HOME - Cronaca
 
 
25 Settembre 2020

CAO, ENPAM ed ANDI incontrano il Ministro Speranza

L’obiettivo: individuare le soluzioni e far funzionare al meglio l’odontoiatria italiana, rendendo un migliore servizio per tutti i cittadini e i professionisti coinvolti


Si è svolto questa mattina presso la sede del Ministero della Salute di Lungotevere Ripa 1 l’incontro tra il Ministro Roberto Speranza ed il presidente della CAO Nazionale Raffaele Iandolo, presidente ANDI Carlo Ghirlanda ed il Vice –presidente ENPAM Giampiero Malagnino.

A darne notizia l’ANDI attraverso una nota pubblicata sul proprio sito in cui definisce l’incontro “intenso e operativo”. Un incontro che, si legge nella nota, segue la linea intrapresa dall’ANDI “fin dall’insediamento del Ministro al dicastero della Salute”, che punta a “aprire un dialogo collaborativo tra la professione odontoiatrica e l’istituzione, che potesse essere propedeutico alla creazione di un rapporto collaborativo rivolto alla soluzione dei principali problemi che riguardano da una parte la gestione della salute orale dei cittadini e dall’altra le necessità degli Odontoiatri italiani”.

Tra i temi posti all’attenzione del Ministro, secondo quanto riportato dalla nota ANDI: 

  • l’importanza di una ridefinizione dei Livelli Essenziali di Assistenza per le cure odontoiatriche, potenziando l’accesso alle cure i pazienti socialmente deboli, anche alla luce di fondi europei che potrebbero essere disponibili per la sanità che saranno disponibili;
  • “gli aspetti previdenziali della componente odontoiatrica nell’ambito delle libere professioni sanitarie”;
  • gli aspetti di interesse sindacale come “la necessità della definizione di regole per contrastare le anomalie e le incongruenze sulla configurazione dell’esercizio in forma societaria della attività di odontoiatria, nonché il rischio della presenza del capitale nella professione odontoiatrica. Il caso Dentix –si legge nella nota- rappresenta l’ultimo episodio di una serie di casi che hanno coinvolto, in Italia come in Europa, migliaia di pazienti, vittime di un sistema che necessita di una linea di confine netta tra gli interessi economici e la salute delle persone”.

Ministro e rappresentati delle varie componenti odontoiatriche si sono anche scambiati “punti di vista sui problemi legati alle autorizzazioni sanitarie, al ruolo dei Fondi integrativi e dei providers assicurativi in campo odontoiatrico e alle misure necessarie per affrontare la pandemia da Coronavirus in campo odontoiatrico”.

Al termine dell’incontro caratterizzato da disponibilità all’ascolto e all’approfondimento da parte del Ministro Speranza–informa la nota ANDI-, si è stabilito che questo sia stato il primo momento di una interlocuzione continua e costruttiva, tale da consentire di affrontare gli argomenti esistenti con il comune intento di individuare le soluzioni e far funzionare al meglio l’odontoiatria italiana, rendendo un migliore servizio per tutti i cittadini e i professionisti coinvolti”.

Photo Credit: Andi.it

Articoli correlati

Diventa sempre più difficile trovare argomenti da approfondire che non riguardino la questione Covid, da quasi nove mesi non si parla d’altro, sia sui media che nei palazzi della...

di Norberto Maccagno


Organismo tecnico responsabile di garantire l’adeguatezza dell’intero processo formativo per la formazione medica specialistica, anche odontoiatrica. Tra i componenti il prof. Enrico Gherlone


Resta obbligo mascherina, attenzione ai pazienti che sono stati nei Paesi giudicati a rischio. Possibili restrizioni su uso contante


Pubblicati anche quelli che interessano l’odontoiatria che ratificano ed integrano il documento presentato dal Tavolo tecnico istituito dal Vice ministro Sileri


"Non dobbiamo dividerci sulle tre regole di prevenzione”. Si abbassa l’età media delle eprsone contagiate. Possibile le prime dosi di vaccino a fine anno 


Altri Articoli

Concorso pubblico unificato, per titoli ed esami, per tre posti a tempo indeterminato. Le domande entro il 23 novembre 2020 


Obiettivo: motivare tutti i cittadini a proseguire la propria cura odontoiatrica ribandendo che andare dal dentista è sicuro


Condannato dalla Corte dei Conti, per aver violato il rapporto di esclusività con il Servizio Sanitario Nazionale


Le varie differenze, le indicazioni date dai medici, quali i dentisti possono utilizzare ed acquistare in farmacia o dai fornitori


Cohen (DentalPro): anche le nostre aziende sono penalizzate nonostante le nostre cliniche siano aperte e sicure 


 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

Annuncio in Evidenza


14 Ottobre 2020
Vedo moderno ed avviato studio a Milano

Moderno e avviato studio dentistico, regolarmente autorizzato, mq 80, predisposto per due unità operative, stanza sterilizzazione, radiografico opt e dotato di strumentazione per esercitare le principali branche odontoiatriche, spogliatoio e bagno per il personale, bagno per pazienti. Possibilità di subentro graduale con varie soluzioni. Milano, zona Bicocca-Niguarda. Trattativa riservata. 345 9776587. mail: aumas001@gmail.com

 
 

Speciale in Evidenza


 
 
 
 

Corsi ECM

 
 
 
 
 
 

I più letti

 
 

Corsi, Convegni, Eventi

 
 
 
 
 
 
 
 

Guarda i nostri video

Guarda i nostri video

Emergenza Covid ed odontoiatria: il punto con il presidente Iandolo