HOME - Cronaca
 
 
27 Novembre 2018

Odontoiatria: in arrivo il nomenclatore 2018. Iandolo (CAO): ‘’Prossimo obiettivo il Tariffario indicativo’’


È ormai in dirittura d’arrivo il Nomenclatore Odontoiatrico 2018: la scorsa settimana, infatti, si è riunito, su convocazione della Commissione Albo Odontoiatri della FNOMCeO il Gruppo di Lavoro dedicato, che ha completato la revisione, facendo riferimento all’aggiornamento delle Raccomandazioni cliniche. 

Al Gruppo di Lavoro partecipa in primo luogo il CIC, il Comitato italiano di Coordinamento delle società scientifiche in Odontostomatologia che materialmente sostiene la stesura del nomenclatore, affiancato dal Ministero della salute, dall’Accademia, dal Cenacolo Odontostomatologico Italiano e dai Sindacati ANDI (Associazione nazionale dentisti italiani), AIO (Associazione italiana odontoiatri), SUMAI (Sindacato Unico Medicina Ambulatoriale Italiana) e SUSO (Sindacato Unitario Specialità Ortodonzia). “Obiettivo del nuovo Nomenclatore – afferma il Presidente della Commissione Albo Odontoiatri nazionale, Raffaele Iandolo- è assicurare livelli essenziali di qualità tramite l’impiego di materiali e strumentazioni adeguate, rafforzando il rapporto di fiducia con il paziente e dimostrando la maturità della professione.

Il Nomenclatore diventa indispensabile anche per l’odontoiatria pubblica – in ottemperanza all’articolo 17 del Decreto Del Presidente Del Consiglio Dei Ministri 12 gennaio 2017 - per i fondi integrativi, per l’odontoiatria forense”. 

Non appena completato, il Nomenclatore odontoiatrico 2018 sarà portato all’attenzione del Ministero della Salute, nell’ottica di un possibile recepimento e adozione anche a livello ministeriale, e condiviso con tutti gli stakeholders. 

“Si tratta di un passaggio necessario e fondamentale per giungere poi al Tariffario indicativo degli onorari delle prestazioni professionali odontoiatriche - spiega Iandolo-, volto a portare certezza e serenità nel rapporto tra il professionista e il paziente, anche in ottemperanza alla Legge 27/2012, che  indica che ‘la misura del compenso è previamente resa nota al cliente con un preventivo di massima, deve essere adeguata all’importanza dell’opera e va pattuita indicando per le singole prestazioni tutte le voci di costo, comprensive di spese, oneri e contributi, e alla Legge sull’equo compenso (Legge 172 del 4 dicembre 2017) che estende il diritto all’equo compenso previsto per la professione forense, anche a tutti i rapporti di lavoro autonomi che interessano professionisti”. 

A cura di: Ufficio Stampa FNOMCeO

Photocredit: pagina Facebook SUSO

Articoli correlati

Lo chiedono i presidenti CAO della Calabria prima della riapertura degli studi. Si deve prevedere canali privilegiati ed incentivi per l’approvvigionamento di DPI


Domani la CAO decide sull'istituzione di un Gruppo di lavoro per definire delle linee guida comportamentali da adottare alla riapertura degli studi, per proteggere operatori e pazienti


Una Circolare inviata ai presidenti di Ordine e CAO ribadisce che l’attività odontoiatrica deve limitarsi alle urgenze indifferibili


Lo chiede Emilio Nuzzolese con il fine di studiare le più idonee misure anti-contagio e i DPI da impiegare nello studio odontoiatrico


Per il presidente CAO Campobasso “non tutto sarà come prima” a cominciare dal come verrà considerata la sicurezza nello studio da paziente ed operatore. L’invito è di lavorare su questo...


Altri Articoli

La settimana che ha preceduto questa quarta domenica del #iocomincioanonpoternepiùdistareacasa è stata caratterizzata dalla corsa per richiedere i 600 euro di bonus per gli autonomi ed i...

di Norberto Maccagno


Lo chiedono i presidenti CAO della Calabria prima della riapertura degli studi. Si deve prevedere canali privilegiati ed incentivi per l’approvvigionamento di DPI


A marzo il portale di Edra sfiora il milione di pagine viste. Successo anche della Fad e dei webinar. Dental Cadmos di aprile è ora scaricabile on-line


Donati a vari ospedali nelle aree più colpite dal virus, test rapidi certificati CE (COVID-19 IgG/IgM Rapid Test) per la rilevazione qualitativa di anticorpi anti COVID-19.


Il prof. Abati sugli effetti della saliva sulla contaminazione di operatori e pazienti documentati in letteratura fin dagli anni ‘70


 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

Corsi ECM

 
 
 
 
 
 

I più letti

 
 

Corsi, Convegni, Eventi

 
 
 
 
 
 
 
 

Guarda i nostri video

Guarda i nostri video

Come deve essere organizzato lo studio al tempo di emergenza da coronavirus, i consigli del presidente SIdP