HOME - Medicina Legale
 
 
10 Giugno 2008

Profilassi dell'endocardite, incredibile ma vero!

di Renato Torlaschi


L’endocardite infettiva è una patologia relativamente rara ma dalla mortalità ancora elevata. Nel tentativo di prevenirla era diventata consuetudine per gli odontoiatri trattare con antibiotici i pazienti a rischio, prima di sottoporli a qualsiasi trattamento. Dopo mezzo secolo, questa profilassi viene messa in discussione da due linee guida autorevoli. Il primo documento, Prevention of infective endocarditis, è stato emesso lo scorso anno dall’American Heart Association (Aha); gli ha fatto eco, nel marzo di quest’anno, il National Service Health inglese (Nhs) con la pubblicazione di Prophylaxis against infective endocarditis. Per andare più a fondo sull’argomento, ci siamo avvalsi dell’aiuto di un esperto: Andrea Sardella, professore associato di malattie odontostomatologiche presso l’Università degli Studi di Milano, si occupa di malattie delle mucose orali e di odontoiatria generale nei pazienti compromessi dal punto di vista sistemico e negli anziani.

“Le linee guida inglesi e americane - ci dice Sardella - sono un aggiornamento dei suggerimenti proposti una decina di anni orsono per ridurre una condizione medica non frequente ma estremamente pericolosa rappresentata dall’endocardite batterica. Come è noto, con questo termine ci si riferisce a una malattia cardiaca causata dalla crescita di vegetazioni infette su tessuto miocardico o su valvole cardiache precedentemente danneggiate da malattie acquisite o malformate da patologie congenite. I microrganismi coinvolti sono di solito batteri (Streptococco e Stafilococco), meno frequentemente miceti (es. Candida).
Perché sono importanti?
L’importanza di queste linee guida e, più in generale, dell’atteggiamento preventivo verso l’endocardite infettiva, è legata al fatto che la mortalità legata a questa malattia è ancora alta, prossima al 30-40% a un anno dall’evento morboso. Il decesso sopravviene o per danni irreversibili al tessuto cardiaco o per processi di embolia sistemica. Alcuni recenti dati epidemiologici suggeriscono che l’incidenza dell’endocardite batterica sia, in Italia, pari a circa 2-3 casi per 100.000 abitanti, per anno. Del tutto recentemente, è stato istituito il registro Italiano dell’endocardite infettiva (J Cardiovasc Med, 2008).
Come si è arrivati all’emissione di queste linee guida?
Già nel 1955, l’American Heart Association (Aha) compilò suggerimenti per ridurre il rischio che manovre odontoiatriche, soprattutto di tipo chirurgico come le avulsioni dentarie, provocassero casi di endocardite in soggetti con pre-esistenti problemi cardiaci (Circulation, 1955). Nel corso degli anni, tali suggerimenti sono stati via via condivisi da altre associazioni, lievemente modificati e sono stati applicati dagli odontoiatri.
In cosa costituiscono una novità rispetto a quelle precedenti? Quali linee guida erano seguite finora?
È necessario ricordare che le precedenti linee guida, stilate nel 1997, suddividevano le malattie cardiache in quelle ad alto, medio e basso rischio di sviluppare un’endocardite batterica, indicando che la profilassi antibiotica non era necessaria per le malattie considerate a basso rischio. Inoltre, elencavano una lunga serie di manovre odontoiatriche separandole in quelle che potevano essere associate al rischio di endocardite e quelle che non lo erano. Diverse associazioni mediche proponevano, poi, differenti schemi di antibiotici da usare. Queste ambiguità e, soprattutto, nuove e più attente valutazioni epidemiologiche e sperimentali su animali da laboratorio hanno condotto agli attuali suggerimenti. In primo luogo, alcuni studi hanno posto in discussione che le manovre odontoiatriche inducano più batteriemia di alcune pratiche quotidiane, come lo spazzolamento o addirittura la masticazione. In secondo luogo, anche attraverso revisioni sistematiche condotto dal gruppo Cochrane (Cochrane Database Syst Rev, 2004), si è posta in discussione la reale efficacia che una prevenzione con antibiotico possa evitare efficacemente l’insorgenza di una endocardite. Infine, e con enfasi posta soprattutto dai ricercatori anglosassoni e statunitensi, gli effetti avversi legati soprattutto alla penicillina (allergie, shock anafilattici…) sembrano essere più numerosi e gravi di una eventuale endocardite.
Come si è giunti, quindi, alle nuove linee guida?
Alcuni organismi scientifici hanno compiuto lo sforzo di aggiornare le linee guida del 1997. In particolare, la British Society for Antimicrobial Chemotherapy e l’American Heart Association, con il contributo attivo di alcune importanti società odontoiatriche come la British Dental Society e l’American Dental Association.
Molto semplicemente, sono solo tre le situazioni indicate a reale rischio: la profilassi è utile se il paziente ha già sofferto in passato di un episodio di endocardite, oppure se il paziente ha una valvola cardiaca artificiale o se, infine, ha subito un intervento chirurgico di shunt cardiopolmonare. Relativamente, poi, alle manovre ritenute a rischio di indurre una batteriemia, la regola è semplicissima: qualsiasi manovra odontoiatrica è da ritenersi a rischio ma solo, ovviamente, nelle tre categorie di pazienti descritte sopra. I suggerimenti inglesi e quelli statunitensi differiscono ancora per le dosi consigliate nella profilassi: gli inglesi consigliano 3 grammi di amoxicillina un’ora prima, mentre gli americani suggeriscono 2 grammi di amoxicillina, sempre un’ora prima, naturalmente nei soggetti non allergici alle penicilline.
Queste linee guida sono un riferimento anche per gli odontoiatri italiani?
Si, certamente: l’Agenzia italiana del farmaco, organo del Ministero, offre a tutti i medici e odontoiatri italiani l’edizione italiana della guida all’uso dei farmaci, giunta alla sua 4° edizione nel 2007, nella quale sono riportate le indicazioni di comportamento relative alla profilassi dell’endocardite. Inoltre, alcuni interventi sulla stampa specializzata hanno richiamato l’attenzione sia sul problema endocardite che sulle nuove linee guida (Dental Cadmos, 2007).
A questo punto, mi preme accennare anche al dibattito che le nuovelinee guida, così  diverse, hanno accesso fra medici e odontoiatri di tutto il mondo. Un cambiamento così radicale non è sicuramente semplice da applicare, sia da parte degli operatori sanitari che da parte degli stessi pazienti. Desidero concludere questa intervista riportando un’importante conclusione alla quale sono giunti tutti gli organismi che hanno stilato le nuove linee guida. L’aspetto più rilevante nel ridurre i casi di una endocardite batterica rimane una buona igiene orale.

