HOME - Approfondimenti
 
 
20 Giugno 2018

ECM: verso la fine della tolleranza sui crediti oppure le sanzioni sono ancora lontane?

Sulla questione interviene il presidente FNOMCeO Filippo Anelli

Norberto Maccagno

L’invito ai presidenti OMCeO e CAO è stato chiaro: sollecitare gli iscritti nell'adempimento dell'obbligo formativo. Invito avanzato dal presidente della FNOMCeO Filippo Anelli (nella foto), attraverso una circolare inviata qualche giorno fa, di cui Odontoiatria33 vi aveva dato notizia.  

Oltre all’invito, la circolare ricordava come la verifica del numero di crediti raccolti dagli iscritti per il triennio 2014-2016 poteva avvenire nel 2019 poiché l'adempimento degli obblighi formativi di quel triennio è stato prolungato a tutto il 2017 ed è concessa la chance di un anno ulteriore. Per il triennio formativo 2017-19, non essendoci al momento una proroga, le possibili verifiche partirebbero da gennaio 2020. 

Ma potrebbero partire o partiranno

Quando si parla di sanzioni o di verifiche sul numero di crediti ECM raccolti da medici e dentisti, il dubitativo è sempre d’obbligo, nonostante i dati del Cogeaps (con tutti i distinguo del caso) abbiano indicato che solo il 51% degli iscritti all’Albo degli odontoiatriha raccolto i 150 crediti obbligatori nel triennio 2014-2016.

Ed anche nella nota inviata dal presidente Anelli non si capisce se il fine fosse quello di informare oppure un invito al controllo. A cercare di capire ci ha provato il collega Mauro Miserendino di Doctor33 che ha sentito direttamente il presidente Anelli. 

Anelli che smentisce che “vi siano sanzioni nell'aria precisando però al di là di quelle previste per il mancato rispetto del codice di deontologia”.  

“Aggiornarsi –ha detto Anelli a Doctor33- è un obbligo deontologico e il medico che non si aggiorna va richiamato dal proprio Ordine a mettersi in regola tanto più che ci sono risvolti assicurativi importantissimi, in tema di responsabilità. Noi medici siamo la categoria di sanitari che si aggiorna di più, fa parte del Dna della professione. Le statistiche contano come "inadempienti" migliaia di specializzandi e tirocinanti in medicina generale e altre categorie escluse dagli obblighi ECM, oltre che i pensionati. Tuttavia è mio compito invitare gli Ordini provinciali a sollecitare il rispetto della legge e fargli fare ciò che devono fare. Come FNOMCeO, ricordo, mettiamo a disposizione 150 crediti circa, complessivi, di formazione varia a distanza, una disponibilità che consente a tutti gli iscritti di adempiere agli obblighi formativi”. 

Quindi la palla passa agli Ordini provinciali chiamati a fare applicare il Codice deontologico in tema di aggiornamento, codice che prevede, che il medico debba assolvere agli obblighi formativi. Quindi se non vi assolve, dovrebbe scattare oltre all’invito a farlo anche il procedimento disciplinare se l’invito viene disatteso.  

Ma comunque se ne potrà parlare solo dal 2019.

Articoli correlati

C'è un traguardo che per molti medici e odontoiatri potrebbe essere davvero difficile da raggiungere: i 150 crediti per l'aggiornamento professionale (Ecm o educazione continua in medicina) per il...


Stando alle comunicazioni ufficiali della FNOMCeO il tempo di verifica sui crediti ECM raccolti da parte degli iscritti dovrebbe partire dal gennaio 2020. In una recente nota inviata dal...


A fine anno scade il triennio formativo entro il quale gli iscritti all’Albo dei medici e degli odontoiatri dovranno aver raccolto il numero di crediti previsti (150) per evitare possibili...


A quasi sei mesi dalla chiusura del triennio formativo 2017/2019, può essere utile ritornare sulla possibilità data al professionista di ottenere, nel triennio, il 20% dei crediti necessari per...


Incentivi e premi per le aziende sanitarie che fanno formazione, non punizioni per chi non si aggiorna. Il ministro della Salute Giulia Grillo parlando in Agenas all'insediamento della...


Altri Articoli

Si chiama “Costituente delle Idee” il progetto presentato dal PD che lo definisce “uno strumento per chiamare a raccolta una parte del Paese che vuole combattere”. “Dovrà essere una...


Dopo aver raccolto più di 400 reclami dai propri iscritti, di cui quasi 200 arrivati nel primo semestre 2019, AltroConsumo ha deciso di rivolgersi all’Autorità Garante della Concorrenza e Mercato...


“Bene la flat tax delle famiglie, ma non lasciamo a metà il lavoro fin qui fatto su professionisti e partite Iva. Bisogna infatti allargare il regime agevolato anche agli studi professionali,...


La FNOMCeO prende atto della delibera dell’AGCM sulle quote societarie delle StP ma ritiene che l’interpretazione letterale della norma di cui all'art. 10, comma 4, lett. b), legge n....


In queste settimane su gruppi Facebook, ma anche alcuni di voi lettori ci hanno scritto, vi interrogate su come mai ci siano ancora in giro pubblicità che propongono prestazioni...

di Norberto Maccagno


 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

Corsi ECM

 
 
 
 
 
 

I più letti

 
 

Corsi, Convegni, Eventi