HOME - Lettere al Direttore
 
 
05 Ottobre 2022

Utilizzo della Cone Beam, la 101 non limita l’odontoiatra a fare solo terapia

A ricordarlo è il presidente Cacioppo (RAD) sottolineando come la sentenza (erroneamente) insinua che l’attività odontoiatrica sia limitata alla sola terapia e che invece la diagnosi sia deputata al radiologo


Caro direttore, Sono un odontoiatra libero professionista dal 2007. Mi occupo di radiologia odontoiatrica e di radioprotezione da quasi un ventennio e sono detentore di CBCT praticamente dall’inizio della mia carriera. Dal 2020, insieme ad alcuni amici e colleghi, ho fondato una associazione didattico-culturale con un ben preciso focus sulla radiodiagnostica: la RAD – Academy of Digital Dentistry and Dental Radiology, di cui mi pregio essere stato eletto presidente. Con la RAD stiamo cercando di costruire una “coscienza” radiodiagnostica, non solo burocratica ma anche clinica, basata sulla conoscenza delle leggi oltre che delle applicazioni diagnostico-terapeutiche. 

Nel suo articolo del 30 settembre 2022 ha commentato una recente sentenza della Corte Suprema di Cassazione che ha rigettato il ricorso di un collega odontoiatra che era stato condannato dal Tribunale di Palermo “per aver esposto numerosi pazienti a radiazioni ionizzanti con apparecchiature Cone Beam senza giustificarne il ricorso, senza documentate esigenze diagnostiche e senza valutare i potenziali vantaggi diagnostici terapeutici”. 

Le leggi esistono e bisogna conoscerle…. Ma bisogna conoscerle tutte!

Non si può parlare di “attività radiodiagnostica complementare” in ambito odontoiatrico senza conoscere la legge che istituisce la professione odontoiatrica. Senza conoscere i confini, le caratteristiche e le regole di questa professione. Come si legge chiaramente all’art. 2 della Legge 409 del 24 Luglio 1985, “Formano oggetto della professione di odontoiatra le attività inerenti alla diagnosi ed alla terapia delle malattie ed anomalie congenite ed acquisite dei denti, della bocca, delle mascelle e dei relativi tessuti, nonché alla prevenzione ed alla riabilitazione odontoiatriche”.

Alla diagnosi ed alla terapia. Ebbene il nodo della questione è tutto lì. Bisogna capire che la nostra professione non è soltanto terapeutica. Certo, ci mancherebbe, ma è anche, oserei dire soprattutto, diagnostica. 

Il paziente non viene per curare i denti ma in primis per sapere quali denti necessitano di cure, se necessitano realmente di cure, di quali cure possano necessitare…. in poche parole, viene per ricevere una diagnosi. Seguita, sia ben chiaro, da uno o più piani di trattamento (ove possibile) e da altrettanto necessari preventivi di spesa (obbligatori per legge).Parlando di diagnosi e stando alla succitata Legge 409/1985, l’unica figura deputata alla diagnosi odontoiatrica è per l’appunto l’odontoiatra. Non il radiologo. Non il medico. Solo l’odontoiatra.

Certamente il radiologo è per definizione la figura deputata alla diagnostica per immagini ma, mi permetto di ricordarlo a tutti a scanso di equivoci, la diagnosi odontoiatrica non si può basare esclusivamente sulle immagini (siano esse radiologiche o fotografiche). La diagnosi si basa su anamnesi, esame obiettivo (inteso come semeiotica in senso più ampio), esami strumentali…e ove necessario (molto spesso invero) esami radiodiagnostici.

Per fare solo alcuni esempi: una carie non è semplicemente una zona di radiotrasparenza nel contesto di un elemento dentario; una lesione di interesse endodontico non è semplicemente un alone di radiotrasparenza periapicale; la parodontite non è una semplice radiotrasparenza peri-dentale…e così via. Tutti questi quadri clinici vanno sempre valutati dal clinico in un contesto diagnostico molto più ampio. Al termine di questo ragionamento l’odontoiatra formulerà la dignosi odontoiatrica.

