HOME - Cronaca
 
 
18 Luglio 2018

Profilo dell’ASO, la CAO Nazionale attiva un tavolo di confronto

Presenti sindacati ed associazioni delle ASO per un confronto sulle questioni aperte

Nor. Mac.

Continua il lavoro della CAO Nazionale volto al coordinamento ed al confronto con il settore sulle varie problematiche che interessano il comparto, per cercare di poter arrivare ad indicare proposte condivise. Dopo la costituzione della Cabina di Regia dell’Odontoiatria, la CAO nazionale ha riunito nei giorni scorsi nella sede FNOMCeO associazioni e sigle sindacali delle ASO oltre per un confronto sul nuovo profilo dell’ASO, sulle criticità emerse nella indicazione delle mansioni, unitamente ad alcune “aree grigie” sui corsi che si dovranno istituire.

Un incontro, come ha scritto nell’invito Luigi Veronesi -Coordinatore relazione con l'esterno della CAO nazionale-  voluto “per fare il punto della situazione nell'ottica istituzionale e predisporre soluzioni ai passaggi di legge meno trasparenti. Presenti alla riunione oltre al Coordinatore Veronesi, egli altri componenti della Commissione i presidenti CAO di Milano Andrea Senna, di Bologna Corrado Bondi, di Salerno Gaetano Ciancio.Presente la CAO nazionale con il suo presidente Raffaele Iandolo, il segretario Brunello Pollifrone, il tesoriere Gianluigi D‘Agostino, e Diego Paschina e Alessandro Nisio.

Per le ASO Rossella Abbondanza presidente IDEA, Roberta Pegoraro consulente SIASO, Rosa Tortorella per AIPAO, non hanno potuto partecipare i rappresentati AIASO.

Molti i temi evidenziati e soprattutto le criticità a cui si dovrà far fronte con proposte chiare e condivise per risolverle, a cominciare dal tipo di classificazione INPS utilizzato per le ASO attualmente in attività. Ricordiamo che la norma prevede l’esenzione dal conseguire l’attestato per le ASO assunte da almeno 36 (negli ultimi 5 anni) mesi con inquadramento contrattuale di Assistente alla poltrona. La proposta è quella di poter sanare direttamente all’INPS eventuali “errori” di registrazione contrattuale. La maggioranza dei presenti ritiene che non sia necessaria una “validazione” dell’autocertificazione che il lavoratore dovrà produrre per dichiarare l’avvenuta assunzione per 36 mesi negli ultimi 5 anni come ASO.

Tra i nodi più delicati da sciogliere quello dell’attivazione dei corsi, da parte delle Regioni, ed al riconoscimento, sempre demandato alle Regioni, dei percorsi formativi per “Assistente di Studio Odontoiatrico” organizzati dalle Regioni con attestati emessi dalle Regioni in riferimento alle Leggi regionali che recepivano le norme sull’autorizzazione delle strutture sanitarie, avvenuti dal 2004 in poi, ed anche quelli organizzati nelle Regioni che non avevano legiferato in merito.

Altra questione approfondita durante la riunione, la precisazione del Ministero della Salute in merito al criterio dell’invasività delle mansioni eseguibili dall’ASO. L’opinione dei presenti è che la precisazione del Ministero indubbiamente “rasserena” datori di lavoro ed ASO che non rischiano più di vedersi accusare di “abuso di professione” nello svolgimento della professione, ma non sia ancora sufficientemente chiara a indicare senza equivoci quali sono le attività non invasive che l’ASO può compiere. 

Indubbiamente la nuova normativa ha necessità di un periodo di transizione e tutti i presenti sono consapevoli che i prossimi anni saranno connotati da inevitabili frizioni, dalla necessità di chiarimenti e dalla necessità di accettare compromessi sia da parte dei lavoratori che dei datori di lavoro, fino a quando tute le posizioni saranno sanate e le uniche possibilità per accedere alla professione saranno quelle previste dalla norma.  

Articoli correlati

Parere positivo dalla Conferenza Stato Regioni all’accordo di proroga di 12 mesi per assumerne ASO non qualificate


Domani potrebbe arrivare il primo via libera necessario per prorogare di un anno le scadenze previste dal nuovo profilo ASO su assunzioni


La settimana che ha preceduto questa, speriamo, penultima domenica del #iorestoacasaltrimentiilvicinochiamaivigli, è stata connotata da buone notizie (guardando con ottimismo) anche per il settore...

di Norberto Maccagno


Scaduto il termine per assumere ASO non qualificate, AIO si appella al Ministro chiedendo di approvare al più presto le modifiche al profilo già concordate nelle riunioni ministeriali


Abbondanza: l’emergenza pandemia ha di fatto “congelato” anche questa scadenza, “sollecitiamo il Ministero a dare risposte”


Altri Articoli

Secondo i dati del 2018, nessun caso certo di contagio è avvenuto nello studio odontoiatrico. Lo 0,8% dei casi notificati si erano, anche, sottoposti a cure odontoiatriche nei 10 giorni precedenti 


Il dott. Rubino ripercorre e commenta il periodo dell'emergenza sanitaria e rivolgendosi ai cittadini dice: è fisiologico voler voltare pagina per poter ricominciare, ma è disumano dimenticare o...


Manifestazione virtuale di 23 Ordini professionali (senza medici e dentisti) per dire basta alle discriminazioni nei loro confronti e ribadire al Governo il ruolo economico, sociale e sussidiario


Cosa sono e quali gli esami diagnostici che possono indicare la positività di un paziente al Covid-19 e quali le responsabilità ed i doveri del dentista?


In un articolo sul Corriere della Sera il presidente ANDI sottolinea le forti difficoltà del settore confermate dal fatto che “le catene internazionali stiano scappando dall’Italia”


 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

Speciale in Evidenza


 
 
 
 

Corsi ECM

 
 
 
 
 
 

I più letti

 
 

Corsi, Convegni, Eventi

 
 
 
 
 
 
 
 

Guarda i nostri video

Guarda i nostri video

COVID-19 ed odontoiatria, il punto del prof. Roberto Burioni