HOME - Protesi
 
 
11 Novembre 2021

Tecnologie digitali per realizzare manufatti protesici in studio con appositi software di progettazione e fresatori

Alessandro Preti

Alessandro PretiAlessandro Preti

La riabilitazione dei settori posteriori, quando si parla di elementi singoli, include diverse tipologie di restauro, in base alla quantità di tessuto dentale perso a livello coronale.

Tralasciando la possibilità di restaurare in maniera diretta l’elemento, mediante materiali compositi, considerando le metodiche indirette si potranno avere manufatti protesici parziali quali inlay od onlay, fino ad arrivare a restauri via via più estesi che includano la ricopertura totale del tavolato occlusale tramite overlay oppure mediante una corona.

Grazie alla moderna odontoiatria adesiva è, infatti, possibile ottenere il massimo risparmio di tessuto dentale sano, senza la creazione di forme di ritenzione meccanica che garantiscano la tenuta del manufatto protesico in bocca. Quest’ultimo può essere cementato con tecnica adesiva e, dunque, senza la necessità di preparazione particolare dell’elemento, se non per quanto sia necessario al materiale da restauro, il quale necessita di spessori definiti e differenti in base alla tipologia di materiale. Un’ulteriore evoluzione dell’odontoiatria è stata determinata dall’avvento delle tecnologie digitali.

Questa nuova tecnologia ha permesso una modifica del workflow protesico tradizionale, apportando notevoli innovazioni. Prima fra tutte la possibilità di realizzare manufatti protesici in studio, mediante appositi software di progettazione e fresatori.

In questo modo il progetto protesico parte da un’impronta ottica mediante scanner intraorali e prosegue con la visualizzazione tridimensionale dello stesso in uno schermo, con possibilità di modifiche in tempo reale e prima della realizzazione finale del manufatto. In seconda istanza si è assistito a un aumento dei materiali disponibili. Infatti, grazie anche alla possibilità data dalla cementazione di tipo adesivo si è assistito all’introduzione sul mercato di materiali nuovi che, mediante processo di fresatura, possono essere utilizzati nella pratica clinica quotidiana per rispondere alle differenti esigenze dell’odontoiatra e del singolo caso. La tecnologia CAD/CAM ha modificato profondamente il flusso di lavoro protesico, dal momento che ha permesso una notevole riduzione dei tempi operativi.  

A seguito della scansione delle arcate, infatti, la fase di progettazione può essere effettuata sia dal clinico che demandata a un laboratorio. Alla fine di questa fase, che è solamente virtuale, vi sarà la comunicazione dei software digitali con un fresatore, il quale andrà a realizzare concretamente ciò che era il progetto protesico finale, mediante fresatura di blocchetti di materiali differenti.

La digitalizzazione di tutti i passaggi consente al clinico di poter riabilitare un elemento dentale in un’unica seduta, con metodica cosiddetta chairside, mediante la quale, nell’arco di poche ore, si prende l’impronta, si progetta il manufatto e lo si consegna al paziente con cementazione.

La possibilità di avere strumenti per poter controllare spessori e parallelismo e l’ormai estrema precisione dei fresatori ci permette di spingere le tecniche digitali oltre molti limiti senza però rinunciare alla qualità e alla longevità dei manufatti.

Sul tema dell'odontoiatria al digitale EDRA ha organizzato un corso FAD, per informazioni a questo link.


Il caso

In questo caso, un paziente di 45 anni si presenta con un 2.4 in necrosi, ma i suoi spostamenti continui per lavoro gli impediscono spesso di portare a termine le cure odontoiatriche. In un’unica seduta viene dunque devitalizzato l’elemento e proposto un restauro con flusso chairside.

Come da protocollo dopo la scansione iniziale delle arcate e la terapia canalare, viene eseguita la preparazione dell’elemento e scansionato. Seguiti i passaggi classici poniamo l’attenzione sulla possibilità di modellare virtualmente la gengiva a livello vestibolare per poter dare poi con il restauro definitivo il giusto sostegno ai tessuti per un’estetica quanto più naturale (fig. 1).


Fig. 1 Modellazione virtuale della gengiva



Lo strumento sezione ci permette di valutare in questo caso il parallelismo della preparazione, la presenza di sottosquadri e lo spessore del perno e delle pareti, fondamentale per verificare sin dal progetto digitale che non ci siano difficoltà nell’inserimento del restauro (fig. 2).


Fig. 2 Strumento sezione 



Eseguito il progetto digitale procediamo con tutti i passaggi canonici di modellazione e controllo dei contatti occlusali e inviamo il progetto in fresatura dove il materiale scelto in questo caso è stato un silicato di litio rinforzato con zirconia (figg. 3-5).