Se durante una visita odontoiatrica si presenta la necessità, per un atto strumentale diagnostico (ebbene sì…la diagnosi non è una astrazione filosofica ma un vero e proprio atto strumentale!!!) o per un atto strumentale terapeutico, di rivolgersi alla “diagnostica per immagini radiologiche”, anche nota come radiodiagnostica per immagini, il D.Lgs. 101/2020 (prima era il D.Lgs. 187/2000) permette all’odontoiatra di espletare gli esami (tutti, quelli di sua pertinenza s’intende) in piena autonomia e nel pieno rispetto dei principi di giustificazione e ottimizzazione della dose, nel rispetto degli LDR e nel rispetto della complementarità dell’atto.

Tale complementarietà è definita con 3 caratteristiche peculiari: contestualità, integrazione, indilazionabilità.
Tale complementarietà, è bene ricordarlo, vale per tutte le esposizioni radiologiche in regime di “radiodiagnostica complementare”.
Per essere più chiari sulla faccenda: non sono “gli esami radiodiagnostici” a dover essere contestuali integrati e indilazionabili ma lo è “l’attività radiodiagnostica”, che viene permessa all’odontoiatra.

Il vero vulnus che la recente sentenza della Cassazione mette in evidenza risiede nell’insinuare che l’odontoiatra possa svolgere attività radiodiagnostica complementare solo in contestualità di una terapia. Insinua, quindi, che l’attività odontoiatrica sia limitata alla sola terapia e che invece la diagnosi sia deputata al radiologo.

Questo è semplicemente errato. Questo non tiene conto della nostra Legge istitutiva (la 409/1985) e denota ignoranza, o peggio ancora superficialità, da parte soprattutto di noi odontoiatri, che molto spesso non sappiamo quale siano i reali limiti (io preferisco dire potenzialità) della nostra professione.

E’ giunto il tempo per i dentisti di decidere se vogliono continuare con un basso profilo, nell’incertezza e nel dubbio di cosa possono fare (troppo spesso si sente un dentista chiedere “ma io posso fare diagnosi? ma siamo sicuri?), in attesa dell’ennesimo atto di “debolezza” davanti al sistema burocratico e giudiziario.
O se invece è giunto il tempo di mettersi a studiare. Non limitatamente alla clinica ed all’extraclinica (come oggigiorno amiamo definire il marketing ed il managing d’azienda), ma soprattutto le norme che ci consentono di svolgere la nostra amata professione. 
Sapere cosa possiamo, e dobbiamo, fare, come dobbiamo farlo.

A noi la scelta.

 Nino Cacioppo: presidente RAD 


Articoli correlati

Dare notizia di Leggi e sentenze è uno degli aspetti della mia professione che trovo più interessante, ogni parola deve essere soppesata per capirne il giusto significato. Per poter dare la notizia...

di Norberto Maccagno


Aveva effettuato indagini radiografiche con “Cone Beam” su pazienti che non hanno poi effettuato gli interventi di implantologia. La Cassazione ritiene che non erano “complementari” alla cura


La Cassazione conferma la denuncia penale per esercizio abusivo della professione ed il sequestro preventivo dello studio


Marin (ANTLO): l’odontotecnico è già oggi all’interno della sanità, noi però volgiamo diventare una professione regolamentata per continuare ad esistere e non scomparire


Fiorile: abbiamo sempre sostenuto che l’odontotecnico non può essere una professione sanitaria, siamo però favorevoli a rivisitare il suo percorso formativo alla luce delle nuove tecnologie


AIO, sollecitata dalle richieste di alcuni pazienti, ritorna sulla questione pubblicando una serie di consigli ed indicazioni dell’avvocato Maria Maddalena Giungato


