HOME - Medicina Estetica
 
 
26 Luglio 2023

Medicina estetica e corretta formazione

Una soluzione potrebbe essere quella di un apposito registro presso l’Ordine legato ad una formazione specifica. L’esperienza della CAO Roma


Se il Decreto bollette ha ampliato gli ambiti d’intervento degli odontoiatri in tema di medicina estetica, già prima del provvedimento legislativo l’odontoiatra poteva intervenire nei propri ambiti di competenza. E già al tempo alcuni Ordini si erano posti il problema di cercare di creare un elenco pubblico di odontoiatri in possesso di “idonee competenze” in tema di medicina estetica.

Tra questi l’OMCeO di Roma che dal giugno 2021, con la Deliberazione n. 177/2021 del Consiglio dell’Ordine, aveva sentito la necessità di istituire un “Registro specifico per gli iscritti all’Albo Odontoiatri che praticano la medicina estetica”.
Ad oggi sono iscritti 39 odontoiatri e 8 sono in attesa di iscrizione, dice ad Odontoiatria33 il presidente della CAO Roma Brunello Pollifrone (nella foto).  


Presidente Pollifrone, chi può iscriversi, che valore ha il registro per gli odontoiatri che si occupano di medicina estetica da voi attivato? 

Il nostro Ente, come organo istituzionale, ha da sempre svolto una funzione di controllo e vigilanza in merito all’osservanza delle norme deontologiche da parte dei propri iscritti. In particolare, ricordo che il Codice di Deontologia Medica prevede, all’art. 76-bis, che “Il medico, nell’esercizio di attività diagnostico-terapeutiche con finalità estetiche, garantisce il possesso di idonee competenze e, nell’informazione preliminare al consenso scritto, non suscita né alimenta aspettative illusorie, individua le possibili soluzioni alternative di pari efficacia e opera al fine di garantire la massima sicurezza delle prestazioni erogate”. Inizialmente, nel 2021, per dare un riferimento agli iscritti, avevamo stabilito che per l’iscrizione al "Registro esperti in terapie odontoiatriche con finalità estetiche del viso nelle pertinenti aree di competenza” fosse necessario: 

1)  avere conseguito un Master Universitario di 2° livello in Medicina/Terapie Estetiche del Viso oppure averfrequentato Corsi teorico-pratici in Medicina Estetica organizzati da Società Scientifiche accreditate presso il Ministero della Salute;

2)  aver coordinato Master di II livello Universitari o di Scuole di formazione riconosciute almeno biennali in Medicina Estetica;

3)  essere docente o essere stato docente in materie relative alla Medicina Estetica in Master di II livello negli ultimi tre anni.

A seguito dell’entrata in vigore della Legge n. 56 del 26.05.2023, pubblicata in Gazzetta Ufficiale n. 124 del 29.05.2023, i requisitivi per l’iscrizione al “Registro esperti in terapie odontoiatriche con finalità estetiche del viso nelle pertinenti aree di competenza” istituito presso l’OMCeO Roma sono stati poi adeguati: 

I) conseguimento Master Universitario di 2° livello in Medicina/Terapie Estetiche del Viso oppure aver frequentato Corsi teorico-pratici in Medicina Estetica con piano formativo coerente organizzati da Società Scientifiche accreditate presso il Ministero della Salute;

II) essere attualmente Docente in materie relative alla Medicina Estetica in Master di II livello dopo aver frequentato Corsi teorico-pratici in Medicina Estetica con piano formativo coerente organizzati da Società Scientifiche accreditate presso il Ministero della Salute   


Può essere questa la strada da percorrere per garantire che chi si occupa di medicina estetica si formi attraverso percorsi definiti, e questo anche per i medici estetici? 

Sono da sempre stato uno strenuo sostenitore della necessità, oggi non più procrastinabile, di prevedere a livello di normazione primaria e/o secondaria da parte delle autorità competenti, l’obbligatorietà di un adeguato percorso formativo per l’esercizio della medina estetica, nonché dell’iscrizione in un apposito Registro tenuto dagli Ordini professionali, a tutela del diritto alla salute del paziente e a garanzia del possesso da parte del professionista delle idonee competenze.   


Nelle scorse settimane, interpellata da SIMEO, come CAO Roma avete dato un parere sulle collaborazioni in medicina estetica odontoiatrica. Quali le possibilità per l’odontoiatra? 

All’indomani dell’approvazione delle modifiche alla Legge 409/85 moltissimi erano, e alcuni ancora rimangono, i dubbi interpretativi sulle modalità applicative da parte degli odontoiatri delle terapie estetiche sul viso. La SIMEO, in persona del suo presidente dott. Antonio Guida, ci ha chiesto di esprimerci sulla possibilità che le attività di medicina estetica da parte degli odontoiatri, nel loro rispettivo ambito di competenza, potessero svolgersi anche all’interno di studi e strutture sanitarie mediche, non necessariamente esclusivamente odontoiatriche. Partendo dal presupposto che sia il medico chirurgo che l’odontoiatra possano legittimamente svolgere l’attività di medicina estetica del viso, nell’alveo delle rispettive competenze acquisite, questo Ordine ritiene che vi sia la possibilità di avvalersi delle reciproche professionalità, indipendentemente dalla sede di espletamento dell’attività stessa, fermi restando i limiti imposti dalla normativa vigente. 

A questo link il parere completo della CAO Roma. 


Lei da tempo si batte per un chiarimento normativo sull’attività dell’odontoiatra in medicina estetica. Perché ritiene che quanto stabilito dal Decreto Bollette sia importante per la professione? 

