HOME - Approfondimenti
 
 
20 Giugno 2018

ECM: verso la fine della tolleranza sui crediti oppure le sanzioni sono ancora lontane?

Sulla questione interviene il presidente FNOMCeO Filippo Anelli

Norberto Maccagno

L’invito ai presidenti OMCeO e CAO è stato chiaro: sollecitare gli iscritti nell'adempimento dell'obbligo formativo. Invito avanzato dal presidente della FNOMCeO Filippo Anelli (nella foto), attraverso una circolare inviata qualche giorno fa, di cui Odontoiatria33 vi aveva dato notizia.  

Oltre all’invito, la circolare ricordava come la verifica del numero di crediti raccolti dagli iscritti per il triennio 2014-2016 poteva avvenire nel 2019 poiché l'adempimento degli obblighi formativi di quel triennio è stato prolungato a tutto il 2017 ed è concessa la chance di un anno ulteriore. Per il triennio formativo 2017-19, non essendoci al momento una proroga, le possibili verifiche partirebbero da gennaio 2020. 

Ma potrebbero partire o partiranno

Quando si parla di sanzioni o di verifiche sul numero di crediti ECM raccolti da medici e dentisti, il dubitativo è sempre d’obbligo, nonostante i dati del Cogeaps (con tutti i distinguo del caso) abbiano indicato che solo il 51% degli iscritti all’Albo degli odontoiatriha raccolto i 150 crediti obbligatori nel triennio 2014-2016.

Ed anche nella nota inviata dal presidente Anelli non si capisce se il fine fosse quello di informare oppure un invito al controllo. A cercare di capire ci ha provato il collega Mauro Miserendino di Doctor33 che ha sentito direttamente il presidente Anelli. 

Anelli che smentisce che “vi siano sanzioni nell'aria precisando però al di là di quelle previste per il mancato rispetto del codice di deontologia”.  

“Aggiornarsi –ha detto Anelli a Doctor33- è un obbligo deontologico e il medico che non si aggiorna va richiamato dal proprio Ordine a mettersi in regola tanto più che ci sono risvolti assicurativi importantissimi, in tema di responsabilità. Noi medici siamo la categoria di sanitari che si aggiorna di più, fa parte del Dna della professione. Le statistiche contano come "inadempienti" migliaia di specializzandi e tirocinanti in medicina generale e altre categorie escluse dagli obblighi ECM, oltre che i pensionati. Tuttavia è mio compito invitare gli Ordini provinciali a sollecitare il rispetto della legge e fargli fare ciò che devono fare. Come FNOMCeO, ricordo, mettiamo a disposizione 150 crediti circa, complessivi, di formazione varia a distanza, una disponibilità che consente a tutti gli iscritti di adempiere agli obblighi formativi”. 

Quindi la palla passa agli Ordini provinciali chiamati a fare applicare il Codice deontologico in tema di aggiornamento, codice che prevede, che il medico debba assolvere agli obblighi formativi. Quindi se non vi assolve, dovrebbe scattare oltre all’invito a farlo anche il procedimento disciplinare se l’invito viene disatteso.  

Ma comunque se ne potrà parlare solo dal 2019.

Articoli correlati

L’Ordine di Bergamo attiva il primo Dossier di Gruppo per odontoiatri, il presidente CAO Stefano Almini ci spiega come funziona ed i vantaggi abbinati alla adesione


Una delibera Agenza riduce il numero di crediti per i professionisti coliti dai terremoti, ecco le altre possibilità di riduzione o di esonero per i crediti ECM


L’ultimo DiDomenica prima delle vacanze estive diventa un’ottima occasione per girarsi indietro e riguardare questi primi mesi dell’anno, anche se rileggendo i titoli delle oltre 700 notizie...

di Norberto Maccagno


Intanto il Comitato Centrale FNOMCeO studia soluzione per regolarizzare situazione da presentare alla Commissione ECM


In vista del termine del triennio formativo e dell’obbligo per medici ed odontoiatri iscritti all’Albo di ottemperare al debito formativo previsto l’OMCeO Milano, sul proprio sito,...


Altri Articoli

La mappa delle oltre 5 mila società censite da ENPAM, previsto un gettito di oltre 7 milioni di euro. Controlli e sanzioni: previsti “incroci” con i dati delle Entrate 


Per l’Ospedale Fatebenefratelli all’Isola Tiberina di Roma sono 9700 nuovi casi in un anno in Italia. Attivata campagna di prevenzione con visite gratuite


Intelligenza artificiali, immagini e stampanti in 3D, staminali rigeneratrici. Come cambiano gli specialisti che curano e riabilitano il cavo orale. Anche la prevenzione dei danni da fumo trova nuove...


Il punteggio medio nazionale registrato tra gli idonei è di 35,23. Ecco le previsioni dei punteggi minimi necessari per entrare senza aspettare i "ripescaggi" a medicina ed odontoiatria 


I principali interventi del piano strategico FDI per i prossimi anni, ma la priorità è sensibilizzare gli Stati sulla promozione della salute orale


 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

Corsi ECM

 
 
 
 
 
 

I più letti

 
 

Corsi, Convegni, Eventi