GdO 2008; 8

Articoli correlati

Dall’evento SEPA le raccomandazioni sul ruolo di alcuni collutori nell'igiene orale, e nel trattamento della gengivite e nella prevenzione della parodontite


La bocca ospita il secondo microbioma più complesso del corpo, dopo il colon. La relazione tra il microbioma orale e quello intestinale è oggetto di un numero crescente di...


Lo studio confronta l'efficacia dei collutori a base di aloe vera e probiotici a paragone con i collutori tradizionali al fluoro contro lo S. mutans nella placca dei pazienti...

di Lara Figini


prodotti     09 Febbraio 2024

Per un sorriso di lunga durata

IPS e.max® Gel garantisce cura e protezione extra per prevenire l’alta qualità e la longevità dei restauri


Citando uno studio coreano, il prof Gagliani ricorda a odontoiatri e igienisti dentali che il trattamento della perimplantite non deve essere considerata una singola procedura, ma un ciclo continuo...

di Massimo Gagliani


Presentate ad Amsterdam dopo 8 anni le nuove indicazioni per questa patologia. Ecco le indicazioni per gli odontoiatri e le procedure odontoiatriche considerate a rischio

di Arianna Bianchi


Sulla base delle più recenti evidenze scientifiche, nel documento vengono proposte alcune raccomandazioni per mantenere la salute dei tessuti perimplantari e per gestire efficacemente le...


