HOME - Patologia Orale
 
 
15 Ottobre 2006

Dossier. Valutazione stomatologica di soggetti tossicomani

di I. Calvanese, F. Novelli


Gli Autori hanno valutato una tipologia di paziente a rischio (il tossicodipendente), considerando la relazione tra abuso di droghe e condizioni orali. Il lavoro che gli Autori presentano ha lo scopo di verificare l’efficienza di un protocollo di visita e trattamento standardizzato nel caso in cui un paziente tossicodipendente si sottoponga a terapie odontoiatriche. Il paziente che abusa di sostanze stupefacenti o che si trova in una fase di recupero si deve considerare comunque soggetto “special care”, sia per le patologie infettive di cui può risultare affetto, sia per approccio e modalità di trattamento specifiche.
Sono stati valutati 746 pazienti afferenti all’ambulatorio dell’UO dell’ospedale di Narni, tutti tossicomani, per effettuare un protocollo di screening e un trattamento completo. Di questi soggetti sono stati rilevate le patologie a rischio infettivo, le modalità di approccio impiegate, il livello di collaborazione raggiunto. I pazienti esaminati presentano una condizione dentaria compromessa, un’elevata percentuale di siti sofferenti di parodontopatia, lesioni mucose endo e periorali, focolai di infiammazione endodontica e più della metà di essi richiede un trattamento urgente per una odontalgia severa. Il soggetto tossicodipendente soffre di uno status odontostomatologico altamente precario e di condizioni di salute generali spesso deficitarie. Questi due elementi ci indirizzano verso la creazione di ambulatori odontoiatrici specializzati nel trattare soggetti affetti da tali patologie orali e sistemiche.

Oral and dental evaluation of drugs addict
By considering the relationship between drug abuse and oral health conditions, the Authors evaluated this type of patient at risk. The purpose of this work is to assess the efficiency of a standard treatment and management for drugs addicts needing dental care. Both the patient who is still addict and the one who is in a retrieving phase must be considered “special care” subjects both for their infective risk and the specific approach required during treatment. A sample of 746 drug addicts have been evaluated in the outpatient department of Narni Hospital for a complete medical and dental assessment. All the subjects showed compromised dental conditions, several periodontal active sites and oral mucosa lesions; more than a half of them required immediate dental treatment to control pain. Drug addicts are always characterized by poor oral health associated with bad health conditions. The aforementioned reasons should bring to the development of dedicated dental rooms for the treatment of these subject. The Authors encourage dental personnel to treat drug addicts leaving apart any fear, provided that adequate experience has been achieved, and maintaining an assertive behavior.

Qualifiche Autori:
Presidio Ospedaliero di Narni (TR)
ASL 4 UO di Odontostomatologia per disabili e Chirurgia orale
Responsabile: dott. F. Novelli



Articoli correlati

Negli Stati Uniti il consumo di metanfetamina, uno stupefacente con effetto eccitante, ha messo in allarme l'American Dental Association: poiché il numero delle persone che ne fanno uso...


In uno studio clinico, pubblicato sul Journal of Oral Maxillofacial Pathology, gli autori hanno studiato e indagato se vi potesse essere una correlazione tra i cambiamenti della mucosa orale e il...

di Lara Figini


Un’indagine svolta in Italia su un campione di donne in età fertile mostra una diffusa disinformazione sulla salute orale di madri e bambini. Anche la conoscenza degli operatori sanitari in...

di Lara Figini


Una ricerca condotta da Laboratorio Adolescenza, in collaborazione con L’Università degli Studi di Milano, evidenza le criticità anche causate dalla pandemia


I dati dal Global Healthy Thinking Report 2021, il primo osservatorio mondiale sulla salute orale che ha coinvolto oltre 15mila pazienti in tutto il mondo. Gli Italiani quelli con la più alta...


Altri Articoli

Un dovere etico e morale per un SSN che si rispetti, dice il prof. Gagliani ammettendo che, però, oggi molto è basato sul volontariato e questo non è un bene, per i pazienti


Tra le novità il corso in lingua inglese a la Sapienza. Il numero di posti è però provvisorio in attesa delle decisioni della Stato e Regioni. Ecco i posti assegnati ai singoli atenei sede di...


Sono 77 i posti in più assegnati per il prossimo anno accademico. Ecco la distribuzione ateneo per ateneo. Riattivato il corso a Bari e Bolzano


Nuove prestazioni per la sanità integrativa di 85mila professionisti italiani. Per ANDI grazie a questo accordo si apre una nuova epoca nella sanità integrativa


A luglio dovrebbe arrivare in busta paga per i dipendenti e pensionati. Per gli autonomi se ne parlerà (forse) ad ottobre, ancora da emanare il decreto con le modalità operative


 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

Corsi ECM

 
 
 
 
 
 

I più letti

 
 

Corsi, Convegni, Eventi

 
 
 
 
 
 
 
 

Guarda i nostri video

Guarda i nostri video

Ricostruzione estetica con faccette: un caso risolto con tecniche digitali senza dimenticare l’analogico

 
 
 
 
 
 
 
 
chiudi