Per gli endodontisti negli Stati Uniti ha rivoluzionato la pratica endodontica risultando un ottimo investimento nonostante l’aspetto economico


Giustificazione ed ottimizzazione, ovvero effettuare un esame accurato, garantire al paziente la minor dose di radiazioni possibili e come “dimostrarlo”. I consigli del dott. Cacioppo


Evento annuale della Federazione Italiana delle Società Scientifiche per approfondire alcuni dei temi “caldi” della professione


Rossetti: perché dico no alla frequenza almeno annuale dei Controlli di Qualità per la “protezione del paziente” in Radiologia Odontoiatrica 2D


Per chi è in pensione ma continua a lavorare conta il reddito annuo. Obbligatorio indicare nel portale CoGeAPS se si continua a lavorare per non rischiare di perdere la copertura assicurativa


La Commissione Nazionale ECM ha approvato la delibera sull’obbligo formativo per il triennio 2023/2025 e sulla possibilità di spostamento crediti al triennio precedente. Indiscrezioni su crediti...


Altri Articoli

A cura della Digital Dental Academy, offre all’odontoiatra ed all’odontotecnico un quadro dell’odontoiatria digitale dagli aspetti clinici a quelli organizzativi e merceologici 


La gestione del dolore è fondamentale per limitare le conseguenze del dolore post-operatorio[1]. Il dolore post-operatorio è il risultato di un insulto chirurgico al tessuto e...


Una Circolare per fornire indicazioni su ingresso, permanenza e fuoriuscita dal regime dei forfettari. Precisazioni anche sulla gestione


Il Gruppo Vivanta annuncia l’inizio del processo di chiusura che interesserà 143 cliniche. Per la stampa spagnola il Gruppo non ha mai prodotto utili 


E' online il corso FAD ECM su Medicina estetica odontoiatrica, relatore Michele Cassetta. Un corso per approfondire ma anche solo capire le possibilità che si sono aperte per lo studio odontoiatrico


L’On. Andrea De Bertoldi (FdI) conferma l’impegno del Governo a lavorare sui decreti attuativi, servono per incentivare le aggregazioni tra professionisti e la creazione di...


È vero che le sigarette elettroniche sono meno dannose di quelle tradizionali? La risposta da una ricerca italiana


Cronaca     05 Dicembre 2023

Iva su chirurgia estetica

Il Decreto Anticipi approda in Aula al Senato, contiene anche l’emendamento che abolirebbe l’applicazione dell’Iva alle prestazioni di chirurgia estetica


Il libro EDRA di Giuliano Garlini e Marco Redemagni per guidare i lettori, step by step, alla risoluzione di un’ampia casistica di situazioni cliniche


Per il prof. Gagliani, l’adesione non è stata solo un processo per sé stesso rivoluzionario ma ha rivoluzionato un modo d’intendere l’odontoiatra che ha spaziato in vaste...

di Massimo Gagliani


Devono inviarla i titolari di società di capitale. Ecco quando sono interessati gli studi odontoiatrici ed i laboratori odontotecnici


Approfondimenti      04 Dicembre 2023

Influenza e salute orale

Dall’ADA 5 semplici consigli da dare ai pazienti per prendersi cura della salute orale quando sono malati


Dal 2019 i professionisti sanitari non possono (vi è un divieto) emettere fatturazione elettronica per le prestazioni rese ai pazienti. Stessi sanitari che sono invece obbligati, come le...

di Norberto Maccagno


Considerati per molto tempo elementi utili o cruciali per l’ottenimento di condanne, negli anni si sono appurate criticità concernenti i rilievi identificativi delle lesioni...


 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

Iscriviti alla Newsletter

 
 

Corsi ECM

 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

I più letti

 
 

Corsi, Convegni, Eventi

 
 
 
 
 
 
 
 

Guarda i nostri video

Guarda i nostri video

La lezione di storia dell’odontoiatria del prof. Guastamacchia

 
 
 
 
chiudi