiornamento di qualità”. Certamente la formula renderà l’evento del 40° anno unico ma non irripetibile, anzi siamo certi che come in molte altre occasioni AIOP verrà presa ad esempio e “altri” cercheranno di imitarla.
Ciò non di meno AIOP sarà sempre riconosciuta come “l’unica originale casa dei protesisti clinici e tecnici”.   

Tra i numerosi temi scientifici multidisciplinari che verranno affrontati, quali delineeranno maggiormente nuovi scenari in ambito protesico?

R.D.L. Il programma messo a punto dalla Commissione Scientifica AIOP come sempre è frutto di un’attenta analisi di quanto tocca più da vicino le nostre professioni. Nello specifico, ci siamo posti delle domande cercando di dare risposte chiare e concrete attraverso le quali poter affrontare ciò che quotidianamente ci viene chiesto.
Le risposte verranno date da un parterre di relatori internazionali di grande livello. Si presentano nuovi scenari all’aprirsi di rinnovate conoscenze: questa è la missione AIOP.   

La giornata di sabato è focalizzata su estetica e digitale, due temi centrali nella moderna protesi: quali le novità?

R.D.L. Sappiamo che estetica è “interazione di fattori culturali e socio-economici”. Oggi abbiamo strumenti digitali raffinati che arricchiscono quest’interazione in modo globale e l’avvento dell’informatica ci dà nuove possibilità operative e durante le giornate congressuali verranno sviscerate le novità di maggior interesse, dalla previsualizzazione clinica della prescrizione protesica alla progettazione e realizzazione tecnica CAD/CAM con l’utilizzo di materiali metallici e non metallici.   

Significativa la presenza degli odontotecnici: quale il loro ruolo futuro? Che rilevanza ha la sinergia odontoiatra-odontotecnico?

P.S. La determinante e irrinunciabile sinergia “odontoiatra-odontotecnico” è sempre più evidente. Ora più che mai è necessario che le competenze delle due professioni vengano implementate e gestite da enti, università, accademie di riconosciuta autorevolezza scientifica.
In momenti di transizione come quelli che stiamo attraversando è necessario filtrare/selezionare le numerosissime proposte cliniche e tecniche che emergono, implementandole ma rimanendo all’interno del “solco di qualità” da sempre espresso in AIOP dove la figura professionale dell’odontotecnico, arricchita delle necessarie competenze informatiche, ha nuove e avvincenti possibilità di affrontare ciò che da sempre è il nostro obiettivo: “la realizzazione di dispositivi protesici” non standard ma ad personam, dispositivi unici e irripetibili come lo è ciascuno di noi. 

Articoli correlati

cronaca     12 Luglio 2018

Master in Prosthodontic Sciences

Università di Siena


interviste     15 Giugno 2018

Protesi: nuova epoca d’oro

L'intervista a Carlo Poggio


Nel lavoro pubblicato sull’International Journal of Environmental Research and Public Health viene presentata una ricerca bibliografica al fine di analizzare sia l’estrusione ortodontica che...

di Arianna Bianchi


In uno studio in vitro, pubblicato sul Journal of Dentistry, gli autori hanno valutato l’adattamento e la resistenza alla fatica delle corone monolitiche in vetroceramica al disilicato di litio...

di Lara Figini


Alfonso Baruffaldi ed il prof. Massimo Gagliani hanno analizzato tecniche, materiali e strumenti in un interessante webinar che potete rivedere sul canale YouTube di Odontoiatria33


Altri Articoli

Una due giorni ad un Congresso qualsiasi può essere un ritorno alla normalità dice il prof. Gagliani che avverte: la formazione deve essere debitamente certificata e tutelata con regole non fondate...

di Massimo Gagliani


Sono nato una domenica dell’agosto 1964, anagraficamente contando il Governo Draghi è stato il quarantottesimo che ho vissuto. In Germania, nello stesso periodo, di Governi ne hanno avuti 19...

di Norberto Maccagno


Il Consejo General de Dentistas ha elaborato una relazione tecnica dove sono state analizzate la densità di professionisti per popolazione, l'evoluzione demografica negli ultimi...


Maria Grazia Cannarozzo

Dalla collaborazione tra l’Azienda Ospedaliera Cannizzaro di Catania e il COI-AIOG nasce il progetto “Odontoiatria rosa”, che attenzionerà la salute orale delle donne...

di Lorena Origo


Sarà Catania ad ospitare, dal 20 al 22 aprile 2023, il Congresso numero 30 del CDUO organizzato dalle Università di Palermo, Messina e Catania


Corsi ECM

 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

I più letti

 
 

Corsi, Convegni, Eventi

 
 
 
 
 
 

Guarda i nostri video

Guarda i nostri video

Canino incluso: la pianificazione digitale

 
 
 
 
 
 
chiudi