HOME - Normative
 
 
30 Agosto 2016

ECM, a tutti i sanitari la flessibilità concessa ai liberi professionisti. La Commissione apre all'ipotesi "proroga" per il numero di crediti necessari


Dopo oltre dieci anni il sistema di Educazione Continua in Medicina continua a vivere cambiamenti e ripensamenti e sembra essere ancora ben lontano dalla sua applicazione in via definitiva.

Molti i nodi mai definiti del sistema che obbliga all'aggiornamento continuo gli operatori sanitari tra cui, ovviamente, medici e dentisti.

Un sistema che impone di ottenere 150 crediti formativi in tre anni ma non definisce nello specifico le sanzioni demandato, però, agli Ordini di competenza il controllo. Un sintema che da un lato lamenta un numero insufficiente di eventi formativi organizzati e dall'altro non rende pubblici i numeri di quanti sono gli operatori sanitari che hanno ottenuto i credi formativi obbligatori e quanti devono ancora ottenerli.

A confermare come il sistema ECM sia difficilmente sostenibile, soprattutto dalla SSN (l'ECM fu ideato per chi operava nel pubblico e poi "adattato" anche ai liberi professionisti), l'ultima delibera sulle modalità di acquisizione dei crediti formativi pubblicata dalla Commissione Nazionale ECM con la quale si applicano a tutti i professionisti sanitari la "flessibilità" prevista per i liberi professionisti.

Flessibilità che permette a chi ha totalizzato 150 crediti nel triennio 2011-13 possa fruire di uno sconto di 45 crediti per il triennio 2014-16, con sconti via via inferiori a seconda si siano totalizzati punteggi inferiori: con crediti triennali che vanno da 101 a 150 vanno raggiunti almeno 105 crediti -media 35/anno- nel triennio corrente; con un bilancio al 2013 fra 51 a 100 crediti ne vanno raggiunti almeno 120 (40 l'anno) e con un bottino magro da 30 a 50 servono minimo 135 crediti, 45 annui, entro il 2016.

La presunte agevolazioni per i professionisti, inoltre, consentono di assolvere l'intera formazione anche solo con formazione a distanza (come quella proposta da Dental Cadmos) o solo con quella residenziale.

La determina del 17 luglio 2013 riconosce ai liberi professionisti crediti individuali per autoapprendimento (come ad esempio completando i nostri training clinici o tramite libri e supporti elaborati da provider accreditati) fino alla concorrenza del 10% dei crediti acquisibili nel triennio. Per vedere riconosciuti questi crediti si dovrà dimostrare al proprio ordine il percorso effettuato, sarà l'Ordine poi a stabilire il numero di crediti ottenuti.

Sempre la stessa determina esonera dalla formazione continua per un ammontare fino a 4 crediti al mese chi fa corsi post laurea o master anche all'estero, chi prende congedi di maternità-paternità-per adozioni, chi prende aspettative per aver ricevuto incarichi, chi fa da tutor nei corsi. Sulla base della determina luglio-ottobre 2014, sono ammessi crediti per eventi di formazione sul campo e di training individualizzato avviati a titolo sperimentale da provider accreditati, con un tutor iscritto all'albo professionale.

Possibile proroga

Ribadendo il principio della continuità dell'obbligo formativo la Commissione Nazionale ECM apre ad un possibile proroga per ottenere il numero di 150 crediti imposti per il triennio 2014-2016. Proroga che, spiega la stessa Commissione, sarà eventualmente concessa attraverso una successiva delibera. Una decisione che sembra essere scontata per non creare disparità di trattamento tra operatori sanitari, visto che con il decreto ministeriale del 26 novembre 2015 è stato consentito ai medici competenti di rientrare nell'albo se in possesso del 70% dei crediti del triennio 2014-16 a patto di recuperare i crediti del triennio pregresso.

Va però ricordato che i medici competenti che non avevano ottenuto il numero di crediti obbligatori erano stati "estromessi" dalla possibilità di lavorare, cosa che non sembra essere mai accaduta agli altri iscritti all'Albo.

Norberto Maccagno

Sull'argomento leggi anche:

29 Giugno 2016: Crediti ECM. Ecco come monitorare quelli acquisiti

10 Giugno 2016: Camici bianchi in ritardo sui crediti ECM. Il Ministro Lorenzin promette di indagare. A dicembre scade il triennio: ecco come ottenere crediti e le regole per ottenerli

Articoli correlati

“L’estro” italico di trovare il sistema di interpretare a proprio favore le norme è oramai una caratteristica distintiva. E non sempre (quasi mai all’estero), questo...

di Norberto Maccagno


Ultima possibilità per mettersi in pari con i crediti non raccolti nel triennio 2020-2022. Ecco come si deve fare stando alla delibera della Commissione Nazionale ECM


Tra abbuoni ed atre riduzioni, un odontoiatra che lo scorso triennio ha raccolgo almeno 120 crediti può assolvere l’obbligo formativo di questo triennio recuperando 46 crediti in tre anni, ecco...


