HOME - Interviste
 
 
25 Maggio 2023

Parliamo di prevenzione secondaria

Il prof. Massimo Gagliani, il dott. Matteo Basso e la dott.ssa Francesca Gelmini dialogano sulla prevenzione secondaria, come attuarla, quali i pazienti da motivare, quali gli strumenti


Per il quarto appuntamento della nuova edizione dei Teeth Talk “Pillole per passare l’esame” è stato scelto come tema di discussione la prevenzione secondaria. Obiettivo dei Teeth Talk, incontro in diretta sul canale Insagram di Edra Dentistry Book, è quello di aiutare gli studenti ad assorbire alcuni importanti concetti e ma anche di dare qualche spunto ai professionisti che già operano sul campo. I Teeth Talk sono realizzati in collaborazione con Curasept

A dialogare con il prof. Massimo Gagliani sono stati il dott. Matteo Basso, Odontoiatra specializzato in Parodontologia, e la dott.ssa Francesca Gelmini, Coordinatrice Clinical Specialist in Curasept.
Durante la diretta si è parlato di prevenzione di come i trattamenti di igiene possono prevenire l’insorgenza della carie e della malattia parodontale e di come una cattiva salute orale incide sulla salute generale. 

Abbiamo trasformato il dibattito in una intervista che vi proponiamo.  


Sappiamo quanto sia importante la prevenzione per prevenire patologia legate al cavo orale a cominciare della carie. Ma possiamo dire che la prevenzione serve anche dopo le terapie? 

Dott. Basso: È assolutamente corretto. Sappiamo bene come la più moderna ricerca e sviluppo in ambito odontoiatrico abbia permesso di sviluppare prodotti per l’igiene orale quotidiana in grado di remineralizzare saldamente lo smalto e la dentina nonché di prevenire la carie se abbinati ad una corretta e scrupolosa igiene orale meccanica. Ma la carie, come sappiamo, è solo una delle problematiche che possono interessare il cavo orale. Durante la nostra prima diretta abbiamo parlato di antisettici e spiegato perché la clorexidina è il gold standard riconosciuto in tutto il mondo per il trattamento delle patologie parodontali e perimplantari in fase attiva. Ma, una volta trattati e stabilizzati, questi pazienti devono intraprendere un percorso di mantenimento con l’obiettivo di preservare la salute orale nel tempo. 


Quindi una volta tratta il paziente, la prevenzione diventa il vero strumento per mantenere la salute orale.

Dott. Basso: È esattamente così: un paziente trattato per problematiche parodontali rimarrà sempre un paziente con un livello di rischio di riammalare, e quello con trattamenti implantari presenta condizioni di rischio di ammalare di problematiche più rapide e aggressive rispetto ai denti naturali; il mantenimento dopo le terapie rappresenta la fase in cui, insieme al professionista, il paziente si prenderà cura della propria bocca in un’ottica di prevenzione secondaria che gli consentirà di scongiurare future ricadute. Un’attenzione particolare alla cavità orale che non è richiesta solo a coloro che sono stati trattati per pregresse patologie di natura parodontale e perimplantare, ma che è opportuno estendere anche a tutti i pazienti a rischio che, per la loro igiene quotidiana domiciliare, è importante scelgano prodotti specifici.


Vogliamo precisare quali sono i soggetti a rischio e come l’igiene orale può incidere sulla loro salute generale? 

Dott. Basso: Assolutamente sì e credo sia importante. Pensiamo ai pazienti con comorbidità: diabete, malattia cardiocircolatoria, ecc.; ai pazienti fumatori o con ridotte difese immunitarie. Le situazioni cliniche che possono avere una relazione stretta con il cavo orale sono diverse. Partiamo dal paziente diabetico: gli studi hanno dimostrato da tempo una correlazione tra diabete e parodontite. Se da un lato la parodontite è una complicanza frequente nel diabetico, dall’altro questa infiammazione gengivale che arriva a interessare i tessuti di sostegno dei denti può peggiorare il quadro clinico di coloro che soffrono di diabete rendendo più complesso, per esempio, il controllo glicemico. Oppure pensiamo a come lo squilibrio che si viene a creare tra le specie batteriche presenti nella nostra bocca in caso di infiammazione gengivale possa portare in circolo alcuni microorganismi molto pericolosi per il cuore e la salute generale della persona. Per tutte queste ragioni, è fondamentale i pazienti scelgano prodotti di mantenimento specialistici per l’igiene orale: in questo è il sicuramente il professionista a fare la differenza con il suo consiglio.  


E quali sono questi prodotti? 

