HOME - Interviste
 
 
03 Febbraio 2023

Tumore del cavo orale, quando basta uno sguardo per salvare una vita

In occasione del World Cancer Day abbiamo sentito il prof. Giovanni Lodi che invita gli odontoiatri ed igienisti dentali a fare attenzione a qualsiasi “macchia” sospetta e indagarla 

Valentina Viganò

Nel mondo i tumori del cavo orale, insieme a quelli della laringe e della faringe, rappresentano il 10% di tutte le neoplasie maligne negli uomini e il 4%nelle donne.Secondo dati dell’AIRC, in Italia ogni anno vengono diagnosticati circa 4.500 casi di tumori alla bocca e si registrano circa 3.000 decessi. Purtroppo questo tipo di cancro viene di solito diagnosticato in fase già avanzata, quando la massa tumorale si è ingrandita al punto da richiedere interventi mutilanti, spesso con scarsi risultati. Per questo diventa centrale il ruolo dell’odontoiatra che ha la possibilità, ogni volta che guarda in bocca ad un paziente di identificare lesioni sospette ed approfondire, salvandogli così la vita. In occasione del World Cancer Day che si celebra domani 4 febbraio abbiamo incontrato il prof. Giovanni Lodi, Professore Ordinario del Dipartimento di Scienze Biomediche, Chirurgiche e Odontoiatriche dell’Università degli Studi di Milano e Direttore del Reparto di Odontostomatologia 2 dell’Ospedale San Paolo di Milano e direttore scientifico di Dental Cadmos. Il prof. Lodi è uno dei più conosciuti ed apprezzati patologi orali e da sempre si batte per sensibilizzare gli odontoiatri verso l’attenzione alla diagnosi precoci di questa neoplasia  


Prof. Lodi, qual è secondo lei l'impatto della patologia orale nell'attività odontoiatrica? 

La patologia orale ha un risvolto fondamentale nell’attività odontoiatrica, in quanto va ad indagare possibili alterazioni dei tessuti molli dell’apparato stomatognatico; risulta infatti molto importante fare attenzione a qualsiasi “macchia” o “ulcera” sospetta e giungere a una diagnosi definitiva. Tra le problematiche odontoiatriche infatti non esistono solo quelle prettamente legate alla salute dei denti, ma anche quelle che interessano i tessuti molli, come mucosa geniena, lingua, palato e labbro.  


 Quale tipologia di casi clinici affronta durante la sua attività clinica? 

Il tumore del cavo orale è spesso ancora una patologia abbastanza sconosciuta per la maggior parte delle persone e dei pazientiPer questa ancora scarsa sensibilizzazione sull’argomento, tanti pazienti purtroppo sottovalutano i primi segnali che il distretto oro-facciale invia loro e si recano dal dentista solamente quando la situazione risulta già molto compromessa: infatti il carcinoma del cavo orale possiede alte probabilità di sopravvivenza solamente se si interviene nei suoi stadi iniziali, altrimenti esse si abbassano notevolmente.Per quanto riguarda la tipologia di pazienti colpiti da questo tumore attualmente si sta osservando un cambiamento rispetto al passato: infatti il paziente classico a cui veniva diagnosticato un tumore orale era un individuo maschio, con età superiore ai 60 anni, forte fumatore e forte bevitore; mentre negli ultimi anni è comparsa una nuova categoria di pazienti, con età decisamente più bassa, senza fattori di rischio noti e in cui uomini e donne sono ugualmente rappresentati. 


Quale è l'Inter terapeutico, dalla diagnosi alle cure del caso, per un paziente a cui viene riscontrato un tumore del cavo orale? 

