HOME - Approfondimenti
 
 
20 Giugno 2018

ECM: verso la fine della tolleranza sui crediti oppure le sanzioni sono ancora lontane?

Sulla questione interviene il presidente FNOMCeO Filippo Anelli

Norberto Maccagno

L’invito ai presidenti OMCeO e CAO è stato chiaro: sollecitare gli iscritti nell'adempimento dell'obbligo formativo. Invito avanzato dal presidente della FNOMCeO Filippo Anelli (nella foto), attraverso una circolare inviata qualche giorno fa, di cui Odontoiatria33 vi aveva dato notizia.  

Oltre all’invito, la circolare ricordava come la verifica del numero di crediti raccolti dagli iscritti per il triennio 2014-2016 poteva avvenire nel 2019 poiché l'adempimento degli obblighi formativi di quel triennio è stato prolungato a tutto il 2017 ed è concessa la chance di un anno ulteriore. Per il triennio formativo 2017-19, non essendoci al momento una proroga, le possibili verifiche partirebbero da gennaio 2020. 

Ma potrebbero partire o partiranno

Quando si parla di sanzioni o di verifiche sul numero di crediti ECM raccolti da medici e dentisti, il dubitativo è sempre d’obbligo, nonostante i dati del Cogeaps (con tutti i distinguo del caso) abbiano indicato che solo il 51% degli iscritti all’Albo degli odontoiatriha raccolto i 150 crediti obbligatori nel triennio 2014-2016.

Ed anche nella nota inviata dal presidente Anelli non si capisce se il fine fosse quello di informare oppure un invito al controllo. A cercare di capire ci ha provato il collega Mauro Miserendino di Doctor33 che ha sentito direttamente il presidente Anelli. 

Anelli che smentisce che “vi siano sanzioni nell'aria precisando però al di là di quelle previste per il mancato rispetto del codice di deontologia”.  

“Aggiornarsi –ha detto Anelli a Doctor33- è un obbligo deontologico e il medico che non si aggiorna va richiamato dal proprio Ordine a mettersi in regola tanto più che ci sono risvolti assicurativi importantissimi, in tema di responsabilità. Noi medici siamo la categoria di sanitari che si aggiorna di più, fa parte del Dna della professione. Le statistiche contano come "inadempienti" migliaia di specializzandi e tirocinanti in medicina generale e altre categorie escluse dagli obblighi ECM, oltre che i pensionati. Tuttavia è mio compito invitare gli Ordini provinciali a sollecitare il rispetto della legge e fargli fare ciò che devono fare. Come FNOMCeO, ricordo, mettiamo a disposizione 150 crediti circa, complessivi, di formazione varia a distanza, una disponibilità che consente a tutti gli iscritti di adempiere agli obblighi formativi”. 

Quindi la palla passa agli Ordini provinciali chiamati a fare applicare il Codice deontologico in tema di aggiornamento, codice che prevede, che il medico debba assolvere agli obblighi formativi. Quindi se non vi assolve, dovrebbe scattare oltre all’invito a farlo anche il procedimento disciplinare se l’invito viene disatteso.  

Ma comunque se ne potrà parlare solo dal 2019.

Articoli correlati

La Commissione Nazionale ECM ha fatto il punto sul Dossier Formativo: un bilancio positivo ma con ampi margini di crescita per quello individuale, soprattutto tra gli odontoiatri 


Una modifica al Decreto di Agosto consente la ripresa dell’attività ECM anche attraverso eventi residenziali e corsi in presenza. Queste le linee guida adottate dai povider EQN


La proroga dell’emergenza penalizza il mondo della formazione, le preoccupazioni di Federcongressi e ECM Quality Network


Il comparto della formazione cerca di tornare alla normalità ed intanto la Commissione ECM approva ulteriori novità. Il presidente Nisio fa il punto


Nisio: nel percorso è previsto il coinvolgimento di tutte le figure professionali che ruotano attorno al tema della formazione professionale, compresi i rappresentanti dei cittadini e dei pazienti


Altri Articoli

Situazione economica incerta ma anche paura di contagio tra le cause. I dati da una ricerca di Key-Stone su di un campione rappresentativo di famiglie italiane


Ampliato l’arco temporale rispetto al passato, da lunedì 26 ottobre la possibilità di presentare le domande


Grazie a ANDI, Fondazione ANDI Onlus e Mentadent nell’abito del 40°Mese della Prevenzione Dentale


Con modalità diverse, scatta il coprifuoco ed i provvedimenti regionali impongono l’obbligo di autocertificazione se ci si sposta. Ecco consa è previsto nelle tre regioni


L’allarme arriva dal Congresso Perio 2020. Aumentano le prescrizioni di bite ed i pazienti con micro fratture dentali causate da bruxismo da stress


 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

Annuncio in Evidenza


14 Ottobre 2020
Vedo moderno ed avviato studio a Milano

Moderno e avviato studio dentistico, regolarmente autorizzato, mq 80, predisposto per due unità operative, stanza sterilizzazione, radiografico opt e dotato di strumentazione per esercitare le principali branche odontoiatriche, spogliatoio e bagno per il personale, bagno per pazienti. Possibilità di subentro graduale con varie soluzioni. Milano, zona Bicocca-Niguarda. Trattativa riservata. 345 9776587. mail: aumas001@gmail.com

 
 

Speciale in Evidenza


 
 
 
 

Corsi ECM

 
 
 
 
 
 

I più letti

 
 

Corsi, Convegni, Eventi

 
 
 
 
 
 
 
 

Guarda i nostri video

Guarda i nostri video

I trucchi per convivere con il rischio Covid in studio