HOME - Psicologia
 
 
24 Ottobre 2008

Tecniche di rilassamento contro l'ansia da riunito

di Renato Torlaschi


I filosofi stoici combattevano le paure con la pratica dell’attenzione, i martiri cristiani invece tendevano a ignorare i mali del corpo concentrando la loro mente altrove, verso l’idea di Dio.
Quando si tratta di tenere sotto controllo stati ansiosi, i due atteggiamenti, quello attivo della consapevolezza e quello passivo della distrazione possono funzionare entrambi.
Visti gli enormi progressi delle tecniche odontoiatriche e dell’efficacia degli anestetici è oggi del tutto fuori luogo e paradossale associare il martirio alla poltrona del dentista, tuttavia è un fatto che certi timori resistono, anche contro ogni evidenza e ragione. Per questo motivo è degna di attenzione lo studio sull’efficacia dei trattamenti contro l’ansia-da-dentista condotto da un gruppo di ricercatori tedeschi coordinato dal dottor Claas Lahmann, un medico che lavora presso il Dipartimento di medicina psicosomatica e psicoterapia della Technical University Munich; per questo motivo la ricerca si è guadagnata le pagine di Jada, la prestigiosa rivista dell’Associazione dei dentisti americani.
Per la precisione, Lahmann e colleghi hanno confrontato due tecniche per ridurre gli stati ansiosi legati a un trattamento odontoiatrico: la prima puntava sulla distrazione e il rilassamento indotti dall’ascolto di brani musicali; la seconda faceva ricorso a un semplice metodo di rilassamento che aumenta la consapevolezza del corpo e delle sensazioni fisiche.
I risultati indicano che la musica è efficace, la tecnica di rilassamento attivo lo è ancora di più. Sono gli stessi autori a ricordare come la paura del dentista sia tuttora diffusa: in Germania, un’indagine statistica l’ha stimata presente in modo significativo nell’11 per cento della popolazione.
È quasi con sciovinismo ferito che Lahmann rileva che i norvegesi sono più coraggiosi, secondo un sondaggio analogo condotto nel Paese scandinavo; ma dovunque le percentuali, che variano dal quattro fino al 20 per cento, dimostrano che il problema esiste ed è generale. Sembra più frequente nei giovani che nelle persone anziane e le donne, un po’ a sorpresa, risultano un po’ più fifone dei maschi. Il fenomeno si presta a un’alzata di spalle, ma le conseguenze sono gravi, perché questo tipo di paure porta molte persone a non tenere sotto controllo e non curare la propria salute orale che finisce in molti casi per deteriorarsi.
La letteratura e l’esperienza di ognuno riportano vari approcci utili nell’affrontare il problema: intanto i trattamenti farmacologici, dalle benzodiazepine fino agli antidepressivi e poi la numerosa messe di approcci psicologici come l’ipnosi, il biofeedback o le tecniche prodotte dalla psicologia comportamentista. Le strategie di controllo dell’ansia sperimentata dai ricercatori tedeschi hanno il vantaggio di essere molto semplici e di non richiedere quindi al paziente un lungo training per impadronirsi delle tecniche, inoltre evitano la somministrazione di farmaci che, da alcuni pazienti, è vissuta come ulteriore elemento di preoccupazione. Nel caso di utilizzo della musica, viene solo chiesto al paziente di scegliere la tipologia di brani che ritiene più consona allo scopo e più vicina alle sue preferenze personali.
La tecnica di rilassamento potrebbe sembrare più complicata, ma si è fatto ricorso al cosiddetto “rilassamento funzionale”, piuttosto diffuso in Germania, Austria e Svizzera per il trattamento di una vasta gamma di disturbi psicosomatici: richiede solo una decina di minuti per essere appresa dal paziente, mentre il dentista è stato preliminarmente sottoposto a un training durato appena una settimana.
Lo studio clinico, randomizzato e controllato, è stato condotto su pazienti che riconoscevano di provare stati ansiosi, ma che non presentavano condizioni gravi e riconducibili a vere e proprie fobie. Dai partecipanti, reclutati in un’area rurale della Baviera, sono anche stati esclusi i giovani con meno di 18 anni, gli individui in cura con farmaci antidepressivi o tranquillanti e anche coloro che erano affetti da problemi odontoiatrici complessi. 
Prima del trattamento dentistico è stata effettivamente riscontrata una condizione di ansia elevata (come ci si attendeva, dati i criteri di scelta del campione di partecipanti); dopo l’intervento si è ovviamente verificato un calo dello stato ansioso. Nel gruppo denominato Musica Distraction la riduzione è stata significativamente superiore rispetto al gruppo di controllo, ma ancora migliori sono stati gli effetti riscontrati nei pazienti Brief Relaxation - coloro che avevano imparato a indurre attivamente una condizione di rilassamento.

In che cosa consiste
Come funziona la Brief Relaxation? Consiste essenzialmente nella ripetizione di alcune sequenze di piccolissimi, quasi impercettibili movimenti, per pochi secondi, che intendono portare il paziente a una maggiore consapevolezza del proprio corpo. Possono essere eseguiti direttamente sulla poltrona del dentista, dopo aver trovato una posizione sufficientemente comoda. Riportiamo qualche esempio:
- abbandonate la mandibola lasciandola cadere e muovetela leggermente a sinistra e a destra per un tempo variabile dai tre ai cinque secondi;
- ancora per un periodo dai tre ai cinque secondi, muovete le spalle facendole ruotare sulle giunture, mantenendole rilassate e con spostamenti così piccoli che una persona di fronte a voi non si accorgerebbe di nulla; lasciate lavorare la gravità al vostro posto e abbandonatevi a essa;
- fate attenzione alla consapevolezza del vostro corpo: notate qualche cambiamento?
Ce ne sono altri di questo tipo e, infine, uno dei suggerimenti più importanti, che precisa lo spirito di questo metodo: non dovete affatto preoccuparvi di eseguire la tecnica in modo sbagliato!

