HOME - Patologia Orale
 
 
23 Marzo 2016

Tumore maligno della ghiandola sublinguale: caratteristiche demografiche, fattori prognostici e modalità di trattamento ottimali

di Lara Figini


I tumori delle ghiandole salivari comprendono il 2,0% -6,5% di tutti i tumori della testa e del collo, e si possono verificare nelle ghiandole salivari maggiori (parotide, sottomandibolare e sublinguale) o nelle ghiandole salivari minori.
Tra tutti i tumori delle ghiandole salivari, quelli a carico delle ghiandole sublinguali vantano la frequenza minore, costituendo solo il 3% -1,0% di tutti i tumori epiteliali delle ghiandole salivari ( Kumar 2013, Ostman 1007) , purtroppo però hanno un'alta frequenza di malignità del 70% -90%.

In un recente studio pubblicato a febbraio 2016 su Oral Surg Oral Med Oral Pathol Oral Radiol gli autori hanno indagato per determinare le caratteristiche demografiche, i fattori prognostici, e le modalità di trattamento ottimale dei pazienti con diagnosi di tumore primario maligno della ghiandola sublinguale. In questo studio sono stati analizzati 210 pazienti, con diagnosi, tra il 1973 e il 2011, di tumore maligno epiteliale primario della ghiandola sottolinguale, confermata anche da diagnosi istologica, identificati mediante database SEER . Di questi pazienti sono state anche raccolte e registrate informazioni demografiche circa l'età al momento della diagnosi, sesso e razza, categoria istologica del tumore, stadio e modalità di trattamento. Di questi dati gli autori hanno eseguito l'analisi di Kaplan-Meier e l'analisi multivariata di regressione di Cox .

I risultati ottenuti dagli autori sono stati i seguenti:

-. L'etàmedia di comparsa dei tumori della ghiandola sublinguale è risultata essere di 58,7 anni, ( range tra i 25 a i 96 anni )

- il 53,3% dei pazienti erano di sesso femminile e il 46,7% erano di sesso maschile;

- il 76,7% dei pazienti erano di razza caucasica, il 9,0% africano-Americani, il 7,1% era asiatici, il 2,9% delle isole del Pacifico , l'1,0% erano nativi americani, e lo 0,5% di altre razze.

- L' istologica più comune dei sottotipi di tumori delle ghiandole sublinguali sono risultate essere il carcinoma mucoepidermoide (38,6%) e il carcinoma cistico adenoideo (34,8%), a cui seguivano il carcinoma a cellule squamose (13,3%), l'adenocarcinoma (9,5%), e altri sconosciuti (3,8%). Il sottotipo adenocarcinoma consisteva in adenocarcinoma papillare (0,5%), in adenocarcinoma a cellule chiare (0,9%), adenocarcinoma mucinoso (0,5%), adenocarcinoma polimorfo a basso grado (0,9%), e adenocarcinoma NOS (6,7%).

- l'11% dei tumori erano di basso grado, il 32,4% di grado intermedio, il 16,7% di grado elevato, e il 40,0% sconosciuto.

- Lo stadio al momento iniziale era per il 17,1% dei pazienti in la fase I, per il 14,8% in fase II, per il 17,6% in fase III, per l' 11,4% in stadio IV, e per il 39,0% in stadio sconosciuto.
Per i casi dopo il 2003, il 25,6% erano in stadio I, il 21,1% erano fase II, il 24,4% erano di stadio III, il 13,3% erano in stadio IV, e il 15,6% in stadio sconosciuto.

- La maggior parte dei pazienti, il 93,8%, come trattamento, ha subito un intervento chirurgico, mentre il 6,2% nessun intervento chirurgico; il 51,0% è stato sottoposto a radioterapia, il 45,2% a nessuna radioterapia. Per il 3,8% dei pazienti il trattamento condotto è risultato sconosciuto.

