HOME - Approfondimenti
 
 
18 Luglio 2018

Sospesa autorizzazione di un altro centro DentalPro

Ordinanza del Sindaco di Santo Stefano di Magra (Sp), intanto il centro di Sarzana ha sospeso l’attività clinica

Norberto Maccagno

Dopo l’ordinanza del sindaco di Sarzana che ha sospeso l’autorizzazione sanitaria del centro DentalPro per 6 mesi perché mancava il nome del direttore sanitario su di una pubblicità, decisione confermata da Consiglio di Stato, ora arriva quella del sindaco del Comune di Santo Stefano di Magra (Sp) (cittadina ad una decina di chilometri da Sarzana), che ha sospeso l’autorizzazione sanitaria di un altro centro DentalPro sempre per lo stesso motivo: l’applicazione degli artt. 4 e 5 della legge 175/92. 

Intanto, secondo quanto racconta ad Odontoiatria33 Sandro Sanvenero (nella foto) presidente CAO di La Spezia citando fonti del Comune, il Centro DentalPro di Sarzana avrebbe sospeso l’attività clinica. In realtà, ci spiega il presidente Sanvenero, “la DP 47 Srl titolare dello studio di Sarzana ma anche la ABLASPEZIA Srl titolare del Centro di Santo Stefano di Magra, hanno tentato di aggirare la sanzione di sospensione dell’autorizzazione sanitaria con la possibilità prevista dagli art. 2555 e seguenti del CC che normano la cessione di azienda”. 

Secondo quanto riferisce il presidente CAO, “la proprietà ha tentato di chiudere la società sanzionata trasferendola ad una nuova società non colpita da provvedimento sospensivo”. Con il trasferimento dell’azienda veniva richiesto di trasferire anche l’autorizzazione sanitaria. A seguito della notizia, la CAO di La Spezia ha messo a conoscenza le Amministrazioni locali del fatto che, “diversamente da quanto accade in generale nel commercio, in campo sanitario non è possibile trasferire le autorizzazioni da un soggetto ad un altro, senza effettuare una nuova e completa valutazione autorizzativa”. 

La costante giurisprudenza sia ordinaria sia amministrativa, sia di merito che di legittimità, spiega Sanvenero, “ha sempre concordemente ritenuto che l'autorizzazione in esame non riguarda esclusivamente i locali e gli strumenti ivi esistenti, ma anche i soggetti che in quei locali esercitano l'attività sanitaria”. 

Sanvenero che ricorda come dirimente il principio di diritto stabilito dalla Cassazione Penale (Sez. III n.37169/2010): “l'autorizzazione sanitaria di cui all'art. 193 del testo unico delle leggi sanitarie approvato con R.D. 27 luglio 1934, n. 1265, è rilasciata anche con riferimento al soggetto che nei locali presta l'attività sanitaria e che gestisce l'organizzazione e le apparecchiature, con la conseguenza che quando tale soggetto muta deve essere rilasciata una nuova autorizzazione, a seguito di una nuova valutazione della diversa situazione determinatasi, pur non modificandosi gli ambienti e le attrezzature”. 

“Appare quindi chiaro –continua il presidente CAO- come l’obbligo autorizzativo di cui all’art. 193 TULS (che trova nella legge regionale il suo iter amministrativo per essere rilasciato) non possa essere bypassato in nessuna maniera da parte di un soggetto richiedente; da cui l’impossibilità di rilascio di autorizzazione sanitaria in assenza del previsto iter”. 

Dopo il parere della CAO, entrambi i Comuni hanno negato la trasferibilità dell’autorizzazione ed il Comune di Santo Stefano di Magra ha emesso l’ordinanza (n. 83 del 11 luglio 2018) di sospensione dell’autorizzazione sanitaria, indirizzandola ad entrambe le società (ABLASPEZIA Srl e DP 13 Srl), differendone l’esecutività di 20 giorni, in maniera che, spiega Sanvenero “la società possa adottare tutti gli elementi per tutelare la salute dei pazienti in cura presso l’ambulatorio”. 

DentalPro preferisce non commentare, almeno con Odontoiatria33. Da quanto siamo riusciti a sapere i pazienti del centro di Sarzana ora vengono inviati per terminare le cure al vicino centro di Santo Stefano di Magra che, però, tra una ventina di giorni dovrà sospendere anche lui l’attività clinica. Secondo stime sarebbero circa 30 i collaboratori o dipendenti presenti nei due centri ed un migliaio di pazienti che devono terminare le cure.    

Articoli correlati

Centrale il ruolo delle CAO nell’attività di verifica su autorizzazioni e pubblicità e maggiore dialogo tra tutti i soggetti coinvolti


Le nuove disposizioni sulla pubblicità sanitaria entrate in vigore dal primo gennaio con la promulgazione della Legge di Bilancio 2019 (Art.1, comma 525 e 536, legge n. 145/2018) sono in...


Egregio Direttore, approfittiamo dal suo bell’editoriale pubblicato Domenica scorsa per rendere noto uno dei temi che il comitato A.M.I.C.O. (Associazione Medici e Igienisti Centri...


Sono stati i militari del NAS di Salerno, nell’abito di una attività di controllo di studi medici ed odontoiatrici della zona, a rilevare l’anomalia amministrativa di uno studio dentistico di...


Gentile direttoreSono nuovamente “costretto” ad intervenire riguardo al contenuto di un Tuo editoriale nella rubrica “DiDomenica”. E naturalmente, ma non sarà né la prima né temo...


Altri Articoli

Italiani confermano di preferire per gli acquisti la grande distribuzione mentre calano le vendite in farmacia. Crescono gli acquisti online


Il Garante della Privacy Antonello Soro interviene sui rischi della sanità digitale e sottolineato la necessità di più garanzie


Un corso FAD EDRA (25 crediti ECM) fa il punto sulla diagnosi e cura delle patologie periapicali di origine endodontica. Il Corso è curato dal prof. Fabio Gorni


Seeberger (FDI): decisione storica, ora la si deve mettere in pratica in ogni singola Nazione per ridurre le disuguaglianze in tema di salute


Il Segretario Magenga risponde alla lettera del presidente Di Fabio sui requisiti necessari in tema di istruzione per  accedere al corso per ASO 


 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

Corsi ECM

 
 
 
 
 
 

I più letti

 
 

Corsi, Convegni, Eventi