Il ruolo del dentista è fondamentale, perchè rappresenta il primo specialista che può riconoscere il più precocemente possibile questa tipologia di tumore.Il dentista ha quindi il compito essenziale di indagare la presenza e la natura delle lesioni orali sui tessuti molli della bocca, eseguire biopsie diagnostiche e illustrare al paziente la situazione e l’iter terapeutico. In caso di carcinoma orale il paziente dovrà eseguire ulteriori esami diagnostici e radiografici per capire la diffusione della lesione cancerosa. In seguitoil percorso continuerà con un chirurgo maxillo-facciale, che andrà ad asportare la zona compromessa con un intervento il più conservativo possibile e che restituirà la funzionalità dell’apparato stomatognatico.Spesso per i tumori già in fase avanzata è necessario optare per chirurgie  demolitive, che compromettono la qualità di vita del paziente.Per questo motivo è fondamentale la prevenzione e la tempestività della diagnosi.Successivamente il paziente potrà essere indirizzato dall’oncologo e dal radioterapista per le terapie coadiuvanti. Dopo che il paziente ha concluso la parte chirurgica e oncologica, torna in studio dal dentista dove sarà seguito da un’equipe di odontoiatri e di igienisti dentali: entrambe queste figure professionali hanno l’importante compito di riabilitare il paziente cercando di riportarlo, quando possibile, a una vita pressoché normale e a mantenere una buona qualità funzionale dell’apparato stomatognatico.Questo approccio multidisciplinare, attraverso la collaborazione stretta di più figure mediche è uno dei punti di forza dell’Ospedale San Paolo di Milano, centro ospedaliero molto all’avanguardia per la patologia orale e dove il paziente può affrontare una diagnosi di tumore orale in modo approfondito, step by step.   


Quali consigli si sente di dare ai dentisti per affrontare il più tempestivamente possibile i tumori del cavo orale? 

È importante eseguire visite di controllo routinario del cavo orale a livello di tutte le strutture che lo compongono e non soffermarsi solamente sull’aspetto dentale, ma prestare attenzione alla morfologia della bocca nella sua totalità anche durante le pulizie dentali: è infatti importante osservare tutte le mucose inclusqe quelle di lingua, mucose geniene, palato, pavimento, per verificarne lo stato di salute e l’eventuale presenza di alterazioni sospette. Questa attenzione al dettaglio è fondamentale in quanto il carcinoma orale se individuato agli stadi iniziali ha una percentuale di sopravvivenza alta, se invece il tumore viene trascurato, la sopravvivenza cala drasticamente.Inoltre è importante visitare bene tutti i pazienti e non solo quelli che appartengono ad una fascia di popolazione considerata a rischio, a causa di abitudini viziate pericolose per la salute e che predispongono il paziente stesso ad un maggior rischio di sviluppare un tumore del cavo orale: infatti attualmente la media dell’età della popolazione colpita dai tumori orali è scesa, si riscontra una percentuale maggiore di donne colpite, rispetto a quello che era lo standard in passato per questa malattia.Un ultimo consiglio è quello di non sentirsi “soli” nella lotta al Carcinoma Orale e questo vale sia per i pazienti, sia per gli specialisti del settore: esiste infatti un’associazione chiamata ACAPO fondata nel giugno 2017 con lo scopo di offrire il necessario sostegno alle persone affette da cancro della bocca e alle loro famiglie, contribuire a far conoscere questa malattia oggi ancora troppo ignorata e formare tutti i colleghi nella diagnosi di questa malattia e nella cura dei pazienti che ne sono affetti. 


Infine la preparazione?

Assolutamente, formazione e soprattutto aggiornamento è fondamentale e quando non ci si sente sicuri, si ha un dubbio, consultare un collega più esperto sulla materia. Per chi fosse interessato il prossimo 27 febbraio presso il Polo Universitario dell’Ospedale San Paolo di Milano organizziamo un corso sul paziente con cancro della bocca: in questa occasione interverranno vari specialisti del settore, che aggiorneranno i partecipanti su tutte le fasi del processo di diagnosi, cura, follow-up e riabilitazione dei pazienti affetti da questa malattia. 



Articoli correlati

La prof.ssa Giuseppina Campisi

Appena pubblicato su Dental Cadmos (accesso libero) il Lavoro della SIPMO e della SIOMMMS che mira a definire la gestione odontoiatrica dei pazienti con cancro al seno o alla prostata in terapia con...