- La dimensione del tumore media allo stato iniziale è risultata essere di 2,6 cm

L'analisi di Kaplan-Meier ha rilevato una sopravvivenza globale a 5 anni del 69% e una sopravvivenza malattia-specifica dell' 83%.

Da uno dei più grandi studi finora eseguiti per indagare le caratteristiche demografiche, i
fattori prognostici, e le modalità di trattamento dei pazienti con diagnosi di tumore maligno primitivo della ghiandola sublinguale si è potuto constatare che maggiore è l' età e lo stadio correlato più ridotta è la sopravvivenza. Il sesso femminile e la terapia chirurgica invece sono correlati con un
aumento della sopravvivenza. La radioterapia per i pazienti con diagnosi di carcinoma adenoidocistico della ghiandola sublinguale è correlata con un aumento della sopravvivenza.

A cura di: Lara Figini, Coordinatore Scientifico Odontoiatria33

Bibliografia:

- Kumar VS, Prathi VS, Manne RK, Beeraka S, Natarajan K. Adenoid cystic carcinoma of sublingual salivary gland obstructing the submandibular salivary gland duct. J Clin Imaging Sci. 2013;3:10.

- Ostman J, Anneroth G, Gustafsson H, Tavelin B. Malignant salivary gland tumours in Sweden 1960-1989dan epidemiological study. Oral Oncol. 1997;33:169-176.

- Malignant sublingual gland tumors: demographics, prognostic factors, and treatment outcomes Robert J. Lee,Elizabeth L. Tong,, Riki Patel, Nihal Satyadev, e Russell E. Christensen, Oral Surg Oral Med Oral Pathol Oral Radiol Feb 2016;121:180-187

Articoli correlati

Nel lavoro sono state valutate le evidenze scientifiche disponibili sui benefici di misure di prevenzione: ecco i consigli per gli odontoiatri ed i loro pazienti


I risultati a maggio 2023. Fiorile: “La salute dei pazienti è la nostra priorità, investiamo nella prevenzione e in tecniche mini-invasive”


La possibilità è valutata dallo studio IMPEDE in corso all’Università di Brescia. Anche gli studi odontoiatri privati possono contribuire allo sviluppo della ricerca


In occasione della Giornata Nazionale del Malato Oncologico, Straumann Group rivela insieme al chirurgo maxillo facciale la relazione tra salute orale e cancro, con consigli per la gestione della...


Sabato 14 maggio prende il via la campagna di prevenzione del tumore del cavo orale di Fondazione ANDI Onlus. Questi i dati sull'incidenza della malattia in Italia e nel mondo


Altri Articoli

Una gestione digitale della cartella clinica permettere di avere in qualsiasi momento una visione completa della storia medica e anche amministrativa di un paziente


Due le sessioni, una ad aprile ed una a luglio, poi entro fine luglio la possibilità di candidarsi indicando il migliore punteggio ottenuto tra le due prove. Ai primi di settembre la graduatoria


Eccessivo carico burocratico, necessità di maggiore autonomia e indipendenza, sono le prime tre priorità inerenti alla professione secondo i risultati di un sondaggio condotto dall’OMCeO di...


Iandolo: “il responsabile è sempre l’odontoiatria”. Ai presidenti provinciali CAO l’invito a vigilare e richiamare gli iscritti sul rispetto della deontologia e delle norme su pubblicità e...


Da Curasept i 5 consigli che odontoiatri ed igienisti dentali possono dare ai loro pazienti per mantenere una buona igiene orale quando si è fuori da casa


 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

Iscriviti alla Newsletter

 
 

Corsi ECM

 
 
 
 
 
 

I più letti

 
 

Corsi, Convegni, Eventi

 
 
 
 
 
 
 
 

Guarda i nostri video

Guarda i nostri video

Ricostruzione implantologia a distanza attraverso il paziente virtuale

 
 
 
 
 
 
 
 
chiudi