GdO 2008; 12

Articoli correlati

Uno studio condotto al Policlinico Giaccone di Palermo ha dimostrato che i fumetti rappresentano uno strumento prezioso per migliorare la capacità di tollerare l'ansia in attesa...


In uno studio controllato randomizzato, che pubblicato sul The Journal of American Dental Association 2023, gli autori hanno valutato l'effetto della realtà virtuale e della musicoterapia su...

di Lara Figini


In uno studio clinico controllato randomizzato, pubblicato sul Journal of Dentistry gli autori hanno indagato l’effetto di un ascolto musicale personalizzato sulla percezione di “pesantezza”...

di Lara Figini


In un recentissimo studio genetico, pubblicato sull’Oral Surgery Oral Medicine Oral Pathology Oral Radiology, gli autori hanno valutato l’associazione tra i polimorfismi genetici e le...

di Lara Figini


La malattia parodontale è una malattia infiammatoria e se non trattata può portare alla perdita dei denti, compromettendo la funzione masticatoria ed estetica. La malattia...

di Lara Figini


In uno studio prospettico, randomizzato, in doppio cieco, pubblicato su Oral Surgery, gli autori hanno valutato lo stato cardiaco e le alterazioni cardiovascolari nei pazienti ipertesi durante le...

di Lara Figini


La rimozione dei terzi molari mandibolari impattati è una comune procedura dento-alveolare eseguita in chirurgia orale e maxillo-facciale, con diversi livelli di difficoltà...

di Lara Figini


Uno degli inconvenienti che spesso affligge operatore e paziente durante le procedure odontoiatriche è l' induzione del dolore causato dall'iniezione in fase di anestesia. In particolare, i...


ObiettiviLa letteratura descrive diverse complicazioni derivate dall'uso di anestetici locali, tra le quali ricordiamo la necrosi tessutale da anestetico. Viene presentato un caso di tale complicanza...


Lagoftalmo, iniezione intravasale, lesioni del tronco nervoso. Le complicanze di un’anestesia locale in odontoiatria sono poco frequenti e generalmente reversibili; nulla a che vedere con quella...


Altri Articoli

Sembra una ovvietà ma non credo che questa affermazione sia un percepito di voi dentisti quando si parla di società odontoiatriche, di “Catene”.Invece l’aveva chiaro il legislatore quanto nel...

di Norberto Maccagno


Di Marco: “non sussiste alcuna subordinazione dell’Igienista dentale rispetto all’Odontoiatra, bensì vi è una proficua e paritetica sinergia nell’interesse della...


Proseguendo la collaborazione con TeamSmile per altri due anni l'azienda compie un ulteriore passo avanti verso il raggiungimento di uno degli obiettivi centrali del suo programma...


Per approfondire l’odontoiatria digitale. Scopri gli appuntamenti e gli eventi gratuiti per odontoiatri ed odontotecnici


Immagine di repertorio

Molti pazienti avevano già versato anticipi per le cure o attivato finanziamenti. Le indicazioni di Adiconsum e della CAO Oristano. Da valutare le responsabilità degli odontoiatri e del direttore...


E' online il corso FAD ECM su Medicina estetica odontoiatrica, relatore Michele Cassetta. Un corso per approfondire ma anche solo capire le possibilità che si sono aperte per lo studio odontoiatrico


In collaborazione con Curasept fino al 13 aprile un doppio appuntamento quotidiano per per raccontare i benefici dell’igiene orale e della cura della bocca


Una guida ENPAM sulle tutele previste per l’inattività temporanea, ma scattano dal 31° giorno di inattività. Per essere coperti sempre, serve anche una polizza ad hoc


Ne abbiamo parlato con la dott.ssa Maria Grazia Cannarozzo in occasione del lancio del corso FAd Edra sul tema


La terza giornata è dedicata al digitale in estetica ed ortodonzia. Le anticipazioni delle relazioni dei dottori Poggio e Cocconi


Ancora due mesi di tempo per i fabbricanti di disposivi medici su misura che devono rifare l’iscrizione al nuovo Registro telematico dei fabbricanti


Il primo italiano ad avere l’onore di aprire la Convention annuale tenendo la Buonocore Memorial Lecture, riconoscimento riservato a pochissimi professionisti al mondo


Tra coloro che soffrono di edentulia più o meno estesa, solo la metà ritiene di poterla ripristinare con una soluzione protesica, fissa o rimovibile. Discriminate il fattore culturale e sociale


Il 22 e 23 febbraio a Chicago, nel corso della settimana del Midwinter Meeting, si è svolto il 95° Congresso di American Prosthodontic Society. L’American Prosthodontic Society, fondata nel...


 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

Annuncio in Evidenza


12 Febbraio 2024
Vendo immobile adibito a studio odontoiatrico dal 1960

Vendita a Chiasso centro, in Svizzera, immobile adibito dal 1960 a studio odontoiatrico composto da quattro unità operative, con autorizzazione sanitaria. Per informazioni contattare Marzio Negrini: cell. whatsapp +393756589128

 
 

Iscriviti alla Newsletter

 
 

Corsi ECM

 
 
 
 
 
 

I più letti

 
 

Corsi, Convegni, Eventi

 
 
 
 
 
 

Guarda i nostri video

Guarda i nostri video

La lezione di storia dell’odontoiatria del prof. Guastamacchia

 
 
 
 
 
 
 
 
chiudi