HOME - Strumenti e Materiali
 
 
30 Settembre 2007

Strumenti per lo scaling: un confronto

di Debora Bellinzani


Uno strumento per lo scaling dovrebbe avere non solo la forma più adatta per trattare il paziente, ma anche quella maggiormente ergonomica per facilitare il lavoro dell’odontoiatra e dell’igienista dentale: per scoprire quale sia la sagoma più consona, un gruppo di ricercatori statunitensi ha preso in esame diversi strumenti e li ha messi a confronto tra loro. I risultati della ricerca hanno stabilito che gli strumenti con un’impugnatura arrotondata e affusolata e 10 millimetri di diametro nel punto più largo dell’impugnatura non solo facilitano il lavoro, ma preservano anche la salute dell’odontoiatra.

“L’alta frequenza tra gli odontoiatri di disturbi muscolo-scheletrici riguardanti gli arti superiori ci ha spinti a svolgere uno studio sugli strumenti che servono per lo scaling, ossia per uno dei compiti che richiedono a mano e braccio un notevole sforzo fisico protratto per un tempo relativamente lungo” descrive David Rempel, ricercatore presso il dipartimento di medicina della University of California di San Francisco, negli Stati Uniti. “Una ricerca dell’American Dental Association di qualche anno fa ha dimostrato che i disturbi muscolo-scheletrici in generale e la sindrome del tunnel carpale in particolare sono tra le patologie più diffuse tra odontoiatri e igienisti dentali. Lo studio, che è stato finanziato dal National Institute for Occupational Safety and Health statunitense e pubblicato dalla rivista scientifica “Applied Ergonomics”, ha dunque preso in esame otto strumenti per lo scaling con impugnatura arrotondata o esagonale, diametro costante o forma affusolata (ossia con diametro maggiore al centro rispetto alle estremità) e diametro di 7 oppure 10 millimetri. “I dati emersi da questi esperimenti dimostrano che l’utensile rotondo, con forma affusolata e un diametro massimo di 10 millimetri necessita di una forza e di una tensione muscolare minori per effettuare i movimenti necessari al trattamento di scaling”, dice il ricercatore.

Secondo gli autori i risultati di questo e di studi simili possono portare i professionisti a una scelta più consapevole degli strumenti di lavoro. “Se si pensa che è stato calcolato che la forza media necessaria per eseguire un trattamento di scaling corrisponde all’11-20 per cento della forza pressoria massima che la mano può esercitare, si capisce quanto ogni piccolo miglioramento degli strumenti e delle condizioni di lavoro possa risultare importante.”

GdO 2007; 13

Articoli correlati

Rebilda Post GT è un perno radicolare in composito radiopaco, traslucente, rinforzato con fibre di vetro che mostra un'elasticità simile a quella della dentina e assicura un'adesione...


Le lesioni da morso (LM o bitemark in inglese) sono un segno che viene spesso valutato in ambito giudiziario per risalire all’identità dell’aggressore. Alla base di questa valutazione ci sono...


I nuovi impianti cilindrici Premium e conici Kohno sono frutto di una ultradecennale esperienza clinica, con oltre mezzo milione di inserimenti che testimoniano l’eccellente funzionalità di questo...


agora-del-lunedi     25 Luglio 2022

Questa è meravigliosa!

Non sempre le nuove tecnologie hanno interfacce così intuitive da essere assimilabili in poco tempo. Da questa constatazione nata dalla lettura di un lavoro scientifico, le considerazioni del prof....


Saranno assegnati a tutti i sanitari, odontoiatri ed igienisti dentali inclusi, entro il 31 luglio e visibili nell'ara personale degli iscritti sul sito CO.Ge.APS. 


Altri Articoli

Una due giorni ad un Congresso qualsiasi può essere un ritorno alla normalità dice il prof. Gagliani che avverte: la formazione deve essere debitamente certificata e tutelata con regole non fondate...

di Massimo Gagliani


Sono nato una domenica dell’agosto 1964, anagraficamente contando il Governo Draghi è stato il quarantottesimo che ho vissuto. In Germania, nello stesso periodo, di Governi ne hanno avuti 19...

di Norberto Maccagno


Il Consejo General de Dentistas ha elaborato una relazione tecnica dove sono state analizzate la densità di professionisti per popolazione, l'evoluzione demografica negli ultimi...


Maria Grazia Cannarozzo

Dalla collaborazione tra l’Azienda Ospedaliera Cannizzaro di Catania e il COI-AIOG nasce il progetto “Odontoiatria rosa”, che attenzionerà la salute orale delle donne...

di Lorena Origo


Sarà Catania ad ospitare, dal 20 al 22 aprile 2023, il Congresso numero 30 del CDUO organizzato dalle Università di Palermo, Messina e Catania


 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

Corsi ECM

 
 
 
 
 
 

I più letti

 
 

Corsi, Convegni, Eventi

 
 
 
 
 
 
 
 

Guarda i nostri video

Guarda i nostri video

Canino incluso: la pianificazione digitale

 
 
 
 
 
 
 
 
chiudi