Dott. Basso: Per parlare di questi prodotti, è importante introdurre il concetto di eubiosi e disbiosi del cavo orale dove per eubiosi intendiamo la condizione di equilibrio del microbiota orale, mentre la disbiosi è quel fenomeno che si verifica quando vengono compromessi i normali rapporti simbiotici tra i batteri con un conseguente aumento dei batteri nocivi e una conseguente riduzione dei batteri benefici.Alla luce di ciò, è fondamentale scegliere prodotti per l’igiene orale quotidiana che lavorino per mantenere il microbiota orale in eubiosi, come lo sono quelli a base di oli vegetali ozonizzati. L’ozonoterapia in ambito odontoiatrico non è una novità: a livello professionale, infatti, è stata introdotta quarant’anni fa e consiste nell’applicazione di una miscela di ossigeno e ozono generata da apparecchi elettromedicali dall’effetto antibatterico, ossigenativo dei tessuti, immuno-modulante, emostatico, ecc. Da qualche anno a questa parte, però, si è riusciti a mettere a punto formulazioni di prodotti per uso domiciliare proprio a base di ozono per sfruttare l’efficacia di questa molecola anche fuori dallo studio dentistico. 

Dott.ssa Gelmini, Curasept se non sbaglio ha una linea dedicata. 

Dott.ssa Francesca Gelmini: Esatto. Mi allaccio alla considerazione appena espressa da Matteo per parlarvene. La difficoltà intrinseca nel praticare l’ozonoterapia, ha spinto la ricerca a studiare e individuare dei processi che permettano di immagazzinare la molecola di ozono in substrati biologici che possano essere inseriti in formulazioni ad uso domiciliare. La soluzione è stata individuata proprio nell’immagazzinare l’ozono in oli vegetali ad alta insaturazione che hanno consentito di sviluppare prodotti come dentifrici, collutori e gel per un utilizzo topico quotidiano. Curasept ha lanciato sul mercato la linea Prevent a base di olio d’oliva ozonizzato, un prodotto ottenuto dalla combinazione del più pregiato tra gli oli vegetali, oliva extravergine, e ozono. La linea Prevent è costituita da dentifricio, collutorio e gel: prodotti ad uso quotidiano dove l’effetto batteriostatico dell’ozono che si libera dall’olio contrasta la proliferazione delle specie patogene Gram_negative anaerobiche, contribuendo a ristabilire l’eubiosi del microbiota. Tre prodotti a loro volta arricchiti con xilitolo, VP-VA Copolimer, Olio di Melaleuca, Stevia e Colostro. Una linea, inoltre, che si completa con il probiotico: un integratore alimentare che aziona le sinergia tra batteri probiotici (BifidoBacterium Lactis e Kluyveromyces Marxianus Fragilis) che, abbinati al colostro e alla biotina, aiutano il mantenimento dell’eubiosi. L’indicazione d’uso è di 1 /2 compresse al giorno a stomaco vuoto per 30 giorni ripetendo il trattamento a distanza di due mesi. 


Abbiamo parlato prevalentemente di igiene orale chimica, vuoi aggiungere qualcosa in relazione all’importanza dell’igiene meccanica magari in base alla tua esperienza sul campo? 

Dott.ssa Francesca Gelmini: Con grande piacere: parto appunto dall’esperienza maturata grazie ai corsi organizzati in università. Noi di Curasept sottolineiamo sempre in occasione dei nostri seminari con gli studenti la grande importanza della sinergia tra strumenti di igiene meccanica e chimica. Quindi è importante sottolinearlo anche oggi visto il tema dedicato a questa diretta: il mantenimento della salute gengivale nei pazienti implantari o in quelli trattati per malattia parodontale, passa necessariamente attraverso l’utilizzo di corretti strumenti di igiene orale meccanica. Lo spazzolino deve disgregare la placca mantenendosi uno strumento totalmente atraumatico: il sistema Curasept STS (Soft Touch System) è un innovativo sistema di setole morbide e flessibili, compatte e numerose. Ricordiamo inoltre l’importanza degli scovolini, dei fili interdentali o degli spazzolini specialistici come implant e monociuffo. Tutti strumenti indispensabili insieme all’igiene orale chimica per garantire una cura e un mantenimento superiore del cavo orale.  

Articoli correlati

Il prof. Gagliani: si deve lavorare per rendere coscienti le popolazioni sul valore della prevenzione per farlo percepire come un investimento, ma non è semplice farlo

di Massimo Gagliani


La prof.ssa Nardi ricorda come il controllo delle patologie oro-dentali prima e durante la gravidanza migliori la qualità di vita della donna, diminuisce l’incidenza di patologie orali nel bambino...

di Prof.ssa Gianna Maria Nardi


Uno studio in vitro valuta l'effetto della configurazione della testina dello spazzolino da denti e dell’abrasività del dentifricio sullo sviluppo di lesioni cervicali non...

di Lara Figini


È vero che le sigarette elettroniche sono meno dannose di quelle tradizionali? La risposta da una ricerca italiana


approfondimenti     04 Dicembre 2023

Influenza e salute orale

Dall’ADA 5 semplici consigli da dare ai pazienti per prendersi cura della salute orale quando sono malati


Sono il 4,9% delle spese sanitarie e valgono oltre 500miliardi di dollari in tutto il mondo. Dal report EFP una nuova fotografia dei costi per le cure odontoiatriche e di come si...