In una recente revisione viene riassunto il ruolo di un microbioma orale equilibrato che utilizza probiotici e loro derivati nella prevenzione, presentandolo come potenziale...

di Lara Figini


“Oral Care Total Care”, il programma AIO per una diagnostica vincente. Le indicazioni del prof. Silvio Abati e del Vice Presidente AIO David Rizzo


Il vice presidente Nazionale AIO David Rizzo presenta il progetto Oral Care Total Care ed il protocollo utilizzato per individuare possibili lesioni


Obiettivo: approfondire tutte le fasi del processo di diagnosi, cura, follow-up e riabilitazione dei pazienti affetti da questa malattia. Prevista la diretta di un intervento di chirurgia oncologica


Dall’evento SEPA le raccomandazioni sul ruolo di alcuni collutori nell'igiene orale, e nel trattamento della gengivite e nella prevenzione della parodontite


La bocca ospita il secondo microbioma più complesso del corpo, dopo il colon. La relazione tra il microbioma orale e quello intestinale è oggetto di un numero crescente di...


Lo studio valuta se un dentifricio contenente enzimi e proteine salivari può migliorare la salute orale e ridurre la presenza di agenti patogeni parodontali in soggetti...

di Lara Figini


Alcune considerazioni della prof.ssa Nardi sulla necessità di implementare i protocolli di prevenzione con sedute di fototerapia per il benessere della persona assistita

di Prof.ssa Gianna Maria Nardi


Il test è un innovativo supporto per l’odontoiatra e l’igienista dentale per la prevenzione, l’individuazione precoce e il trattamento personalizzato di malattie correlate...


Altri Articoli

A Napoli operativa la clinica mobile, obiettivo: offrire un servizio territoriale di prevenzione e prima cura alle categorie più fragili della società, garantendo loro il...


Lunedì 22 aprile alle ore 9:00 il ministero della Salute organizza, con il supporto di Edra S.p.A., un incontro interamente dedicato al tema della salute femminile, in occasione della Giornata...


UNIDI ha realizzato una collettiva con 23 aziende italiane per promuovere l’eccellenza italiana e presentare l’innovazione per il settore del Made in Italy


Gli attuali 10mila pensionati liberi professionisti prendono, in media, poco più di 16mila euro l’anno, ma il dato medio è falsato, spiegano da ENPAM indicando come fare a conoscere l’importo...


In vista della Giornata nazionale della salute della donna, la prof.ssa Nardi riflette sulla medicina personalizzata al genere applicata alla salute orale

di Prof.ssa Gianna Maria Nardi


È stato nominato nel corso della recente Assemblea Generale dell'EFP. Espandere la leadership della Federazione, incentivare la formazione dei clinici,...


E’ possibile recuperare le ore mancanti e in attesa di recuperarle l’ASO può comunque essere assunto? Il parere di ANDI, IDEA e del SIASO 


La fotografia dall’indagine dell’Osservatorio Sanità di Unisalute: Un italiano su tre non fa una visita odontoiatrica o una seduta di igiene orale da oltre tre anni


Nuova puntata del podcast Dentechstry di IDI Evolution. Protagonisti di questa puntata, l’odontoiatra Gabriella Grassi e lo psicologo Feliciano Lizzadro. Il tema la medicina...


Immagine d'archivio

Dopo la sentenza del Tar era tornato il “concorsone”,  ma adesso i giudici del Consiglio di Stato hanno riabilitato il TolC test online. Cosa potrà cambiare?


Obiettivo: formare in real time i professionisti del dentale attraverso la realtà aumentata attraverso un'esperienza di apprendimento personalizzata con consulenze live a distanza


Tra abbuoni ed atre riduzioni, un odontoiatra che lo scorso triennio ha raccolgo almeno 120 crediti può assolvere l’obbligo formativo di questo triennio recuperando 46 crediti in tre anni, ecco...


La norma contenuta nel Decreto PNRR non convince il Sindacato Italiano Medici di Medicina Ambulatoriale e del Territorio (SIMMAT)


A poche settimane dalla scadenza per la re-iscrizione al Registro dei fabbricanti, una utile guida di ANTLO per capire e determinare la classe di rischio dei dispositivi fabbricati


Corsi ECM

 
 
 
 
 
 

Il Podcast
dell'Innovazione
Odontoiatrica

TUTTI GLI EPISODI
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

Iscriviti alla Newsletter

 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

I più letti

 
 

Corsi, Convegni, Eventi

 
 
 
 
 
 

Guarda i nostri video

Guarda i nostri video

La lezione di storia dell’odontoiatria del prof. Guastamacchia

 
 
 
 
chiudi