HOME - Interviste
 
 
10 Febbraio 2014

Meno posti ad odontoiatria.  Inutile, non basta, addirittura controproducente, tutto il sistema è da riformare partendo dal rispetto delle regole: il commento del presidente CAO Giuseppe Renzo


Dopo la riduzione del 20% da parte del MIUR dei posti a disposizione dei vari Atenei per l'accesso al corso di laurea in odontoiatria il presidente CAO Giuseppe Renzo, da tempo in prima linea contro la pletora odontoiatrica, non può dirsi soddisfatto.

"L'obiettivo è tutelare i nostri giovani impedendo che si lucri sulla loro pelle predisponendoli ad una vita di laureati-disoccupati o, peggio, di sfruttati e sottoccupati. Battersi perché questo non avvenga è un dovere morale oltre che civile. Inoltre come CAO dobbiamo anche tutelare i pazienti garantendo che i dentisti che li cureranno siano preparati".
"Sembra che, finalmente, qualcosa si muova nelle incrostate meccaniche burocratiche ministeriali e ci si potrebbe anche credere a leggere le dichiarazioni rilasciate dal Ministro del MIUR sulla motivazione della riduzione dei posti a medicina e odontoiatria", continua il presidente Renzo.
Presidente CAO che ricorda come i posti indicati dal Ministero debbano ancora essere discussi nel Tavolo tecnico dove verranno portati da parte del Ministero della Salute e della FNOMCeO i dati sul fabbisogno di professionisti.

"La CAO Nazionale ha già motivato, ampiamente e in modo documentato, anche per il numero di iscritti agli albi provinciali (prossimo ai 60.000) che il fabbisogno di dentisti per il prossimo anno è pari a zero. Il sistema presenta delle storture evidenti che non sono solamente caratterizzare dalla libera circolazione degli studenti in Europa , ma, e ci ripetiamo per l'ennesima volta, si devono trovare risoluzioni  urgenti attraverso adeguate normative comunitarie ".

Il riferimento è, anche,  all'accordo tra l'università di Tor Vergata e quella del Buon Consiglio di Tirana che permette agli studenti iscritti in Albania di laurearsi con un diploma italiano.

"A parere di molti, oltre che il mio -continua Renzo-  si devono sanare le storture e non certificare quelle che appaiono (non avendo fornito in merito risposte chiare e rassicuranti nell'interesse del sistema salute e dei cittadini) delle "furberie". Quel corso di laurea sta formando 130/150 studenti  italiani (con quali strutture e personale docente?) in collaborazione con il nostro Ateneo, quindi  il corso di laurea di Tor Vergata non può vedersi riconosciuti i 34 previsti per la sede romana. Anzi il numero di posti a disposizione dovrà avere discenti pari a zero per bilanciare una parte di quelli già iscritti. Se, invece, tutto rientra nella norma lo si dica, vorrà dire che qualcuno ha cambiato le regole senza dirlo".

E sulla possibilità per gli studenti italiani di laurearsi all'estero e ritornare in Italia a lavorare il presidente CAO la giudica una "pesante e presente variabile che contribuisce, assieme agli ingressi per  ricorso ai TAR, a rendere inutile ogni programmazione nazionale e, certamente fuori controllo quella in atto attuata".

"I giovani e le loro famiglie continuano e continueranno a versare decine di migliaia di euro nelle tasche dei mercanti della formazione finalizzando tale investimento all'ottenimento di un certificato di laurea. I "certicaturifici" fanno affari d'oro ed aprono nuove sedi: in Svizzera ancorché in Albania ma le conseguenze sono molto negative a cominciare dal creare un numero pletorico di medici destinati ad una vita da disoccupati/sottoccupati/sfruttati , con l'aggravante che per ottenere questo status gli stessi e le loro famiglie hanno versato nelle tasche dei faccendieri da 50 a 100 mila euro oltre ai costi di mantenimento in paesi terzi".

Sui ricorsi al Tar il presidente Renzo si chiede come i vari Atenei, costretti ad iscrivere decine e forse centinaia di studenti oltre al numero previsto, riusciranno a formarli. "Un sistema, già posto in grave difficoltà per risapute e storiche inefficienze la cui soluzione non più rinviabile dovrà prevedere financo la chiusura di corsi di laurea palesemente inadeguati, che rischia di trascurare la sicurezza delle cure e la qualità dell'assistenza sanitaria data dai futuri medici e dentisti".

L'ultimo commento del presidente CAO è per il Ministro dell'Università.

"Viene da chiedersi se il Ministro Carrozza, che non risponde neanche alle interrogazioni parlamentari presentate da 15 Senatori e 14 Deputati , è  assente oppure incapace di cogliere le storture la dove chi ha occhi per vedere riesce a vederci chiaro? E' un dovere morale, civile, che chi come noi non ha interesse a far perpetuare l'inganno urli la propria disapprovazione.
Noi abbiamo occhi per vedere e urliamo da tempo; altri, compresi gli addetti e i responsabili, no."

