HOME - Approfondimenti
 
 
28 Ottobre 2019

Legge di Bilancio su fatture elettroniche, POS, contante e posticipo acconto Irpef

Da ieri le norme sono pienamente operative. Il Parlamento ha ora 60 giorni di tempo per approvarla o modificarla

Nor. Mac.

Con la pubblicazione in Gazzetta Ufficiale, da ieri 27 ottobre la Legge di Bilancio è pienamente operativa anche se, ripensamenti e modifiche saranno possibili durante l’iter parlamentare che porterà, entro dicembre, alla sua definitiva approvazione.  


Acconto Irpef 

Arriva una riduzione del secondo acconto di Irpef-Irap-Ires delle dichiarazioni per le partite Iva che applicano gli Isa (gli indici di affidabilità fiscale). Secondo quanto contenuto nella Legge di Bilancio, vengono rimodulati gli importi da versare per l’acconto Irpef.Per chi ha già versato la prima rata del 40%, (la scadenza era per il 30 settembre 2019 o 30 ottobre con lo 0,4%), verserà, entro il 2 dicembre la seconda rata non più pari al 60% ma al 50%, per cui verserà, in tutto, il 90%. Il contribuente che invece versa solamente la seconda rata, sempre entro il 2 dicembre, verserà il 90% (anziché il 100%). 


Fatturazione Elettronica 

E’ stato confermato anche per il 2020 il divieto di inviare la Fattura elettronica al Sistema di Interscambio per tutti i soggetti obbligati a trasmette i dati delle fatture al Sistema Tessera Sanitaria ma anche per i soggetti che emettono fatture sanitarie direttamente ai pazienti.  


POS e pagamenti elettronici 

Dal primo luglio 2020 vengono introdotte sanzioni per chi rifiuta pagamenti con sistemi elettronici. La sanzione sarà di 30 euro aumentata del 4% del valore della transazione per la quale sia stata rifiutata l’accettazione del pagamento.Vengono introdotte agevolazioni fiscali del 30% sulle commissioni addebitate per le transazioni effettuate attraverso POS. Potranno beneficiare delle agevolazioni fiscali solo per le attività con ricavi e compensi non superiori ai 400 mila euro. 


Uso contante e reati fiscali 

Scende il tetto per l’utilizzo del contante che passa dagli attuali 3 mila euro a 2 mila ma dal primo luglio 2020. Da gennaio 2022 scenderà poi a mille. Vengono anche inasprite le pene per gli evasori fiscali. Per chi supera i 100 mila euro di evasione scatta il reato penale che prevede oltre alla possibilità di finire in carcere, anche la confisca dei beni.         


Detrazioni fiscali 

Dal 2020, le spese portate in detrazione dalla dichiarazione dei redditi potranno essere riconosciute solo se pagate con bancomat, carte di credito o bonifici bancari. Norma che si applica anche per le detrazioni del 19% per le spese mediche. Sempre in tema di detrazioni, il decreto fiscale collegato alla manovra potrebbe portare un taglio (dai 120 mila euro di redito), fino all’azzeramento, per i redditi superiori ai 240 mila euro.    


Photo Credit: Governo.it

Articoli correlati

Una mozione chiede che possano esercitare sono le STP odontoiatriche con direttore sanitario, emendamenti puntano a introdurre sanzioni per la proprietà in tema di pubblicità 


“Ci tassano anche l’aria”. Novembre è da sempre il mese più adatto per questo detto, soprattutto per gli autonomi alle prese con le rate dei pagamenti delle tasse e tra qualche giorno con...

di Norberto Maccagno


Positivo il giudizio del presidente Anelli sulla manovra in tema di sanità in particolare verso quelli che tendono a modificare stili di vita dannosi alla salute 


O33inchieste     14 Novembre 2019

Tassa sullo zucchero e salute orale

Mappa dei Paesi in cui la tassa è stata o non è stata attivata

Sono oltre 50 i Paesi che hanno introdotto una healty tax  per disincentivare i consumi di zucchero ed in molti casi i risultati sono positivi

di Davis Cussotto


Un approfondimento dell’Agenzia delle Entrate chiarisce le finalità della norma. Conferma anche il divieto di invio di fattura elettronica per le prestazioni sanitarie per tutto il 2020


Altri Articoli

Una mozione chiede che possano esercitare sono le STP odontoiatriche con direttore sanitario, emendamenti puntano a introdurre sanzioni per la proprietà in tema di pubblicità 


Il finto dentista cinese operava in casa ed al posto del riunito utilizzava una sdraio da giardino 


Secondo l’Associazione Nazionale dei Centri Odontoiatrici sarebbero a rischio 17mila posti di lavoro. Confermate le iniziative verso AGCM e CE 


“Ci tassano anche l’aria”. Novembre è da sempre il mese più adatto per questo detto, soprattutto per gli autonomi alle prese con le rate dei pagamenti delle tasse e tra qualche giorno con...

di Norberto Maccagno


Directa, azienda produttrice di materiali odontoiatrici con sede in Svezia, ha annunciato l’acquisizione della linea di strumenti di estrazione Physics Forceps® dal produttore...


 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

Corsi ECM

 
 
 
 
 
 

I più letti

 
 

Corsi, Convegni, Eventi