HOME - Cronaca
 
 
01 Luglio 2019

Odontotecnici: documento comune di ANTLO, Confartigianato e SNO per ribadire i punti “irrinunciabili” per la categoria


Le tre sigle maggiormente rappresentative della categoria odontotecnica si sono riunite a Roma, nella sede CNA, per condividere ed indicare i punti “irrinunciabili”. Presenti i presidenti delle tra sigle sindacali: Mauro Marin (ANTLO); Gennaro Mordenti (Confartigianato) e Luigi Cleri (SNO-CNA). 

Questi i “punti quali obiettivi irrinunciabili per l’intero settore”: 

1. Corretta interpretazione del Regolamento europeo sui dispositivi medici, con particolare riferimento alla definizione di “fabbricante” che rafforza il ruolo dell’odontotecnico come fabbricante e ne rimarca la specificità di garante della tutela della salute dell’utente finale in relazione alla qualità del dispositivo su misura, alla corretta immissione sul mercato e messa in servizio dello stesso potendo effettuare, nel tempo, una follow up clinico e di conformità; 

2. Riconoscimento dell’odontotecnico tra le figure tecnico sanitarie e la specificità, nel e oltre il proprio spazio professionale, di fabbricante / garante per la tutela della salute dell’utente grazie all’elevata qualità assicurata nell’immissione sul mercato del dispositivo su misura. Al centro dell’iniziativa, si legge in un comunicato “le novità e le conseguenze introdotte dal nuovo Regolamento europeo in materia di dispositivi medici, che troverà piena applicazione a partire dal 26 maggio 2020 e che non definisce l'odontotecnico quale mero fabbricante ma gli attribuisce un ruolo attivo nella gestione della qualità del dispositivo prodotto, ponendo in capo allo stesso una serie di adempimenti e responsabilità”. 

Infatti, quanto contenuto nel Regolamento europeo configura una vera e propria rivoluzione nel settore, soprattutto nell’ambito odontotecnico.  Il Regolamento europeo, spiegano le associazioni odontotecniche, “ha come scopo esplicito quello di elevare i livelli di salute e sicurezza per gli utenti finali”.

“Un obiettivo –dicono- che presuppone il riconoscimento, di fatto, del ruolo dell’odontotecnico nell’ambito delle figure professionali della sanità e, nello specifico, della filiera del dentale. Riconoscimento ancora assente nella normativa nazionale”.

Articoli correlati

Dal presidente ANTLO Mauro Marin le previsioni per il futuro della professione che è a rischio sopravvivenza a seconda delle scelte che verranno o non verranno prese


Le nuove tecnologie e la professione odontotecnica: un focus a 360° tra clinica e rivendicazioni sindacali nell’evento ANTLO organizzato a Vicenza


Per Daniele Benatti serve un salto culturale che possa “rimettere speranza in un segmento, quello odontotecnico, che rischia davvero l’estinzione”


Una serie di considerazioni del decano dell’odontotecnica, Rodolfo Timiani, su quale sia il reale ed attuale ruolo dell’odontotecnico nel Team odontoiatrico 


Nota di precisazione su articolo Odontoiatria33 del 27 luglio 2019 


Altri Articoli

Abbiamo sottoposto al componente odontoiatra della Commissione nazionale ECM Alessandro Nisio alcuni dubbi e quesiti posti dai nostri lettori. Ecco le sue indicazioni e i consigli


Il Consiglio Nazionale SUSO ha deliberato di rinnovare grafica e simboli del logo del Sindacato


Per il dott. Mele il tentativo del Governo di risparmiare complicando la vita ai contribuenti è un comportamento “disgustoso”


C’è tempo fino al 31 gennaio, la FNOMCeO sollecita gli iscritti. Quest’anno è la prima volta degli igienisti dentali. Queste le sanzioni per ritardatari e inadempienti 


L’On. Nevi presenta un emendamento alla Legge Milleproroghe che punta ad abrogare l’obbligo del pagamento con mezzi tracciati per le prestazioni sanitarie rese dai privati, ecco il testo  


 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

Corsi ECM

 
 
 
 
 
 

I più letti

 
 

Corsi, Convegni, Eventi

 
 
 
 
 
 
 
 

Guarda i nostri video

Guarda i nostri video

Nuove norme su Direttore sanitario e Autorizzazioni