HOME - Normative
 
 
12 Settembre 2022

E’ abusivo il medico che fa il dentista senza essere iscritto all’Albo degli odontoiatri

Lo ribadisce una sentenza della Corte di Cassazione che ribalta la decisione del Tribunale di Torino che aveva assolto il medico. Per la Suprema Corte l’iscrizione è condizione imprescindibile


Si chiude una vicenda giudiziaria che aveva fatto discutere, anche la stampa locale, e che ha interessato un laureato in medicina specializzato in odontoiatria che svolgeva l’attività odontoiatrica iscritto al solo Albo die medici. Denunciato per aver esercitato la professione di odontoiatria fino al 15 giungo 2017 (quando poi si iscrisse anche all’Albo), era stato assolto dal Tribunale di Torino “escludendo la sussistenza del reato in considerazione della inoffensività della condotta, non avendo questa creato alcun effettivo e rilevante ostacolo alla funzione di vigilanza dell'ordine professionale”. Inoltre, per il Tribunale, essendo l’Ordine preposto alla tenuta dei due albi (medici ed odontoiatri), ha ritenuto che alla luce di tale peculiare condizione dell'imputato, questo non si è sottratto alla vigilanza dell'Ente né al rispetto del medesimo codice deontologico 

Contro la sentenza propongono ricorso in Cassazione, ricorsi separati, il Procuratore della Repubblica presso il Tribunale di Torino e la parte civile Ordine dei Medici Chirurghi e Odontoiatri (OMCeO) di Torino.  Cassazione che con la sentenza 29662/2022 accoglie il ricorso annullando la sentenza di assoluzione emessa dal Tribunale di Torino, rinviando a nuovo giudizio alla Corte di appello di Torino. 

I Giudici hanno ribadito che l’iscrizione nell’albo professionale rappresenta, infatti, unitamente al conseguimento della laurea e della relativa abilitazione, una condizione imprescindibile per l’esercizio della professione. E questo a seguito dell’abrogazione dell’art. 5 della legge n. 409 del 1985, quello che prevedeva la possibilità per gli iscritti all'albo dei medici “l’annotazione” e non l'iscrizione a quello degli odontoiatri.

E proprio per via dell’abrogazione dell’Art. 5, la Suprema Corte non può fare altro che affermare che la prosecuzione dello svolgimento dell'attività di odontoiatra da parte di un soggetto che, laureato in medicina e chirurgia e specializzato in odontoiatria, abbia omesso di iscriversi nell'albo degli odontoiatri, rimanendo iscritto nel solo albo dei medici, integra il reato di cui all’art. 348 c. p..  

Entrando poi nello specifico della vicenda, i Giudici ritengono irrilevante, al fine di escluderel'offensività della condotta, che il medesimo Ordine si occupi della tenuta dei separati albi professionali, potendosi, comunque, ravvisare una lesione dell'interesse della collettività dinanzi all'esercizio dell'attività di odontoiatra da parte di un soggetto non iscritto allo specifico albo e, dunque, in assenza del controllo in merito alla sussistenza e permanenza delle relative competenze tecniche, necessariamente diverse da quelle concernenti l'esercizio dell'attività medica, che solo tale iscrizione poteva garantire. 




Articoli correlati

Per i due finti dentisti quasi due anni di reclusione la condanna, per l’odontoiatra un anno. Le pene sono state sospese


La Cassazione dispone che l’esercizio abusivo della professione produce reddito d’impresa e non di lavoro autonomo e quindi sono rilevanti gli accertamenti bancari per provare...


Le motivazioni della contestazione devono però essere dettagliate e l’indicazione del nominativo deve essere riportato solo sui messaggi pubblicitari


Concessi danni per mancato guadagno mentre respinta la richiesta di danno alla reputazione professionale derivante dalla mancata reperibilità


Dieci mesi di reclusione per esercizio abusivo della professione per un “abusivo” lucchese assolto invece dal reato di lesioni


Altri Articoli

Alcune considerazioni del prof. Gagliani ragionando sulla storia delle ricostruzioni monolitiche e stratificate e sulle cause dei successi ed insuccessi   

di Massimo Gagliani


L’Assemblea nazionale dell’ENPAM ha approvato all’unanimità il bilancio preconsuntivo per il 2022. Pe rora nessun Aumento della Quota A, si valuterà ad aprile


I fondi stanziati dovrebbero bastare per soddisfare tutte le richieste. 20mila quelle arrivate da medici e dentisti, 95mila dagli avvocati, 40 dai notai


Il presidente Brugiapaglia, commentando le modifiche ai controlli sugli apparecchi radiografici, ricorda il dott. Nicola Balduzzi prematuramente scomparso


Quelli per i clienti e quelli ai dipendenti che si possono portare in detrazione. Come comportarsi per le cene ed altre spese di rappresentanza?


 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

Iscriviti alla Newsletter

 
 

Corsi ECM

 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

I più letti

 
 

Corsi, Convegni, Eventi

 
 
 
 
 
 
 
 

Guarda i nostri video

Guarda i nostri video

Ricostruzione implantologia a distanza attraverso il paziente virtuale

 
 
 
 
chiudi