HOME - Lettere al Direttore
 
 
28 Marzo 2022

L’odontotecnico non vuole essere un dentista di serie B ma una professione ben diversa e riconosciuta

Marin (ANTLO): l’odontotecnico è già oggi all’interno della sanità, noi però volgiamo diventare una professione regolamentata per continuare ad esistere e non scomparire


Gentile direttore, vorrei esporre una serie di riflessioni sulla sentenza del TAR Lazio sul ricorso contro il parere negativo del Ministero della Salute a poter utilizzare la legge 43/06 per elevare a professione sanitaria l’odontotecnico.Già, perché su questo il TAR si è pronunciato, non se l’odontotecnico può essere o non essere professione sanitaria. 

Peraltro mi ha fatto molto sorridere leggere i titoli di molti articoli, non quello pubblicato su Odontoiatria33, che titolavano: l’odontotecnico non è una professione sanitaria. 

Sai che novità, da oltre vent’anni ci battiamo perché lo sia, se l’odontotecnico fosse una professione sanitaria non ci sarebbe stata la sentenza. E questo lo rilevano anche i Giudici del TAR chiarendo che si sono espressi solo sul quesito posto: ovvero se si potesse utilizzare la 43/2006. 

Capisco anche i sindacati odontoiatrici che hanno sfruttato l’occasione per strumentalizzare la sentenza del TAR tornando a ribadire le loro posizioni: l’odontotecnico non può essere una professione sanitaria.
La motivazione principale che sembra impedire il percorso di riconoscimento è la sovrapposizione di competenze e percorsi formativi che secondo noi sono assolutamente improbabili perché sono ipotizzabili competenze e percorsi formativi che non si sovrappongono. 

Sta qui il perché di questo scritto: la professione di odontotecnico come professione sanitaria non sarebbe quella di un odontoiatra di serie B. Ed è sbagliato continuare a voler cavalcare i presunti rischi di vedere l’odontotecnico in ambito sanitario, perché in realtà l’odontotecnico è già oggi in ambito sanitario.  

Lo spiega molto bene la sentenza del TAR quando ricorda che l’odontotecnico è inquadrato come arte ausiliaria sanitaria.Peraltro il TAR Lazio conferma che la costruzione della protesi è esclusiva dell’odontotecnico indicandolo come “fabbricante del dispositivo medico e, quindi, soggetto abilitato alla sua produzione”.Si aggiunga che qualsiasi assicurazione o giudice non entrano neppure nel merito del contenzioso se l’odontoiatra non riesce a produrre la certificazione di conformità del dispositivo medico su misura fornita da un laboratorio odontotecnico iscritto al registro del Ministero.  

Nell’ambito sanitario dove già siamo inseriti, noi vogliamo diventare una professione regolamentata con un nuovo percorso formativo che porta all’abilitazione. 

Oggi non è più possibile rimanere nell’ambito delle arti ausiliarie sanitarie per le responsabilità che l’odontotecnico ha nel fabbricare il dispositivo medico che realizza su prescrizione dell’odontoiatria.  

Il fatto di ambire a diventare professione all’interno dello stesso ambito in cui da quasi 100 anni l’odontotecnico è già, quello sanitario, non deve essere uno scandalo e non sarebbe neppure la prima volta. 

La riforma delle professioni sanitarie aveva già previsto l’evoluzione di esercenti le arti sanitarie ausiliarie quali ad esempio l’audioprotesista e il tecnico ortopedico, simili per competenze all’odontotecnico, in professioni sanitarie laureate. Quindi perchè trovare contrarietà all’evoluzione in professione sanitaria dell’odontotecnico È evidente che l’evoluzione da arte sanitaria ausiliaria in professione sanitaria laureata non è un’aggressione alle competenze di altre professioni sanitarie quali il medico o l’odontoiatria bensì la delineazione di un professionista della salute che adegua competenze e formazione alle mutate esigenze di risposta ai bisogni di salute anche per meglio collaborare in questo obiettivo primario con lo stesso medico o odontoiatra. 

Purtroppo so bene che tutti gli odontoiatri italiani sanno che questo è necessario, quello che a tutti non è chiaro è che se l’odontotecnico non evolverà in professione rischia l’estinzione e la protesi affidata alle aziende metalmeccaniche via modem comporterà il rischio che anche per la protesi l’odontoiatra verrà scavalcato così come sta capitando per l’ortodonzia. 

Gentile direttore, la domanda che pongo ai suoi lettori odontoiatri è: ma senza il vostro tecnico riuscireste a gestire la riabilitazione via telefono con il service che vi fornisce impianti e corone contemporaneamente, spesso senza una dichiarazione di conformità valida? 

Se si allora è vero che noi non serviamo più, e continuate pure a sostenere che l’odontotecnico può ancora essere il meccanico dentista, ma se non è così vorremmo un serio confronto con i vostri dirigenti sindacali per trovare il percorso adeguato al fine di garantire la sopravvivenza della nostra professione e di conseguenza la salute dei pazienti che solo voi potete curare, e finalmente potremo contrastare con strumenti realmente efficaci abusivismo e prestanomismo.  

