HOME - Protesi
 
 
15 Maggio 2006

Combaciamento delle protesi dentarie mobili parziali scheletrate con ganci

di D. Dunham, *J.S. Brudvik, **W.J. Morris, ***K.D. Plummer, ****S.M. Cameron


Le protesi dentarie mobili parziali scheletrate sono strutture complesse che vengono fabbricate utilizzando leghe ad alto coefficiente di ritiro. Ciò può causare difficoltà per l’ottenimento di un combaciamento accurato. L’obiettivo di questo studio era di valutare quale componente (o componenti) dello scheletrato con ganci prenda contatto con il dente di appoggio in condizioni cliniche. È stato valutato il combaciamento di scheletrati nuovi o già esistenti che presentavano almeno un appoggio occlusale preparato in modo convenzionale. Lo spazio esistente tra l’estremità inferiore di ciascun appoggio dei 50 scheletrati esaminati e la sede d’appoggio corrispondente è stato valutato mediante il vinilpolisilossano. Il combaciamento di ogni appoggio è stato determinato utilizzando un calibro a quadrante, con il quale è stato misurato in micrometri lo spessore del calco corrispondente allo spazio tra l’appoggio e il fondo della sede d’appoggio. È stata registrata anche la classe di Kennedy di ciascuna protesi. Per valutare la differenza di combaciamento tra le progettazioni con supporto dento-mucoso e quelle con supporto dentale, è stato utilizzato un test t per 2 campioni (α = 0,05). Lo spazio medio tra appoggio e sede d’appoggio preparata è risultato di 193 ± 203 µm, con un range compreso tra 0 e 828 µm. Venti scheletrati a supporto dento-mucoso presentavano uno spazio medio di 136 ± 160 µm e 30 scheletrati a supporto dentale presentavano uno spazio medio di 230 ± 222 µm. Il test t per 2 campioni non ha evidenziato alcuna differenza di combaciamento significativa tra gli scheletrati a supporto dentomucoso e quelli a supporto dentale (p = 0,1081). Il 24% degli appoggi presentava un contatto in corrispondenza della sede d’appoggio preparata. La maggior parte degli appoggi valutati non prendeva contatto con le superfici previste.

A clinical investigation of the fit of removable partial dental prosthesis clasp assemblies
Removable partial denture frameworks are complex castings fabricated from highshrinkage alloys. This may result in difficulty in achieving accurate fit. The purpose of this study was to evaluate which component(s) of the clasp assembly contact the abutment tooth clinically. New and existing frameworks with at least 1 conventional prepared occlusal rest were evaluated for fit. The spacing between the bottom of each of the rests of the 50 clasp assemblies and the corresponding rest seat were recorded with vinyl polysiloxane. The fit of each rest was determined with the use of a dial caliper by measuring, in micrometers, the thickness of the record between the rest and the bottom of the rest seat. The Kennedy classification was also recorded. A 2-sample t test was used to evaluate the difference in fit between tooth-tissue supported and tooth-supported designs (a=.05). The average space between the rest and prepared rest seat was 193 6 203 mm, with a range of 0 to 828 mm. Twenty tooth-tissue frameworks had an average space of 136 6 160 mm and 30 toothsupported frameworks had an average space of 230 6 222 mm. The 2-sample t test showed no significant difference for fit between tooth-tissue supported and toothsupported frameworks (P=.1081). Twenty-four percent of rests had contact in the prepared rest seat. The majority of rests evaluated did not contact the intended surfaces.

Qualifiche Autori:
Staff, Prosthodontic Department, Ft. Bragg 
*Professor Emeritus Department of Restorative Dentistry, University of Washington School of Dentistry      
**Director, US Army Prosthodontic Residency Program, Ft. Gordon
***Assistant Professor, Department of Oral Rehabilitation, Medical College of Georgia School of Dentistry
****US Army Prosthodontic Residency Program, Retired, Ft. Gordon

Protech 2006; 2: 27-33

Articoli correlati

In uno studio, che verrà pubblicato sul Journal of Dentistry , gli autori hanno valutato il potenziale antimicrobico delle nanoparticelle di argento sintetizzate tramite tre metodi, inglobate...