La recente revisione sistematica con meta-analisi mira a stabilire un risultato clinicamente rilevante di gerarchia dei diversi approcci adesivi e/o restaurativi per ripristinare...

di Lara Figini


Per promuovere la remineralizzazione è possibile un’azione sinergica tra le proteine della matrice dello smalto, in particolare il peptide...

di Arianna Bianchi


La revisione sistematica valuta la coincidenza della presenza di carie dentale tra gemelli monozigoti (che hanno codici genetici identici) e gemelli dizigoti (che condividono...

di Lara Figini


igienisti-dentali     08 Febbraio 2024

I rischi del piercing

La prof.ssa Nardi si sofferma sui rischi, le azioni da adottare e le tecnologie da utilizzare per tutelare la salute dei pazienti che hanno scelto di inserire nel cavo orale dei piercing

di Prof.ssa Gianna Maria Nardi


eventi     04 Marzo 2024

Digital Dental Week

A marzo una settimana di eventi online dedicata all’odontoiatria digitale grazie ad EDRA. Scopri gli appuntamenti e gli eventi gratuiti


Altri Articoli

Andrea Piantoni

“Sono molto onorato e orgoglioso di poter assumere questo ruolo in IDI Evolution, che considero la mia famiglia, e di poter proseguire il percorso iniziato ormai diversi anni...


47 gli odontoiatri denunciati, 5milioni di euro il valore dei beni sequestrati e 33 milioni di euro l’ammontare delle tasse non versate


Il dott. Migliano sulla sperimentazione in Lombardia del percorso di apprendistato per ASO e non solo


ANDI dettaglia gli aumenti salariali (indicativi) per i dipendenti degli studi odontoiatrici con l’entrata a regime del nuovo CCNL


L’applicazione si applica anche alle lavoratrici degli studi odontoiatrici con rapporti di lavoro dipendente a tempo indeterminato sia già instaurato che in via di instaurazione


Acquisire le conoscenze e le competenze idonee per riconoscere i segni e i sintomi caratteristici di tale condizione al fine di prevenire e/o attutirne le conseguenze


Immagine di repertorio

L’odontoiatra è titolare di studio, il padre lo “aiutava” curando i pazienti ma non aveva la laurea. Lo studio non era autorizzato, all’interno rivenuto un radiografico senza la...


Non si vive di sola burocrazia dicono i presidenti di AMOlp e  Andiamoinordine chiedendo alle Istituzioni di essere ascoltate e coinvolte su temi fondamentali per lo sviluppo e la sopravvivenza...


Se ne deve parlare per evitare d’innestare un circolo vizioso che penalizza studi e pazienti scrive il prof. Gagliani indicando nelle tecnologie uno dei possibili strumenti che possono aiutare...

di Massimo Gagliani


Diego Catania, Presidente dell’Ordine TSRM e PSTRP: “Siamo professioni intellettuali, la nostra autonomia non sia messa in dubbio”


Nella due giorni dei lavori a Catania focus sulla multidisciplinarietà dell’odontoiatria del domani e sull'odontoiatria di genere per aprire nuovi orizzonti di prevenzione e...


Definite anche le mansioni del CSO, contestate dal SIASO. Magenga (SIASO): “Troppo generiche, si crea solo confusione, pronti a scendere in piazza” 


8 relatori di fama internazionale, 8 moduli videoregistrati per un totale di 16 ore formative per valutare le varie scelte di come approcciare un caso mono e pluri-disciplinare


Il riconoscimento è arrivato a dicembre 2023 al termine di un audit che ha coinvolto i principali processi aziendali, con particolare riferimento a tutte le fasi di gestione...


Corsi ECM

 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

Annuncio in Evidenza


12 Febbraio 2024
Vendo immobile adibito a studio odontoiatrico dal 1960

Vendita a Chiasso centro, in Svizzera, immobile adibito dal 1960 a studio odontoiatrico composto da quattro unità operative, con autorizzazione sanitaria. Per informazioni contattare Marzio Negrini: cell. whatsapp +393756589128

 
 

Iscriviti alla Newsletter

 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

I più letti

 
 

Corsi, Convegni, Eventi

 
 
 
 
 
 

Guarda i nostri video

Guarda i nostri video

La lezione di storia dell’odontoiatria del prof. Guastamacchia

 
 
 
 
chiudi