Realizzate da SIdP con la sinergia della CAO nazionale, saranno diffuse a tutti gli iscritti all’Albo e promosse attraverso un progetto formativo dedicato


Tonetti: “Le indicazioni mirano a controllare l'infiammazione e prevenire ulteriori danni ai tessuti di supporto dei denti e a ripristinare la funzione degli elementi dentali”


Elaborate da SidP e validate dall’Istituto Superiore di Sanità diventano le uniche da rispettare in tema di “Trattamento della parodontite di stadio I-III”


In uno studio caso-controllo, che verrà pubblicato prossimamente su Oral Surgery Oral Medicine Oral Phatology Oral Radiology 2023, gli autori hanno determinato se l'igiene orale fosse associata a...

di Lara Figini


I dati emersi mettono in evidenza la necessità di porre maggiore enfasi sull'educazione alla profilassi dell'EI nella formazione e nello sviluppo professionale continuo


Altri Articoli

A Napoli operativa la clinica mobile, obiettivo: offrire un servizio territoriale di prevenzione e prima cura alle categorie più fragili della società, garantendo loro il...


Lunedì 22 aprile alle ore 9:00 il ministero della Salute organizza, con il supporto di Edra S.p.A., un incontro interamente dedicato al tema della salute femminile, in occasione della Giornata...


UNIDI ha realizzato una collettiva con 23 aziende italiane per promuovere l’eccellenza italiana e presentare l’innovazione per il settore del Made in Italy


Gli attuali 10mila pensionati liberi professionisti prendono, in media, poco più di 16mila euro l’anno, ma il dato medio è falsato, spiegano da ENPAM indicando come fare a conoscere l’importo...


In vista della Giornata nazionale della salute della donna, la prof.ssa Nardi riflette sulla medicina personalizzata al genere applicata alla salute orale

di Prof.ssa Gianna Maria Nardi


È stato nominato nel corso della recente Assemblea Generale dell'EFP. Espandere la leadership della Federazione, incentivare la formazione dei clinici,...


E’ possibile recuperare le ore mancanti e in attesa di recuperarle l’ASO può comunque essere assunto? Il parere di ANDI, IDEA e del SIASO 


La fotografia dall’indagine dell’Osservatorio Sanità di Unisalute: Un italiano su tre non fa una visita odontoiatrica o una seduta di igiene orale da oltre tre anni


Nuova puntata del podcast Dentechstry di IDI Evolution. Protagonisti di questa puntata, l’odontoiatra Gabriella Grassi e lo psicologo Feliciano Lizzadro. Il tema la medicina...


Immagine d'archivio

Dopo la sentenza del Tar era tornato il “concorsone”,  ma adesso i giudici del Consiglio di Stato hanno riabilitato il TolC test online. Cosa potrà cambiare?


Obiettivo: formare in real time i professionisti del dentale attraverso la realtà aumentata attraverso un'esperienza di apprendimento personalizzata con consulenze live a distanza


Tra abbuoni ed atre riduzioni, un odontoiatra che lo scorso triennio ha raccolgo almeno 120 crediti può assolvere l’obbligo formativo di questo triennio recuperando 46 crediti in tre anni, ecco...


La norma contenuta nel Decreto PNRR non convince il Sindacato Italiano Medici di Medicina Ambulatoriale e del Territorio (SIMMAT)


A poche settimane dalla scadenza per la re-iscrizione al Registro dei fabbricanti, una utile guida di ANTLO per capire e determinare la classe di rischio dei dispositivi fabbricati


 
 
 
 

Il Podcast
dell'Innovazione
Odontoiatrica

TUTTI GLI EPISODI
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

Iscriviti alla Newsletter

 
 

Corsi ECM

 
 
 
 
 
 

I più letti

 
 

Corsi, Convegni, Eventi

 
 
 
 
 
 

Guarda i nostri video

Guarda i nostri video

La lezione di storia dell’odontoiatria del prof. Guastamacchia

 
 
 
 
 
 
 
 
chiudi