di Lara Figini


Sebbene si vada sempre più verso la tendenza alla diminuzione dell’edentulismo, la perdita dei denti è ancora purtroppo frequente e l’edentulismo parziale è ancora...

di Lara Figini


La prevalenza di edentulismo tra gli anziani di età ≥65 anni fortunatamente sta diminuendo in gran parte del mondo industrializzato, mentre è in aumento nei paesi in via di...

di Lara Figini


Le metodologie convenzionali per la realizzazione di protesi totali mobili non hanno subito grandi cambiamenti e innovazioni negli ultimi 50 anni e richiedono più sedute e lunghe procedure di...


La "vecchia" dentiera torna in auge, o forse non è mai passata di moda nonostante tutti parlino di impianti. Il problema è capire se i professionisti italiani sono ancora capaci a...


Altri Articoli

Andrea Piantoni

“Sono molto onorato e orgoglioso di poter assumere questo ruolo in IDI Evolution, che considero la mia famiglia, e di poter proseguire il percorso iniziato ormai diversi anni...


Attraverso il nuovo CCNL vengono definite formazione e mansoni. Per diventare CSO si dovrà frequentare un corso di 90 ore, potrà organizzarlo solo ANDI


Per la prof.ssa Nardi, la prevenzione ha un valore fondamentale che deve essere espresso a livello globale, sia in ambito pubblico che privato, per permettere a tutte le persone assistite degli...

di Prof.ssa Gianna Maria Nardi


Per la Società Italiana di Ortodonzia, alcune malocclusioni possono essere intercettate già a 5/6 anni, queste alcune indicazioni per i genitori


Pensato per persone con disabilità è una sorta di trackpad inserito in una mascherina trasparente posizionata nell’arcata superiore e realizzata con una stampante 3D 


47 gli odontoiatri denunciati, 5milioni di euro il valore dei beni sequestrati e 33 milioni di euro l’ammontare delle tasse non versate


Il dott. Migliano sulla sperimentazione in Lombardia del percorso di apprendistato per ASO e non solo


ANDI dettaglia gli aumenti salariali (indicativi) per i dipendenti degli studi odontoiatrici con l’entrata a regime del nuovo CCNL


L’applicazione si applica anche alle lavoratrici degli studi odontoiatrici con rapporti di lavoro dipendente a tempo indeterminato sia già instaurato che in via di instaurazione


Acquisire le conoscenze e le competenze idonee per riconoscere i segni e i sintomi caratteristici di tale condizione al fine di prevenire e/o attutirne le conseguenze


Immagine di repertorio

L’odontoiatra è titolare di studio, il padre lo “aiutava” curando i pazienti ma non aveva la laurea. Lo studio non era autorizzato, all’interno rivenuto un radiografico senza la...


Non si vive di sola burocrazia dicono i presidenti di AMOlp e  Andiamoinordine chiedendo alle Istituzioni di essere ascoltate e coinvolte su temi fondamentali per lo sviluppo e la sopravvivenza...


Diego Catania, Presidente dell’Ordine TSRM e PSTRP: “Siamo professioni intellettuali, la nostra autonomia non sia messa in dubbio”


Nella due giorni dei lavori a Catania focus sulla multidisciplinarietà dell’odontoiatria del domani e sull'odontoiatria di genere per aprire nuovi orizzonti di prevenzione e...


 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

Annuncio in Evidenza


12 Febbraio 2024
Vendo immobile adibito a studio odontoiatrico dal 1960

Vendita a Chiasso centro, in Svizzera, immobile adibito dal 1960 a studio odontoiatrico composto da quattro unità operative, con autorizzazione sanitaria. Per informazioni contattare Marzio Negrini: cell. whatsapp +393756589128

 
 

Iscriviti alla Newsletter

 
 

Corsi ECM

 
 
 
 
 
 

I più letti

 
 

Corsi, Convegni, Eventi

 
 
 
 
 
 

Guarda i nostri video

Guarda i nostri video

La lezione di storia dell’odontoiatria del prof. Guastamacchia

 
 
 
 
 
 
 
 
chiudi