HOME - Approfondimenti
 
 
27 Settembre 2019

Gli strumenti già a disposizione del Fisco per scovare i cattivi contribuenti

In attesa della manovra fiscale e dell’annunciata stretta contro gli evasori, quali sono gli strumenti già operativi in mano all’Amministrazione finanziaria per controllare?

Norberto Maccagno

Come molti Governi, per trovare i fondi necessari per investire su servizi e riduzione delle tasse, anche il “Conte due” ha annunciato di voler combattere l’evasione per recuperare parte del sommerso che, se recupero completamente, potrebbe azzerare il nostro debito pubblico. Se le promesse, o minacce a seconda di quale sia il vostro “modello di contribuente”, si concretizzeranno lo sapremo già nella prossima bozza di manovra finanziaria.  

A margine dell'Assemblea Generale Onu il Premier Giuseppe Conte ha evocato un "patto con i contribuenti" e "meccanismi incentivanti della moneta elettronica", ma in realtà i suoi predecessori hanno già dato all’Amministrazione finanziaria strumenti per controllare il nostro gradi di “buoni contribuenti”. 

ISA 

Ne abbiamo parlato più volte in queste settimane, hanno sostituito gli studi di settore ma di fatto hanno lo stesso obiettivo, consentire attraverso l’elaborazione di una serie di dati forniti dal contribuente, di valutare chi sono i contribuenti a rischio ed eventualmente andare a verificarli.In questi giorni il MEF ha ribadito che i controlli non sono automatici. Le Entrate hanno chiarito che in presenza di un punteggio tra fra i 6 e 7,99 non dovrebbe esserci il rischio di un controllo.Se il punteggio è insufficiente, l’Amministrazione finanziaria potrebbe prima effettuare altre verifiche e poi attivare l’attività di controllo. In una recente circolare le Entrate spiegano, come motivare il voto insufficiente, invitando a compilare le “note aggiuntive” e “fornire elementi esplicativi” che saranno valutati prima di decidere se proseguire nell’accertamento o lasciare perdere.  

L’evasomentro 

E’ il vero “grande fratello” a disposizione del Fisco per verificare e controllare la regolarità fiscale attraverso un intreccio di dati tra cui i movimenti bancari. Se sulla base dei calcoli eseguiti risulta che un contribuente ha effettuato delle spese eccessive rispetto ai redditi comunicati, scattano gli accertamenti veri e propri attraverso la Guardia di finanza. 

Sotto osservazione, ovviamente, i risparmi, i conti correnti e le carte di credito, le obbligazioni, i prodotti finanziari, i conti deposito, le giacenze medie, i saldi iniziali e finali annuali e i flussi mensili di entrata e uscita. 

Ovviamente al contribuente verrà richiesto di motivare eventuali irregolarità presunte, in base alle motivazioni potrà scattare o meno la sanzione o un ulteriore accertamento.

Articoli correlati

Salta il limite sul redito mentre viene confermata, per il pagamento con i contanti, la differenziazione tra struttura sanitaria pubblica ed accreditata e privato 


Quelli per i clienti e quelli ai dipendenti che si possono portare in detrazione. Come comportarsi per le cene ed altre spese di rappresentanza?


Un emendamento toglie la sanzione ma rimangono i limiti sulle detrazioni per le spese sanitarie. Novità anche in tema di bollo sulle fatture elettroniche


Puntava a limitare l’esercito della professione odontoiatrica in forma societaria alle sole StP. Disco verde, invece, per il bonus cure


Anche per quelli "regalati" i vantaggi pensionistici e fiscali oltre alla possibilità di accantonare capitale utilizzabile in futuro. I consigli e le valutazioni del dott. Luigi Daleffe


Altri Articoli

Il progetto dell’Usl Sud–Est della Regione Toscana consente di ottimizzare le risorse offrendo un servizio di assistenza mirato e puntuale


L’obbligo violerebbe la privacy dei pazienti che hanno già effettuato i pagamenti. Uno studio di consulenza fiscale evidenza la criticità e presenta un reclamo


Per il dott. Mele si deve puntare ad un sistema di aggiornamento comune per tutte le libere professioni basato sugli Ordini e con sanzioni certe


A circa 4 mesi della prima scadenza imposta dal DCPM, facciamo il punto sul riconoscimento dell’attività pregressa. Intanto nasce il caso “infermieri” che operano come ASO nelle ASL


O33Cronaca     11 Dicembre 2019

Ulss veneta cerca un igienista dentale

Contratto a tempo indeterminato presso l’Ulss numero 6 Euganea, domande entro il 9 gennaio 2020


 
 
 
 
 
 
 
 

Annuncio in Evidenza


11 Dicembre 2019
Cercasi odontoiatra con esperienza a Brandizzo (To)

Il Centro Chirurgico, con esperienza di oltre 30 anni nel settore (vedi sito www.centrochirurgicosrl.it), cerca odontoiatra per collaborazione in conservativa, endodonzia e chirurgia estrattiva. E' richiesta la disponibilita' di due giornate a settimana. Inviare C.V.

 
 
 
 
 
 

Corsi ECM

 
 
 
 
 
 

I più letti

 
 

Corsi, Convegni, Eventi