HOME - Cronaca
 
 
29 Luglio 2019

Le CAO piemontesi chiedono chiarimenti sull’inquadramento contrattuale delle Assistenti di studio

Austa (CAO Asti): serve chiarezza su quelli che possono garantire l’esenzione dall’obbligo di attestato ASO


“Negli anni le assistenti alla poltrona sono state inquadrate dai consulenti del lavoro con i termini più disparati ed ora serve un chiarimento da parte del Ministero della Salute su come interpretare la norma ma anche per indicare il modo di eventualmente sanare situazioni che parrebbero non conformi a quanto indicato del DPCM che ha istituito la figura dell’ASO”. 

A dirlo e Marco Austa (nella foto), presidente CAO di Asti promotore di una nota -sottoscritta da tutti i Presidenti delle CAO piemontesi- con la quale si sollecita la CAO nazionale a richiedere al Ministero della Salute chiarimenti. 

L’esigenza nasce da un confronto tra i presidenti CAO Provinciali ed i responsabili regionali per definire il protocollo di autorizzazione al corso ASO per Centri di Formazione accreditati dalla Regione Piemonte durante il quale è emerso il problema dalla variegata tipologia di definizioni con cui il personale è stato registrato in sede contrattuale (Assistente di Studio, Assistente Sanitario, Assistente Dentista, Impiegata con mansione di assistenza alla poltrona, Impiegata con mansione infermiera assistente del dentista, ecc..ecc..), che non corrisponde alla definizione di ‘Assistente di Studio Odontoiatrico’, così come da Decreto Nazionale. Come noto il D.P.C.M. 9 febbraio 2018, consente alle assistenti assunte da almeno 36 mesi con la qualifica contrattuale di ‘Assistente alla poltrona’ di non acquisire l’attestato di qualifica ASO

Secondo le CAO piemontesi, questa, è “una restrizione eccessiva per quei lavoratori assunti negli anni precedenti al Decreto Legge con le terminologie più disparate data la mancanza di un inquadramento professionale definito”. 

CAO piemontesi che, visti i tempi particolarmente brevi dall’inizio dei corsi, “invita la CAO Nazionale a sollecitare il Ministero della Salute affinché fornisca chiarimenti, relativi ai termini indicati sui contratti di assunzione dei dipendenti, che devono sottoporsi a controllo certificativo della loro esperienza lavorativa”. 

Presidenti delle Commissioni Albo Odontoiatri del Piemonte che invitano gli iscritti “con personale assunto che rientra nelle situazioni di cui sopra, ad attendere un pronunciamento ministeriale, prima di valutare iscrizioni ai corsi di formazione ASO accreditati dalla Regione Piemonte”.  

Articoli correlati

Presentate le integrazioni al programma di odontoiatria sociale già attivo nella Regione


L’esperto: DPCM e Regioni hanno chiaramente indicato fino quando poter assumere una ASO senza qualifica ed entro quale data deve conseguire l’attestato


Da oltre mezzo secolo l’Acse, l’ambulatorio dei Padri Comboniani, di via del Buon Consiglio a Roma, rappresenta un punto di riferimento per tutte quelle persone costrette ai margini della vita...


“C’è ancora molta incertezza sulla questione dell’inquadramento contrattuale delle ASO per l’esenzione dall’obbligo di conseguimento dell’attestato di qualifica professionale previsto...


Si chiama “Costituente delle Idee” il progetto presentato dal PD che lo definisce “uno strumento per chiamare a raccolta una parte del Paese che vuole combattere”. “Dovrà essere una...


Altri Articoli

Secondo l’Associazione oltre 400 i controlli effettuati. Ecco come regolarizzare la propria posizione


Prof. Pelliccia: ‘’il dentista deve saper prendere le decisioni giuste al momento utile, vi aiutiamo a imparare a farlo’’


Assegnata in Commissione alla Camera una PdL che impone il 51% del capitale in mano all’iscritto all’Albo


Lodi: l’analisi impietosa, in evidenza contraddizioni e difetti di un sistema riservato ai ricchi


 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

Corsi ECM

 
 
 
 
 
 

I più letti

 
 

Corsi, Convegni, Eventi