HOME - Cronaca
 
 
02 Luglio 2018

Inserite le patologie orali tra le malattie non trasmissibile da fronteggiare

AIO, FDI e IADR chiedono all’ONU interventi di prevenzione coordinati


Associazione Italiana Odontoiatri si schiera con la Federazione Dentale Internazionale (FDI) e l'Associazione Internazionale per la Ricerca del Dentale (IADR) per inserire le patologie orali (carie, gengiviti, cancro orale) tra le malattie non trasmissibili che la comunità internazionale è chiamata dall’ONU a fronteggiare con interventi di prevenzione coordinati. 

“Nella bozza delle Nazioni Unite per la lotta alle Malattie non trasmissibili, attualmente in discussione, sono incluse oltre alle quattro già inquadrate - tumori, patologie cardiovascolari, diabete, malattie respiratorie - le patologie neurologiche e psichiatriche. Le patologie orali, che hanno determinanti di salute, genetiche ma soprattutto ambientali e sociali comuni con le precedenti, non sono ancora contemplate”, spiega Gerhard Seeberger(nella foto), presidente in pectore di FDI.  

In accordo con FDI il presidente AIO Fausto Fiorileha scritto al Ministro della Salute e al Rappresentante ONU dell’Italia affinché il nostro paese prema con gli altri rappresentati nella Federazione per la modifica della bozza e l’inclusione delle patologie orali.  

“Già le patologie odontoiatriche in gran parte non rientrano in Italia nei Livelli Essenziali di Assistenza e non sono coperte dal Servizio Sanitario ma sono pagate integralmente dai cittadini. Almeno la prevenzione - sottolinea Seeberger che è anche past-president AIO - va messa sotto l’ala dei governi e da essi coordinata, ma il coordinamento è difficile se le patologie orali non sono trattate tra le priorità dalle Nazioni Unite”. 

“AIO sposa in pieno la causa promossa da FDI. La prevenzione è uno dei valori prioritari perseguiti nella nostra associazione - spiega il presidente AIO Fiorile – è importante in queste situazioni che categoria, associazioni di pazienti e governanti siano allineati nel conoscere un documento così importante e le conseguenze, in positivo e in negativo, dell’inclusione di due sole parole, “malattie orali”, nel “draft””.  

A cura di: Ufficio Stampa AIO

Articoli correlati

Manifesto chiede interventi urgenti contro lo stigma


Ancora possibile iscriversi al master COI


Altri Articoli

Il 21mo Rapporto PIT Salute di Cittadinanzattiva, presentato nei giorni scorsi, ha nuovamente evidenziato le difficoltà dei cittadini di accedere alle cure per costi ma anche per i lunghi tempi di...


A Milano e Roma, con il professor Antonio Pelliccia


Nel pomeriggio di ieri 13 dicembre, la Camera ha convertito in legge il decreto Fiscale. Il testo approvato definitivamente - lo stesso votato in Senato- conferma all'articolo 10 bis l'esonero...


La partita iva era quella per la “coltivazione di cereali”, il diploma quello di odontotecnico ma lo hanno sorpreso mentre faceva il dentista in un locale adibito a studio odontoiatrico privo di...


Il nome dell’operazione, “Golden Tooth”, ricorda i film di 007 ma in questo caso nessun intrigo internazionale ma la scoperta dell’ennesimo abusivo.  A condurre l’indagine la Guardia di...


 
 
 
 
 
 

Speciale in Evidenza


28 Giugno 2018
Nuove acquisizioni in tema di placca batterica: come modificarla per renderla meno aggressiva

Il microbiota orale: i mezzi per diminuirne la patogenicità al fine di salvaguardare tessuti dentali e parodontali

 
 
 
 
 
 

Corsi ECM

 
 
 
 
 
 

I più letti

 
 

Corsi, Convegni, Eventi