Corso FAD EDRA da 5 moduli ECM per un totale di 25 ore formative, coordinatore scientifico il prof. Giovanni Maria Gaeta


Queste le regole per raccogliere il 60% dei crediti attraverso autoformazione, formazione individuale, tutoraggio e pubblicazione articoli scientifici


Una ricerca inglese ha valutato l’impatto che può aver avuto la pandemia da Covid-19 sulla salute mentale dei dentisti oltre a comprendere i livelli di stress che la pandemia ha causato e i...

di Lara Figini


Uno studio inglese indaga il suo “potere distrattivo” durante le sedute

di Lara Figini


Chiudono gli studi singoli, tiene il fatturato ma sono le società ad incrementare


L'Ufficio Statistico dell'Unione Europea (Eurostat), come ogni anno, pubblica un una classifica delle varie professioni, anche quelle sanitarie, in base al numero dei professionisti in funzione del...


Aiutatemi a fare due conti. Secondo l'Agenzia delle Entrate i medici e i dentisti con partita iva sono circa 170 mila. Quanti di loro nel 2017 hanno effettuato almeno una fattura ad un paziente...


A 6 giorni dalla scadenza prevista (31 gennaio) per l'invio attraverso il Sistema Tessera Sanitaria dei dati delle fatture emesse o rimborsate per le prestazioni sanitarie incassate nel 2016 arriva...


Altri Articoli

“L’estro” italico di trovare il sistema di interpretare a proprio favore le norme è oramai una caratteristica distintiva. E non sempre (quasi mai all’estero), questo...

di Norberto Maccagno


ANDI punta a convincere i giovani all’aggregazione e mette in campo un servizio di consulenza e sostegno per il passaggio generazionale


Da sinistra, Carlo Ghirlanda Presidente ANDI, On. Marcello Gemmato, Raffaele Iandolo Presidente CAO

Il Sottosegretario alla Salute visita l’Expodental Meeting: conferma il sostegno al settore e promuove l’aggregazione dei professionisti per garantire un modello...


Otto Climan porterà l’ecosistema di IDI Evolution all’interno dei suoi video, per spiegare come l’evoluzione tecnologica sia la strada per il progresso dell’odontoiatria...


Iandolo: il passaggio generazionale non si garantisce con l’aumento del numero di studenti ma favorendo aggregazione e l’accesso alle cure


Gianni Storni CEO Rhein83 presenta le novità portate in Expodental legate al prodotto di punta dell’azienda: l’Equator.


Focus sui principi cardine per il mantenimento del microbioma e per meglio comprendere come questo possa impattare sullo stato di salute prevenendo e/o...


Il dolore dentale si verifica solitamente a causa dell'infiammazione della polpa. Ciò è generalmente causato da batteri provenienti da denti cariati o da otturazioni dentali...


Cronaca     15 Maggio 2024

EDRA in Expodental Meeting

Incontri con gli Autori, con le redazioni e firma copie. Venite a trovarci allo stand EDRA per scoprire tutte le novità e darci indicazioni e suggerimenti


Nuova puntata del podcast Dentechstry di IDI Evolution si parla di contenzioso in odontoiatria e di odontologia forense. Protagonista di questa puntata, il dott. Marco Scarpelli ...


 La riabilitazione protesica non solo dal punto di vista puramente clinico/tecnico ma del paziente, è questo il filo conduttore delle relazioni al Congresso SIPRO. Ne abbiamo parlato con il...


Dalla valutazione preliminare del paziente alle lezioni di igiene e mantenimento della terapia fino al supporto per alleviare la paura del dentista


In programma a Rimini dal 16 al 18 maggio, la più importante manifestazione italiana del dentale e l’edizione del 2024 si annuncia con una crescita a doppia cifra. Ricordatevi...


I consigli su come rapportarsi al meglio ma anche quali accorgimenti devono essere presi durante la cura e per accoglierlo in studio. Ne parliamo con Mauro Dori


 
 
 
 

Il Podcast
dell'Innovazione
Odontoiatrica

TUTTI GLI EPISODI
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

Iscriviti alla Newsletter

 
 

Corsi ECM

 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

I più letti

 
 

Corsi, Convegni, Eventi

 
 
 
 
 
 

Guarda i nostri video

Guarda i nostri video

La lezione di storia dell’odontoiatria del prof. Guastamacchia

 
 
 
 
chiudi