Fig. 3 Visualizzazione in trasparenza del restauro modellato



Fig. 4 Restauro 2.4 posizionato nel blocchetto virtuale e pronto per la fresatura



Fig. 5 Elemento 2.4 caratterizzato e glasato, pronto per la cementazione



A questo punto il restauro è stato cementato con un cemento duale fotopolimerizzabile a base resinosa (fig. 6).


Fig. 6 Elemento 2.4 cementato



Articoli correlati

L’introduzione delle tecnologie digitali nell’odontoiatria implanto-protesica ha permesso un miglioramento in termini di predicibilità dei risultati clinici e la riduzione...

di Carlo Monaco


I Ceramir CAD/CAM Blocks offrono un flusso di lavoro efficiente ed economico con risultati prevedibili e affidabili


Studio in vitro per valutare la resistenza all’usura di una resina per denti per protesi stampata in 3D recentemente sviluppata rispetto a tre denti per protesi prefabbricati...

di Lorenzo Breschi


Lo studio ha tentato di progettare una varietà di restauri dentali utilizzando l'intelligenza artificiale e ne ha valutato l’applicabilità clinica

di Lara Figini


Le fresatrici di Amann Girrbach ora sono utilizzabili anche con il software di terzi "Mill-Box for Amann Girrbach"


Un tempo era la protesi mobile a garantire un rapporto efficienza masticatoria/costo alla portata dei più. Il prof. Gagliani ricorda come oggi, le tecniche digitali consentono la realizzazione di...

di Massimo Gagliani


Negli ultimi anni l’utilizzo delle ceramiche CAD-CAM chairside è rapidamente aumentato. La scelta dei materiali include il silicato di litio rinforzato con zirconia (VS), le...

di Lorenzo Breschi


Altri Articoli

Sesta puntata del podcast Dentechstry di IDI Evolution dedicata all’innovazione tecnologica e come sta modificando, in meglio, le cure odontoiatriche ma anche il rapporto con il paziente....


L’odontoiatra Dario Tamburrano torna a Strasburgo. Aveva seguito le politiche energetiche e le questioni inerenti i dispositivi medici ed in particolare la stampa 3D


Le considerazioni ed i consigli del prof. Antonio Pelliccia che ricorda che il prezzo non lo si determina solo guardando i conti ed indica 5 aspetti base da considerare


Il contributo previdenziale del 4 per cento a carico degli specialisti esterni è pienamene legittimo, e le società accreditate con il Servizio sanitario nazionale hanno l’obbligo di versarlo...


Il Premio è stato istituito nel 2021 con l'obiettivo di promuovere la ricerca in Europa e nel mondo. Inviate le vostre proposte originali in tema “salute delle gengive”...


Secondo uno studio commissionato dall'ADF, le malattie parodontali associate alle patologie correlate provocano un costo sanitario che sfiora il miliardo di euro


Un evento per celebrare i 20 anni di attività, ripercorrere quanto fatto e guardare ai progetti futuri


La recente norma sulla neutralità fiscale le rende ancora più convenienti per aggregarsi. Il presidente CAO Roma ci spiega cosa sono e perché possono essere un ottimo strumento...


Incontro con la dott.ssa Barbara Sabiu: “Si deve considerare il flusso di lavoro nel suo insieme dove concorrono tutti i componenti del Team odontoiatrico ed i pazienti”


Bquadro Astidental consolida la sua leadership nel settore dentale aumentando il livello dei servizi da offrire ai propri clienti


Alla vigilia del Congresso dei Docenti abbiamo intervistato il presidente prof. Roberto Di Lenarda.Tra i temi toccati anche l’odontoiatria pubblica ed i test di ammissione ai corsi di laurea


La notizia è stata ripresa, con l'enfasi della rivoluzione, anche dai più importanti giornali e TG generalisti, anche dal sito della Gazzetta dello Sport, con questo titolo (questo quello del...

di Massimo Gagliani


Imminente il Summit sulla Sostenibilità in Odontoiatria della FDI World Dental Federation, che si terrà a giugno. Contestualmente si terrà il Contest per la Sostenibilità FDI...


La prof.ssa Nardi indica l’importante ruolo degli operatori sanitari di facilitare e permettere alla persona assistita di adattarsi ed autogestire sfide sociali, fisiche ed...

di Prof.ssa Gianna Maria Nardi


 
 
 
 

Il Podcast
dell'Innovazione
Odontoiatrica

TUTTI GLI EPISODI
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

Iscriviti alla Newsletter

 
 

Corsi ECM

 
 
 
 
 
 

I più letti

 
 

Corsi, Convegni, Eventi

 
 
 
 
 
 

Guarda i nostri video

Guarda i nostri video

La lezione di storia dell’odontoiatria del prof. Guastamacchia

 
 
 
 
 
 
 
 
chiudi