HOME - Lettere al Direttore
 
 
24 Gennaio 2022

Oltre al virus un nuovo nemico invisibile: l’inflazione

Nemico che Maurizio Quaranta intende come effetto collaterale del virus ritenendo che il settore dentale lo stia non considerando o sottovalutando


Nel settore odontoiatrico siamo da sempre abituati a combattere contro il “nemico invisibile” sin da quando si è trattato di epatite “non A e non B” oggi a tutti nota come Epatite C piuttosto che  di AIDS, di Legionella o di altri virus e lo abbiamo fatto sempre con efficacia ed efficienza, tanto che anche negli ultimi due anni, quando si è trattato di combattere il COVID-19, senza voler sminuire gli effetti nefasti dello stesso, per noi è stato come combattere solo contro solo l'ultimo "nemico invisibile".
Ora sta comparendo all’orizzonte, come effetto collaterale del virus, un nuovo “nemico invisibile” così come individuato da Ferruccio De Bortoli che da qualche mese ci mette sull’avviso del “rischio di sottovalutare la portata e la durata dei rincari di molte materie prime” che mettono a repentaglio la tenuta dei margini a tutti i livelli. 

Evidentemente il settore odontoiatrico italiano non è avulso dal resto del mondo economico globale ed i segnali dei primi aumenti di prezzo, che sono già arrivati nel mese di Dicembre e che hanno travolto gli Uffici Acquisti di tutte le aziende con rincari medi intorno al 5-6% oltre che con una serie di difficoltà nei rifornimenti, hanno dimostrato che i contratti in essere non riescono a far da barriera se si vuole comunque disporre di prodotti, di materie prime e/o di semilavorati. 

Sono ben conscio che qualcuno incomincerà subito ed a torto a parlare di speculazione, che sicuramente in qualche campo esiste, ma che nel dentale non è proprio il caso visto che non solo già si fronteggiano l’un contro l’altro armato chi produce e chi distribuisce, ma soprattutto visto  che ci penserà  anche il libero mercato a premiare la serietà commerciale o a  punire eventuali sparuti atteggiamenti speculativi, che andranno sicuramente condannati e repressi. 

Scusate, proviamo a domandarci: ma se è vero come è vero che questo processo inflattivo è già in atto, come mai tutti noi nel dentale continuiamo ad avere una percezione collettiva di un’inflazione ufficiale ancora bassa?  

Sarà sicuramente colpa di una cultura finanziaria che nel settore ancora latita, tanto che l’era degli interessi negativi che oramai ci circonda non ci ha mai preoccupati, così come sarà sicuramente colpa delle offerte che nel dentale da anni ci hanno fatto dimenticare che “una volta” esistevano i prezzi di listino, che ancora esistono, ma che nella nostra testa sono stati sostituiti dai prezzi delle super offerte dai quali partire per negoziare gli sconti, come se fosse tutto un grande Black Friday. 

Questo deve preoccuparci perché l’inflazione oramai è ripartita e non potrà più essere così.
E quello che deve ancor più preoccuparci è il fatto che quasi tutti gli attuali attori del settore odontoiatrico conoscono molto bene gli effetti della deflazione con la quale sono cresciuti ed hanno convissuto nell’ultimo cinquantennio, ma poco o nulla sanno dell’inflazione che in Italia ha già prodotto e potrebbe ancora produrre effetti nefasti, se non governata con mano sicura da nocchiero. Questo ovviamente non deve significare un ingiustificato aumento dei prezzima un serio controllo delle previsioni per il 2022, una verifica approfondita della struttura dei costi con nuove  modalità di interazione, oggi da tutti  facilmente fruibili grazie alle nuove tecnologie che utilizziamo quotidianamente nel gestionale.

Dott. Maurizio Quaranta, Advisor ADDE

Articoli correlati

Per il dott. Caprara, il punto principale è capire quale può essere il nostro obiettivo e quale la nostra sfera di influenza


Moyra Girelli: “Veramente noi donne per affermarci professionalmente e raggiungere posizioni di vertice dobbiamo imparare dagli uomini? Che cosa, nello specifico, dobbiamo imparare? 


L’esperienza della dott.ssa Patrizia Biancuci: “il tetto di cristallo esiste ma le donne devono saper puntare i piedi per romperlo, ma anche riuscire a fare cambiare i retaggi...


Per la dott.ssa Tarditi il problema è da ricercare nei materiali, si deve chiedere alle aziende di produrre materiali più ecologici ed eco compatibili


Altri Articoli

L’On. Dario Tamburrano, odontoiatra romano, è l’unico dentista italiano, e forse anche europeo, nel nuovo parlamentare europeo. Avevamo annunciato la sua elezione in questo...

di Norberto Maccagno


Chi non ha effettuato la nuova registrazione non può emettere dichiarazione di conformità per i dispositivi realizzati. E’ comunque ancora possibile registrarsi


Un diplomato odontotecnico svolgeva l’attività dell’odontoiatra, la segretaria quella di ASO. Nei guai anche un terzo soggetto che potrebbe essere il direttore sanitario


Presentato oggi durante il convegno: Odontoiatria italiana, il futuro passa per una formazione universitaria basata su intelligenza artificiale e tecnologie


Sono esclusi i liberi professionisti e gli studi associati, possono goderne le Società odontoiatriche, sia Srl che Stp. Le indicazioni dei consulenti fiscali AIO


Pressoché invariato per odontoiatria, 1585 i posti, la CAO ne aveva indicati 1200. Per i corsi in Igiene dentale il numero di posti disponibili sarà 755


L'azienda fornirà una suite di prodotti di consumo, apparecchiature e tecnologie per aiutare gli odontotecnici ad accelerare la trasformazione digitale


45 i posti disponibili, di questi il 70% riservato ai residenti. Il costo: 300 euro per i residenti, 600 euro per i non residenti. Entro il 9 agosto le domande di iscrizione


Cairo (SIdP): lavoriamo per promuovere la formazione e la sensibilizzazione verso una malattia ancora troppo sottovalutata. Ghirlanda (ANDI): solo il 30% dei dentisti è consapevole...


La prof.ssa Nardi ricorda come la carenza di vitamina D sia stata associata a una maggiore prevalenza del rischio di parodontite e infiammazione gengivale

di Prof.ssa Gianna Maria Nardi


Come ottenere 5mila euro per essere ospitati in uno dei collegi universitari accreditati. Attivo il bando ENPAM 2024


La società tedesca promuove un’odontoiatria più sostenibile, dimostrando che è possibile coniugare eccellenza tecnologica e rispetto per l'ambiente


L’Associazione dentisti americana mette in guardia i pazienti verso i soggetti che privi di abilitazione professionale propongono faccette dentali 


La selezione dei nuovi docenti AIO under 40 mette le ali. A breve saranno scelti i dieci finalisti che esporranno nel 2025 al 5° Congresso AIO Academy a Palermo


 
 
 
 

Il Podcast
dell'Innovazione
Odontoiatrica

TUTTI GLI EPISODI
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

Iscriviti alla Newsletter

 
 

Corsi ECM

 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

I più letti

 
 

Corsi, Convegni, Eventi

 
 
 
 
 
 

Guarda i nostri video

Guarda i nostri video

La lezione di storia dell’odontoiatria del prof. Guastamacchia

 
 
 
 
chiudi