HOME - Cronaca
 
 
25 Giugno 2019

Invio dei dati del reddito ad ENPAM, ANDI chiede una proroga della scadenza


Se entro fine mese il Senato approverà senza modifiche il Decreto Crescita, già approvato alla Camera, tra le misure che entreranno in vigore anche la proroga dei termini dei versamenti delle tasse per i soggetti tenuti a inviare i dati previsi dagli ISA (Indici Sintetici di Affidabilità).

La scadenza prevista era il 1 luglio, la proroga posticiperebbe il pagamento al 30 settembre mentre si avrebbe tempo fino al 30 novembre per presentare la dichiarazione dei redditi. Se sembra chiaro che in caso di proroga a beneficiarne saranno i soggetti ai quali si applicano gli ISA, non altrettanto per i titolari di partita IVA in regime forfettario e dei minimi. Non sarebbe chiaro se la nuova scadenza vale anche per loro, essendo esclusi dal presentare la documentazione ISA. 

Altro problema è quello che ANDI ha posto ad ENPAM attraverso una nota ufficiale inviata ieri 24 giugno, ma lo stesso problema si pone anche per tutti i professionisti soggetti ad ISA che versano a casse private

“In data 3 giugno 2019- scrive ANDI all’Ente di previdenza di medici e dentisti- l’ENPAM ha pubblicato nell’Area Previdenza del sito istituzionale l’obbligo di comunicare entro il 31 luglio 2019 il reddito derivante dall’esercizio dell’attività medica/odontoiatrica, prodotto nel 2018”.   

Siccome il DDl Crescita potrebbe posticipare la scadenza e quindi consentire ai contribuenti ed ai loro consulenti di completare la dichiarazione dei redditi entro il 30 settembre, ANDI ritiene “necessario un differimento dei termini anche per l’invio all’ENPAM del reddito derivante dall’esercizio dell’attività medica/odontoiatrica, prodotto nell’esercizio 2018”. 

ANDI fa anche notare come il mancato invio nei termini previsti dei dati entro il 31 luglio ad ENPAM attraverso le modalità previste, prevede una sanzione di 120 euro. 

Articoli correlati

Gli iscritti in ritardo con i pagamenti potranno godere di una serie di agevolazioni, ridotte le sanzioni per chi si mette in regola prima dell’accertamento


La mappa delle oltre 5 mila società censite da ENPAM, previsto un gettito di oltre 7 milioni di euro. Controlli e sanzioni: previsti “incroci” con i dati delle Entrate 


Gli auguri al neo Ministro della Salute e gli auspici nei messaggi di congratulazione inviati da FNOMCeO, ENPAM, AIO, ANDI


Con le prime 600 lettere alle società odontoiatriche censite nelle Marche in Emilia Romagna e Toscana è cominciata la campagna informativa dell’ENPAM in vista della scadenza per versare lo...


Dopo le richieste avanzate anche da sindacati di settore, l’ENPAM ha deciso di rinviare al 30 settembre il termine per presentare il modello D per tutti i medici e gli odontoiatri...


Altri Articoli

La Delibera del Comitato Centrale FNOMCeO sulle ‘Raccomandazioni nell’interpretazione del messaggio informativo in odontoiatria’ si presta a molti commenti e letture.Quella più ingenua è il...

di Norberto Maccagno


Italiani confermano di preferire per gli acquisti la grande distribuzione mentre calano le vendite in farmacia. Crescono gli acquisti online


Gli iscritti in ritardo con i pagamenti potranno godere di una serie di agevolazioni, ridotte le sanzioni per chi si mette in regola prima dell’accertamento


Sconti per i soci ma anche l’impegno a non operare in forma diretta verso i pazienti


Udienza alla FNOCMeO, Papa Francesco ai medici: non assecondate la volontà di morte del malato


 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

Corsi ECM

 
 
 
 
 
 

I più letti

 
 

Corsi, Convegni, Eventi