HOME - Cronaca
 
 
18 Febbraio 2019

Odontoiatra denuncia carenze igieniche e strutturali del Centro dove lavora. L’AUSL di Modena verifica e sospende l'autorizzazione sanitaria

Norberto Maccagno

“Gravi irregolarità igienico sanitarie”. E’ questa la motivazione con la quale il Comune di Modena, attraverso un’ordinanza, ha disposto la sospensione dell’autorizzazione sanitaria del Centro Odontoiatrico IdeaSorriso di via Scaglia.

Secondo quanto riporta La Gazzetta di Modena (ieri 17 febbraio), durante l’ispezione della locale AUSL sarebbe emerso “il mancato utilizzo dello sterilizzatore per ferri ed attrezzature chirurgiche” e “la mancanza del direttore sanitario”. A seguito della sospensione dell'autorizzazione, informa il quotidiano, IdeaSorriso "ha per ora cessato autonomamente a sua attività".

La vicenda parte dalla segnalazione all’AUSL ed all’OMCeO di Modena, di una odontoiatria modenese “con una lunga attività clinica”, si legge nell’articolo, che aveva recentemente avviato una collaborazione con questo Centro, senza avere mai avuto precedenti esperienze di attività in studi del genere.  

Questo il resoconto delle carenze denunciate dalla dentista riportato da La Gazzetta di Modena. “

Nel corso degli appuntamenti che seguiva -continua il racconto giornalistico- tra le varie disfunzioni che inizialmente le sembravano modeste o piccole, nota però un fatto clamoroso: i ferri e il materiale utilizzato nell'attività odontoiatrico non vengono mai passati in autoclave. Approfondendo i suoi dubbi, la dentista scopre così che lo sterilizzatore non funziona più: da parecchie settimane la strumentazione non è sterile ma solo lavata e pulita. Un secondo aspetto inquietante che viene a scoprire per caso riguarda il contenuto di uno sgabuzzino cieco: i rifiuti speciali ospedalieri frutto delle attività del centro non erano smaltiti ma accumulati. Terzo aspetto: riscontra carenze diffuse per l'applicazione delle disposizioni per la sicurezza sul lavoro: mancano le figure di legge. Quarto e ultimo: il settore radiografico non è mai stato sottoposto a controlli tecnici dal 2016, mentre la legge Impone l'obbligo ogni due anni.  

Sulla base di queste “scoperte”, la dentista decide di rifiutare di assumere la direzione sanitaria del Centro, rinuncia alla collaborazione e segnala quanto rilevato all'AUSL, all'Ordine dei Medici e al Comune

“Abbiamo ricevuto la segnalazione della collega e subito ci siamo attivati in collaborazione con la AUSL”, dice ad Odontoiatria33 Roberto Gozzi (nella foto), presidente CAO di Modena. “Con il presidente dell’Ordine abbiamo subito attivato i passaggi istituzionali necessari interfacciandoci l’AUSL e con il Comune fornendo documentazione e le valutazioni previste dalla nostra figura istituzionale”. Da tempo la CAO di Modena collabora attivamente, in particolare con il Dipartimento di Igiene Pubblica, per effettuare corsi di aggiornamento sulla sicurezza negli studi odontoiatrici in particolare verso quanto previsto della delibera regionale sull’autorizzazione sanitaria ma anche per le verifiche sui direttori sanitari.

“Appena uscita la legge sulla concorrenza abbiamo chiesto all’AUSL di fornirci l’elenco di tutte le strutture sanitarie che operano a Modena e provincia in ambito odontoiatrico con relativi nomi dei direttori sanitari per poter vigilare ed effettuare le eventuali verifiche. AUSL che ci comunica anche ogni eventuale variazioni che gli vengono notificate”, spiega Gozzi sottolineando come il rapporto tra Ordine e l’AUSL ed il Comune è molto attivo.

Gozzi che in un comunicato diramato alla stampa locale invita i cittadini a diffidare di pubblicità che promettono cure mirabolanti a prezzi stracciati, spiegando come “spesso le sirene di una pubblicità molto aggressiva e al limite con i canoni dell’etica, crea una grande confusione” e invita i pazienti ad andare sul sito della FNOMCeO per verificare che il proprio dentista risulti tra quelli abilitati all’esercizio oltre che a segnalare all’Ordine eventuali situazioni non chiare.    


Articoli correlati

Oltre 6mila le società odontoiatriche registrate, meno di 600 le STP iscritte agli Ordini. Intanto faranno discuterete le indicazioni di Infocamere


In accordo con l’Ordine di Roma, la Regione Lazio fornisce chiarimenti sul quadro normativo: consentito l’esclusivo esercizio delle professioni mediche e odontoiatriche in forma di STP


Carenza dei requisiti igienico sanitari, autorizzazione rilasciata ad un soggetto non autorizzabile e carenza dei requisiti del direttore sanitario tra le eccezioni contestate


A scoprirlo il NAS di Trento, avrebbe assunto la direzione contemporaneamente in tre strutture e non era iscritto all’Albo provinciale dove esercitano


Contesta la norma sull’obbligo di autorizzazione ed intraprende la via giudiziaria. Il racconto della sua battaglia, solitaria, contro “la burocrazia e le leggi in contraddizione tra loro”


Altri Articoli

Una ricerca su JADA è lo spunto per le considerazioni del prof. Gagliani nella sua Agorà del Lunedì. L’argomento è la comunicazione della prevenzione, ma anche il valore delle revisioni...

di Massimo Gagliani


L'EFP lancia una nuova campagna internazionale per spiegare la relazione tra malattie cardiovascolari e salute delle gengive sulla base delle più recenti prove scientifiche e del contributo...


Troppo incerta la situazione, UNIDI decide di annullare l’appuntamento di novembre e rimandare a maggio 2021


Confermata l’esclusione per gli studi associati che, ora, dovranno restituire quanto ricevuto, ma senza subire sanzioni


Le paure verso una nuova pandemia porta a ripensare gli approcci comunicativi e le azioni organizzative. Queste le frasi da non dire e quelle da dire per trasmettere “sicurezza” al paziente

di Davis Cussotto


 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

Speciale in Evidenza


 
 
 
 

Corsi ECM

 
 
 
 
 
 

I più letti

 
 

Corsi, Convegni, Eventi

 
 
 
 
 
 
 
 

Guarda i nostri video

Guarda i nostri video

I u201ctrucchiu201d per convivere con il rischio Covid in studio