Mauro Marin: presidente nazionale ANTLO

Articoli correlati

Per il Consiglio di Stato è superato lo status di arte ausiliaria e non esistono rischi di sovrapposizione con gli odontoiatri


Rispetto a quello presentato dalla Senatrice Boldrini non compare più l’articolo che consentiva all’odontotecnico prove di verifiche di congruità in studio su richiesta e sotto la...


Presentate le proposte per il riconoscimento del profilo dell’odontotecnico


CNA-SNO presenta istanza al Ministero della Salute per il riconoscimento secondo la Legge Lorenzin


Marin, dalla sentenza molti punti fermi che Ministero ed Istituzioni dovranno tenerne conto, come la collocazione in ambito sanitario e l’esclusività della fabbricazione della protesi 


Il Ministero della Salute dovrebbe varare a settembre il provvedimento relativo alle nuove modalità di conferimento delle informazioni da parte dei fabbricanti di dispositivi su misura


Quanto è possibile farlo, la fatturazione può essere elettronica, i dati si devono inviare al Sistema Tessera Sanitaria? Le indicazioni del consulente fiscale dell’Associazione


Con due note separate i sindacati scrivono al Ministero della Salute segnalando percorsi formativi destinati alle ASO per la realizzazione di dispositivi medici su misura ad uso odontoiatrico in...


Maculan: il vero obiettivo è difendere l’esclusività della fabbricazione della protesi. Già oggi il diplomato odontotecnico è l’unico responsabile della fabbricazione ma nessuno controlla se...


L’appuntamento destinato a catalizzare l’attenzione degli odontotecnici italiani si presenta in una veste rinnovata e con una proposta di sessioni ancora più ricca


Barbarossa: la sentenza ha scardinato un monolite che si è dimostrato un gigante d’argilla. Un risultato concreto che apre le porte ad un nuovo futuro


Altri Articoli

Un Decreto del Presidente della Repubblica accoglie il ricorso CAO, ANDI, AIO contro l’autorizzazione sanitaria concessa in Friuli ad uno studio di igiene dentale


Andrea Piantoni

“Sono molto onorato e orgoglioso di poter assumere questo ruolo in IDI Evolution, che considero la mia famiglia, e di poter proseguire il percorso iniziato ormai diversi anni...


Attraverso il nuovo CCNL vengono definite formazione e mansoni. Per diventare CSO si dovrà frequentare un corso di 90 ore, potrà organizzarlo solo ANDI


Per la prof.ssa Nardi, la prevenzione ha un valore fondamentale che deve essere espresso a livello globale, sia in ambito pubblico che privato, per permettere a tutte le persone assistite degli...

di Prof.ssa Gianna Maria Nardi


Per la Società Italiana di Ortodonzia, alcune malocclusioni possono essere intercettate già a 5/6 anni, queste alcune indicazioni per i genitori


Pensato per persone con disabilità è una sorta di trackpad inserito in una mascherina trasparente posizionata nell’arcata superiore e realizzata con una stampante 3D 


47 gli odontoiatri denunciati, 5milioni di euro il valore dei beni sequestrati e 33 milioni di euro l’ammontare delle tasse non versate


Il dott. Migliano sulla sperimentazione in Lombardia del percorso di apprendistato per ASO e non solo


ANDI dettaglia gli aumenti salariali (indicativi) per i dipendenti degli studi odontoiatrici con l’entrata a regime del nuovo CCNL


L’applicazione si applica anche alle lavoratrici degli studi odontoiatrici con rapporti di lavoro dipendente a tempo indeterminato sia già instaurato che in via di instaurazione


Acquisire le conoscenze e le competenze idonee per riconoscere i segni e i sintomi caratteristici di tale condizione al fine di prevenire e/o attutirne le conseguenze


Immagine di repertorio

L’odontoiatra è titolare di studio, il padre lo “aiutava” curando i pazienti ma non aveva la laurea. Lo studio non era autorizzato, all’interno rivenuto un radiografico senza la...


Se ne deve parlare per evitare d’innestare un circolo vizioso che penalizza studi e pazienti scrive il prof. Gagliani indicando nelle tecnologie uno dei possibili strumenti che possono aiutare...

di Massimo Gagliani


Diego Catania, Presidente dell’Ordine TSRM e PSTRP: “Siamo professioni intellettuali, la nostra autonomia non sia messa in dubbio”


 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

Annuncio in Evidenza


12 Febbraio 2024
Vendo immobile adibito a studio odontoiatrico dal 1960

Vendita a Chiasso centro, in Svizzera, immobile adibito dal 1960 a studio odontoiatrico composto da quattro unità operative, con autorizzazione sanitaria. Per informazioni contattare Marzio Negrini: cell. whatsapp +393756589128

 
 

Iscriviti alla Newsletter

 
 

Corsi ECM

 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

I più letti

 
 

Corsi, Convegni, Eventi

 
 
 
 
 
 

Guarda i nostri video

Guarda i nostri video

La lezione di storia dell’odontoiatria del prof. Guastamacchia

 
 
 
 
chiudi