HOME - Cronaca
 
 
20 Dicembre 2019

ECM, il presidente FNOMCeO ufficializza le novità

Con una circolare ai presidenti OMCeO e CAO viene confermata la proroga di un anno per raccogliere i crediti. Ecco le nuove scadenze e disposizioni


Con una nota inviata oggi venerdì 20 dicembre ai presidenti OMCeO e CAO, il presidente della FNOMCeO Filippo Anelli conferma le decisioni prese dalla Commissione Nazionale ECM nella seduta del 18 dicembre scorso, come aveva informato Odontoiatria33

“La Commissione Nazionale per la formazione continua –scrive Anelli- ha stabilito di mantenere l’obbligo formativo, pari a centocinquanta crediti, per il triennio 2020-2022 e di consentire l’acquisizione dei crediti formativi relativi al triennio 2017-2019 sino al 31 dicembre 2020”. 

Circolare FNOMCeO che evidenza come “ferma restando l’applicazione di quanto già disciplinato, la normativa ECM prevede per: 

  • Triennio 2014 – 2016 e Triennio 2017 - 2019: il recupero dei crediti mancanti sarà consentito fino al 31 dicembre 2020 ed il conseguente spostamento si potrà effettuare sul CoGeAPS a cura del professionista. 
  • Triennio 2020 – 2022: l’acquisizione dei crediti formativi stabiliti, pari a 150 salvo esoneri, esenzioni e altre riduzioni, dovrà essere conseguita entro il 31 dicembre 2022. Tra le novità segnalate, “anche l’inserimento tra le tematiche di interesse nazionale con relativo bonus di crediti, della formazione sull’ utilizzo della cannabis terapeutica nella gestione del dolore e l’accreditamento dei percorsi multidisciplinari di sperimentazione clinica dei medicinali, nei quali sia data rilevanza alla medicina di genere e all’età pediatrica”. 

Sempre sul tema dell’ECM Anelli conferma che il 2020 “servirà per avviare e portare a termine un processo di riforma del sistema, finalizzato ad elevare la qualità degli eventi formativi per migliorare le competenze e le abilità cliniche, tecniche, manageriali degli operatori sanitari, con l’obiettivo di assicurare efficacia, appropriatezza, sicurezza ed efficienza all’assistenza prestata dal Servizio Sanitario Nazionale”.

Informando come l’Assemblea del CoGeAPS abbia provveduto a rinnovare le cariche consortili, il presidente Anelli ritorna sulla questione delle problematiche tecniche riscontrate dal Consorzio nella raccolta  gestione dei crediti degli iscritti causate dalla “congruità delle risorse a disposizione del Consorzio, non sempre coerenti alla necessità di adeguare la sua organizzazione e il personale al reale fabbisogno, al fine di consentire, in maniera efficiente ed efficace, il raggiungimento delle finalità istitutive del CoGeAPS”.  

Anelli ricorda come “nell’ottica di risolvere tali difficoltà, nel mese di settembre è stata sottoscritta una nuova convenzione con AgeNaS” e che “tutte le Federazioni sanitarie, concordando sulla necessità di dare nuovo impulso all’attività del Consorzio al fine di risolvere le questioni lamentate nel più breve tempo possibile, si sono ritrovate nella decisione di riformare l’intero sistema ECM”.

Photo Credit: Pagina Facebook FNOMCeO

Articoli correlati

Abbiamo sottoposto al componente odontoiatra della Commissione nazionale ECM Alessandro Nisio alcuni dubbi e quesiti posti dai nostri lettori. Ecco le sue indicazioni e i consigli


Sul sito la delibera che “allunga” di un anno la possibilità di raccogliere i crediti formativi necessari per i trienni scorsi ed indica il numero di quelli previsti per il 2020-2022


Alcune riflessioni dell’odontoiatra nominato nella Commissione che dovrà occuparsi di riformare il sistema, che invita i colleghi a segnalare proposte e criticità 


La decisione della Commissione Nazionale ECM di prorogare di un anno, fino al 31 dicembre 2020 la possibilità di ottenere i crediti formativi necessari arrivata in extremis a...

di Norberto Maccagno


Il dott. Mele commenta la decisione di voler rivedere il Sistema e della proroga di un anno della possibilità di raccogliere i crediti del triennio che si sta per concludere 


Altri Articoli

L’On. Alberto Volponi è "il papà" di una delle leggi la cui applicazione, o la non applicazione, è da sempre alla base dello “scontro” giudiziario tra Catene, Sindacati ed anche Ordine: la...

di Norberto Maccagno


La Consulta Nazionale dei CAF chiede un intervento del Ministero delle finanze per evitare criticità per contribuenti e prestatori di servizi


Ammessi solo quelli che riguardavano proroghe. L’On leghista prova anche la carta del ricorso ma senza successo. Tenterà altre strade


Poco più di 62 mila il numero totale, meno di 800 il saldo attivo dei nuovi iscritti nel 2019. Tra questi molte le donne


Avviso di richiamo per una serie di lotti di Abutment di guarigione Certain® BellaTek® Encode® 


 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

Corsi ECM

 
 
 
 
 
 

I più letti

 
 

Corsi, Convegni, Eventi

 
 
 
 
 
 
 
 

Guarda i nostri video

Guarda i nostri video

Nuove norme su Direttore sanitario e Autorizzazioni