HOME - Protesi
 
 
19 Giugno 2012

Protesi e igiene: i consigli da dare ai pazienti

Notizie dal mondo: uno sudio comparativo spiega come pulire efficacemente le protesi mobili

di Debora Bellinzani


pazientepaziente

La pulizia delle protesi mobili è fondamentale per mantenere in salute i tessuti orali che ne vengono a contatto ma non sempre i pazienti, in special modo quelli più anziani, hanno la manualità necessaria per assicurare un'igiene appropriata. Quale metodo di pulizia consigliare dunque ai propri pazienti, e in particolare a coloro che hanno difficoltà nel muovere le mani con precisione e quindi nello spazzolamento? Secondo un gruppo di ricercatori di Taiwan possiamo consigliare a questi ultimi pazienti di immergere le protesi in acqua con una compressa di prodotto specifico per 15 minuti, e a tutti gli altri di aggiungere a questo metodo di pulizia anche lo spazzolamento della protesi.
L'esperimento, reso noto attraverso il Journal of Dental Sciences, ha utilizzato protesi in resina acrilica contaminate da Candida albicans e le ha pulite con sei metodi differenti; la sua importanza è data dal fatto che pochi studi finora hanno messo a confronto diretto diverse tecniche di igiene in questo contesto.

I metodi
"I metodi che si sono dimostrati più efficaci sono due, lo spazzolamento manuale con uno spazzolino morbido e l'immersione della protesi in acqua distillata con una pastiglia di prodotto specifico per la pulizia delle protesi per 15 minuti" ha affermato Huey-Er Lee del Dipartimento di odontoiatria del Kaohsiung Medical University Hospital di Taiwan; "un solo metodo si è rivelato più efficace dei due appena menzionati, ossia l'utilizzo combinato dello spazzolamento e dell'immersione con il prodotto specifico; abbiamo così potuto definire questa combinazione la migliore tecnica per raggiungere la massima igiene".
I metodi che non hanno dimostrato altrettanta efficacia sono stati l'immersione della protesi in un collutorio contenente clorexidina allo 0,2% per 15 minuti, l'irradiazione con raggi UV e l'immersione in semplice acqua distillata; quest'ultimo metodo, in particolare, si è rivelato totalmente inefficace nel rimuovere i batteri.

Il biofilm
"Il biofilm formato da funghi del genere Candida è causa provata di stomatite da protesi" ha concluso il ricercatore spiegando le scelte che hanno dettato la struttura dello studio; per i pazienti che portano protesi mobili, dunque, è molto importante rimuovere questi batteri, ma anche conoscere quali siano i metodi migliori in relazione alla propria capacità di utilizzarli in modo efficace".

Bibliografia
Effects of different denture cleaning methods to remove Candida albicans from acrylic resin denture based material
Journal of Dental Sciences 2011;6:216-20.

Leggi anche:
Anziani: correlazione tra salute generale e salute orale

GdO 2012;5:9

Articoli correlati

L’odontoiatria del futuro per il prof. Gagliani sarà basata più su una eccellente riproducibilità quotidiana, piuttosto che su una estemporaneità di risultato

di Massimo Gagliani


In questo appuntamento delle video relazioni per la Rubrica 20 Minutes Digital Workflow viene proposto un caso risolto con faccette feldspatiche dove il connubio tra digitale ed analogico...


A cura della Digital Dental Academy offre all’odontoiatra ed all’odontotecnico un quadro dell’odontoiatria al digitale dagli aspetti clinici a quelli organizzativi e merceologici 


Un libro per guidare il clinico in questo novo mondo. Alfonso Baruffaldi, Andrea Baruffaldi, Martino Baruffaldi e Livio Yoshinaga, gli autori


In uno studio in vitro in pubblicazione sul Journal of Dentistry, gli autori hanno studiato l’efficacia di diverse modalità di pulizia e detersione dei manufatti in zirconia...

di Lara Figini


Altri Articoli

Nel primo articolo abbiamo approfondito i vantaggi di utilizzare una tecnologia specifica per effettuare le visite a distanza, in questo illustriamo una sua applicazione...


Il concorso di conservativa diretta, rivolto agli studenti che frequentano il V e VI anno dei corsi di laurea in odontoiatria, è organizzato a livello internazionale da Dentsply...


Sempre più dentisti decidono di continuare l'attività anche dopo la pensione. Ma è possibile farlo mantenendo la partita iva? Ecco come fare e cosa comporta 


Si è spento a 68 anni Bruno Noce, presidente CAO Rovigo. Ne dà notizia Raffaele Iandolo, presidente della Commissione Albo Odontoiatri nazionale


Bettina Dannewitz dà il benvenuto ai nostri lettori e li invita alla scoperta della pubblicazione dell'EFP JCP Digest. Albonetti (Edra): Una collaborazione in linea con la...


 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

Corsi ECM

 
 
 
 
 
 

I più letti

 
 

Corsi, Convegni, Eventi

 
 
 
 
 
 
 
 

Guarda i nostri video

Guarda i nostri video

Profilo ASO: una guida alle scadenze in vista del 21 aprile

 
 
 
 
 
 
 
 
chiudi