HOME - Cronaca
 
 
04 Maggio 2018

La CAO al Ministero: serve un chiarimento sul profilo dell’ASO

Sotto la lente il divieto di intervenire sul paziente

Nor. Mac.

Con la pubblicazione in Gazzetta Ufficiale del testo del Decreto che istituisce il profilo dell’Assistente di Studio Odontoiatrico, sono nati alcuni dubbi interpretativi. Tra questi quali siano le attività che l’ASO può effettuare sul paziente nell’assistere l’odontoiatra

Sotto la lente, come anche Odontoiatria33 aveva segnalato, c’è all’articolo 1 comma 2 dove viene indicato che "è fatto assoluto divieto all'assistente di studio odontoiatrico di intervenire direttamente sul paziente anche in presenza dell'odontoiatra e dei professionisti sanitari del settore". 

Una frase che, secondo una rigida interpretazione del dettato normativo, rischia di vedere l’ASO che assiste il dentista nel suo operato, denunciata per esercizio abusivo della professione ed il titolare di studio per concorso, con le conseguenze derivanti dalla Legge Lorenzin. 

A sollevare il problema al Ministero della Salute, chiedendo chiarimenti, è la CAO Nazionale attraverso una richiesta ufficiale. 

“La quotidiana esperienza di lavoro all'interno degli studi odontoiatrici prevede, invece, un'attività ovviamente di puro carattere operativo e ausiliario da parte dell'ASO nei confronti del paziente, sotto la stretta vigilanza dell'odontoiatra”, scrive il presidente CAO Raffaele Ianolo (nella foto) alla dott.ssa Rosanna Ugenti della Direzione Generale delle Professioni Sanitarie del Ministero della Salute. “Tale attività –continua la nota- è ben descritta nell'Allegato 1 dell'Accordo stesso, descrittivo della Figura Professionale, in cui alla lettera C) del processo di lavoro è prevista "l'assistenza all'odontoiatra nelle attività proprie dell'odontoiatria".  

A puro titolo esemplificativo e non esaustivo, il presidente Iandolo indica alcune tipiche attività di assistenza all'odontoiatra che consistono nell'aspirare la saliva nella bocca del paziente; proteggere la lingua del paziente con lo specchietto durante gli interventi; tenere ben divaricate labbra e guancia per dare maggiore visibilità del cavo orale all'odontoiatra; aiutare l'odontoiatra nel posizionamento di alcuni dispositivi, quali la diga dentale, durante i trattamenti di conservativa e di endodonzia. 

Presidente CAO che ricorda come un'applicazione letterale della disposizione di cui al comma 2 dell'art. 1, potrebbe, invece, “comportare il configurarsi, da parte degli organi di controllo, del reato di esercizio abusivo della professione da parte delle ASO e di conseguenza il reato di favoreggiamento nei confronti del professionista”. 

“Appare, quindi, necessaria –conclude il presidente Iandolo- una nota esplicativa che chiarisca e contestualizzi l'applicazione del comma 2 dell'art. 1 come divieto dello svolgimento, da parte delle ASO, delle prestazioni di competenza dell'odontoiatra e non alla mera assistenza all'odontoiatra stesso”.    

Articoli correlati

Da oltre mezzo secolo l’Acse, l’ambulatorio dei Padri Comboniani, di via del Buon Consiglio a Roma, rappresenta un punto di riferimento per tutte quelle persone costrette ai margini della vita...


“C’è ancora molta incertezza sulla questione dell’inquadramento contrattuale delle ASO per l’esenzione dall’obbligo di conseguimento dell’attestato di qualifica professionale previsto...


Si chiama “Costituente delle Idee” il progetto presentato dal PD che lo definisce “uno strumento per chiamare a raccolta una parte del Paese che vuole combattere”. “Dovrà essere una...


Il Sindacato degli Assistenti Studio Odontoiatrico torna a polemizzare con chi e come “viene descritto il sindacato degli ASO”, a cominciare dai “dirigenti ANDI ma non solo”. Sotto la lente...


Anche la Regione Friuli Venezia Giulia istituisce la nuova figura professionale di assistente di studio odontoiatrico, recependo un accordo sancito in Conferenza Stato-Regioni e il conseguente...


Altri Articoli

Tra i temi di stretta attualità su cui il Governo (o parte di esso) dice di voler intervenire -comunque lo annuncia- c’è quello del salario minimo. Che è di fatto la copia...

di Norberto Maccagno


Quando non si ha la possibilità di utilizzare trapano, anestesia, materiali per otturazioni, tra le tecniche ed i prodotti a disposizione per trattare la carie dei denti da latte, e non solo, in...


“Apprendo con grande stupore a mezzo stampa di una presunta querela che sarebbe stata sporta nei miei confronti da parte dell’ANDI – dichiara Marco Vecchietti, Amministratore Delegato e...


La Regione Toscana, con la Legge regionale n° 50, ha modificato la L.R. 5 agosto 2009 n°51 "Norme in materia di qualità e sicurezza delle strutture sanitarie: procedure e requisiti autorizzativi...


Avevano permesso ad un non laureato ed abilitato di curare i loro pazienti e per questo il giudice di Lucca ha condannato tre iscritti all’Albo per concorso in esercizio abusivo della...


 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

Corsi ECM

 
 
 
 
 
 

I più letti

 
 

Corsi, Convegni, Eventi