HOME - Cronaca
 
 
04 Maggio 2018

La CAO al Ministero: serve un chiarimento sul profilo dell’ASO

Sotto la lente il divieto di intervenire sul paziente

Nor. Mac.

Con la pubblicazione in Gazzetta Ufficiale del testo del Decreto che istituisce il profilo dell’Assistente di Studio Odontoiatrico, sono nati alcuni dubbi interpretativi. Tra questi quali siano le attività che l’ASO può effettuare sul paziente nell’assistere l’odontoiatra

Sotto la lente, come anche Odontoiatria33 aveva segnalato, c’è all’articolo 1 comma 2 dove viene indicato che "è fatto assoluto divieto all'assistente di studio odontoiatrico di intervenire direttamente sul paziente anche in presenza dell'odontoiatra e dei professionisti sanitari del settore". 

Una frase che, secondo una rigida interpretazione del dettato normativo, rischia di vedere l’ASO che assiste il dentista nel suo operato, denunciata per esercizio abusivo della professione ed il titolare di studio per concorso, con le conseguenze derivanti dalla Legge Lorenzin. 

A sollevare il problema al Ministero della Salute, chiedendo chiarimenti, è la CAO Nazionale attraverso una richiesta ufficiale. 

“La quotidiana esperienza di lavoro all'interno degli studi odontoiatrici prevede, invece, un'attività ovviamente di puro carattere operativo e ausiliario da parte dell'ASO nei confronti del paziente, sotto la stretta vigilanza dell'odontoiatra”, scrive il presidente CAO Raffaele Ianolo (nella foto) alla dott.ssa Rosanna Ugenti della Direzione Generale delle Professioni Sanitarie del Ministero della Salute. “Tale attività –continua la nota- è ben descritta nell'Allegato 1 dell'Accordo stesso, descrittivo della Figura Professionale, in cui alla lettera C) del processo di lavoro è prevista "l'assistenza all'odontoiatra nelle attività proprie dell'odontoiatria".  

A puro titolo esemplificativo e non esaustivo, il presidente Iandolo indica alcune tipiche attività di assistenza all'odontoiatra che consistono nell'aspirare la saliva nella bocca del paziente; proteggere la lingua del paziente con lo specchietto durante gli interventi; tenere ben divaricate labbra e guancia per dare maggiore visibilità del cavo orale all'odontoiatra; aiutare l'odontoiatra nel posizionamento di alcuni dispositivi, quali la diga dentale, durante i trattamenti di conservativa e di endodonzia. 

Presidente CAO che ricorda come un'applicazione letterale della disposizione di cui al comma 2 dell'art. 1, potrebbe, invece, “comportare il configurarsi, da parte degli organi di controllo, del reato di esercizio abusivo della professione da parte delle ASO e di conseguenza il reato di favoreggiamento nei confronti del professionista”. 

“Appare, quindi, necessaria –conclude il presidente Iandolo- una nota esplicativa che chiarisca e contestualizzi l'applicazione del comma 2 dell'art. 1 come divieto dello svolgimento, da parte delle ASO, delle prestazioni di competenza dell'odontoiatra e non alla mera assistenza all'odontoiatra stesso”.    

Articoli correlati

La formazione per acquisire dignità professionale. Un testo ideale per i corsi di formazione ma anche per aggiornare chi non è obbligato a conseguire l’attestato di qualifica


Commentando l’articolo sull’apertura di un novo ambulatorio odontoiatrico a Firenze, Alexander Peirano (CAO Firenze) pone delle riflessioni sulle scelte del SSN


I legali del Sindacato sosterranno le cause per ottenere il giusto inquadramento. Intanto il Segretario Magenga minaccia azioni legali nei confronti dell’ASO che lamentava difficoltà


Maurizio è un mio compagno delle superiori, ora è l’ortodontista dei miei figli. Dopo il diploma ha lavorato qualche anno e poi ha deciso di iscriversi a medicina, in realtà...

di Norberto Maccagno


IDEA e AIASO sostengono che bisogna trovare una soluzione alle criticità con la massima urgenza, per farlo, dicono, serve un tavolo di concertazione al Ministero


Altri Articoli

Il Governo cambia idea sulla proroga delle rate delle imposte, ma introduce una riduzione sull’acconto di fine novembre


Da sinistra: Bill Marshall, Sally Marshall, Andrei Ionescu, Jeff Stansburry

Il premio al dott. Andrei Ionescu per una ricerca sulla Proprietà antimicrobiche della resina PMMA contenente grafene

di Simona Chirico


Previmedical contesta le affermazioni di ANDI e diffida: “non ci usi per accreditarsi nei confronti dei dentisti e per contrastare lo sviluppo della sanità integrativa”


Le novità del Decreto fiscale che interessano il settore: dalla fattura elettronica alle sanzioni per chi non accetta il Pos passando per i conti correnti dedicati e la riduzione dell’utilizzo del...


Cronaca     16 Ottobre 2019

Flat Tax, si cambia di nuovo

Il regime diventa analitico e quindi il reddito sarà considerato anche sulla base dei costi, vengono posti nuovi vincoli per beni strumentali e personale dipendente


 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

Corsi ECM

 
 
 
 
 
 

I più letti

 
 

Corsi, Convegni, Eventi