Articoli correlati

La recente norma sulla neutralità fiscale le rende ancora più convenienti per aggregarsi. Il presidente CAO Roma ci spiega cosa sono e perché possono essere un ottimo strumento...


Il collaboratore che opera in più studi non deve avere la valutazione dell’esperto di radioprotezione trattandosi di personale classificato come “non esposto”


Nessun obbligo di nomina da parte del collaboratore odontoiatra di un proprio specifico personale esperto di radioprotezione


L’allarme parte dalla provincia di Bolzano dove i NAS hanno avviato controlli a tappeto per intercettare ASO che svolgono attività cliniche di prevenzione di competenza degli...


Una nota della FNOMCeO ricorda le competenze dell’Ordine territoriale e quello di iscrizione. Questi i compiti del Direttore sanitario e i suoi obblighi


A 48 ore dal via della tre giorni elettorale il presidente uscente CAO Giuseppe Renzo (nella foto) snobba le richieste di Odontoaitria33 (ed i suoi lettori) di poterlo intervistare e sceglie...


Ad una settimana dal voto per il rinnovo della FNOMCeO e della CAO Nazionale (previsto per questo fine settimana, lunedì 22 compreso), il Consiglio Nazionale (l'assemblea dei 106 presidenti...


Tra i punti centrali del Ddl Lorenzin c'è la riforma degli Ordini delle professioni intervenendo, tra le altre cose, anche sulla composizione e sulle elezioni degli organi di rappresentanza....


Una legge sull'equo compenso: è quanto chiedono Architetti, Ingegneri e Avvocati al Governo. Per questo hanno organizzato una manifestazione che si svolgerà a Roma il 13 maggio 2017...


La notizia che fa andare su tutte le furie il presidente CAO Giuseppe Renzo (nella foto) è quella dell'annuncio del possibile voto di fiducia al testo del Ddl Concorrenza così come...


Altri Articoli

Durante la permanenza il team ha vissuto a stretto contatto con la popolazione locale, adattandosi alle loro abitudini alimentari basate principalmente sul riso e visitando tra...


Una ricerca di Philips Sonicare, in collaborazione con la dott.ssa Angelica Cesena, svela l’impatto dell’igiene orale su estetica e benessere. Sotto la lente d’ingrandimento...


Anche per odontoiatria ai 27 stati membri della Comunità è stato chiesto di adeguare, entro il 2026, i requisiti minimi di formazione alle nuove competenze. Le riflessioni di AIO


La pubblicità deve essere chiaramente riferita alla struttura che ha l’autorizzazione sanitaria e non al marchio. La Commissione conferma la sospensione per il Direttore...


I dati diffusi dal MEF (2022, dichiarazione 2023) indicano una crescita delle partite Iva soggette ad ISA mentre il fatturato è stabile


Roberto Messina, presidente di Senior Italia Federanziani e responsabile terza età della Lega, è agli arresti domiciliari con l’accusa di truffa, associazione a delinquere e riciclaggio


D’ora in poi l’appuntamento si terrà con cadenza annuale. Offrirà ai soci l’opportunità di un confronto senza i vincoli inevitabilmente posti dalle manifestazioni...


Il nuovo libro EDRA in collaborazione con Styleitaliano per approfondire le tecniche ed i materiali per offrire ai propri pazienti soluzioni estetiche, pratiche, funzionali, biologicamente...


Sesta puntata del podcast Dentechstry di IDI Evolution dedicata all’innovazione tecnologica e come sta modificando, in meglio, le cure odontoiatriche ma anche il rapporto con il paziente....


L’odontoiatra Dario Tamburrano torna a Strasburgo. Aveva seguito le politiche energetiche e le questioni inerenti i dispositivi medici ed in particolare la stampa 3D


Le considerazioni ed i consigli del prof. Antonio Pelliccia che ricorda che il prezzo non lo si determina solo guardando i conti ed indica 5 aspetti base da considerare


Il contributo previdenziale del 4 per cento a carico degli specialisti esterni è pienamene legittimo, e le società accreditate con il Servizio sanitario nazionale hanno l’obbligo di versarlo...


Secondo uno studio commissionato dall'ADF, le malattie parodontali associate alle patologie correlate provocano un costo sanitario che sfiora il miliardo di euro


Un evento per celebrare i 20 anni di attività, ripercorrere quanto fatto e guardare ai progetti futuri


Corsi ECM

 
 
 
 
 
 

Il Podcast
dell'Innovazione
Odontoiatrica

TUTTI GLI EPISODI
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

Iscriviti alla Newsletter

 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

I più letti

 
 

Corsi, Convegni, Eventi

 
 
 
 
 
 

Guarda i nostri video

Guarda i nostri video

La lezione di storia dell’odontoiatria del prof. Guastamacchia

 
 
 
 
chiudi