Si tratta di un passo importante per la nostra professione perché pone le basi per una proficua collaborazione tra medici e odontoiatri, che spero si rafforzi ancora di più nel prossimo futuro.
Il punto fondamentale è la possibilità dei medici e degli odontoiatri di sviluppare una collaborazione virtuosa, finalizzata alla migliore tutela della salute del paziente e a garantire la sicurezza delle cure.   
Mi auspico, tuttavia, che le competenze necessarie alla diagnosi e ai trattamenti medici con finalità estetiche del viso vengano altresì approfondite con un ulteriore percorso formativo, successivo alla laurea, specifico per medici e odontoiatri.   


Articoli correlati

“Rendiamo cool l’armonia e la naturalezza. Il BTX Bar® Italia vuole rendere popolare quello che i nostri antenati non sono riusciti a trasmettere. Il BTX Bar® Italia è...

di Norberto Maccagno


Oggi in Italia dentisti e odontoiatri sono autorizzati a praticare la medicina estetica e a eseguire trattamenti migliorativi sul volto dei pazienti


Nuova puntata del podcast Dentechstry di IDI Evolution. Protagonisti di questa puntata, l’odontoiatra Gabriella Grassi e lo psicologo Feliciano Lizzadro. Il tema la medicina...


Il presidente Salti: alcuni studi scientifici che indicano come la tossina botulinica possa aiutare a migliorare l’umore, con impatti positivi sullo stato psicologico del paziente. 


Ne abbiamo parlato con la prof.ssa Di Gioia ed il prof. Guida. Tra i temi toccati: quello della formazione, di un registro specifico, le questioni ancora da chiarire tra cui anche quelle assicurative...


I casi da trattare, la collaborazione con dermatologo e chirurgo estetico, come spiegare al paziente che l’odontoiatra può anche fare i “ritocchini” tra gli argomenti affrontati con Michele...


Tra i temi toccati nella video intervista quello delle specialità odontoiatriche, della medicina estetica con le questioni che dovranno essere chiarite a cominciare dalla formazione e dalla tutela...


Definitivamente operative le norme che interessano gli odontoiatri tra cui quelle sulla medicina estetica ed i concorsi per lavorare nel SSN


AIO chiede l’applicazione del Codice deontologico per chi pubblica sui social commenti lesivi alla reputazione degli odontoiatri. Savini: siamo tornati all’epoca degli “odontopuffi”?


Dati nazionali e regionali presentati durante un evento organizzato dalla Commissione albo odontoiatri di Palermo a cui ha partecipato il Comandante del NAS


Solo 8 presidenti provinciali CAO su 106 sono donne, le consigliere il 15% del totale. Per capirne i motivi abbiamo sentito due candidate presidente: la dott.ssa Frojo e la dott.ssa Pavese 


Altri Articoli

Immagine di repertorio

Scoperto uno studio gestito da un diplomato odontotecnico che avrebbe effettuato, abusivamente, interventi odontoiatrici ed ortodontici direttamente su pazienti


Il professionista non aveva rinnovato l’iscrizione all’Ordine dal 2022. Di Marco (Albo igienisti dentali): l’iscrizione all’Albo è un requisito indispensabile per poter esercitare


L’ENPAM ha attivato un servizio di deleghe online per permettere a commercialisti, consulenti del lavoro e altri professionisti di agire per conto dei loro clienti medici e odontoiatri. La delega...


Grazie a questo articolo di Odontoiatria33 ho letto con piacere che una tra le più illuminate società scientifiche italiane, ovvero la Società italiana di parodontologia e...

di Massimo Gagliani


La guida degli esperti sulla connessione tra salute orale e salute neurologica: ecco perché lavarsi i denti è un’abitudine essenziale


Corsi per ortodonzia estetica e tecniche chirurgiche avanzate, ma anche per la gestione aziendale, il marketing digitale e l’intelligenza artificiale applicata all’odontoiatria


Restituito il sorriso a 800 ragazzi attraverso 6000 prestazioni. Nove gli ospiti che hanno potuto frequentare la scuola di odontotecnica 


L’Ordine dei dentisti spagnoli indica alcuni semplici consigli che potrebbero essere utile trasferire ai pazienti prima delle vacanze estive


Presto in commercio il primo spray nasale di adrenalina in caso di shock anafilattico potenzialmente mortale nei soggetti allergici gravi


Prof.ssa Ottolenghi: una opportunità ed una sfida con l’obiettivo di consentire a tutti gli Atenei di arrivare alla scadenza del 2027/28 con lo stesso passo 


L'essiccatore a membrana ad alta efficienza per aria compressa di altissima qualità rappresenta un significativo passo avanti nell'affidabilità dei sistemi di compressori per...


Coinvolti gli igienisti dentali che hanno frequentato durante l’anno i corsi pratici presso l’Academy. Due i lavori eccellenti vincitori a pari merito


Ad Udine 4 posti a tempo indeterminato, le domande entro il 10 agosto. A Napoli 4 posti a tempo pieno ma per 12 mesi, domande entro il 24 luglio


lo studio del Dipartimento di Medicina e innovazione tecnologica dell’Insubria di Varese pubblicato su Frontiers in Immunology


 
 
 
 

Il Podcast
dell'Innovazione
Odontoiatrica

TUTTI GLI EPISODI
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

Iscriviti alla Newsletter

 
 

Corsi ECM

 
 
 
 
 
 

I più letti

 
 

Corsi, Convegni, Eventi

 
 
 
 
 
 

Guarda i nostri video

Guarda i nostri video

La lezione di storia dell’odontoiatria del prof. Guastamacchia

 
 
 
 
 
 
 
 
chiudi