HOME - Gestione dello Studio
 
 
09 Aprile 2019

Come fare rete… d’impresa nel settore dentale. I consigli dell’esperto


Spesso si indica nella difficoltà di aprire uno studio la causa per cui i giovani scelgono la collaborazione. Studio associato, StP possono essere le soluzioni per condividere con altri colleghi il progetto di lavoro, ma non solo. Una soluzione non sempre considerata è quella messa a disposizione da qualche tempo anche dei professionisti e si chiama Reti di Impresa miste.

Con Massimo Depedri (nella foto) -consulente economico-finanziario e fiscale, esperto in Controllo di Gestione, founder di aula41- abbiamo voluto approfondire l’argomento con alcuni articoli per capire la normativa che regola la costituzione e la gestione operativa (civile e fiscale) delle Reti d'Impresa, che sembrano rappresentare una grande opportunità di innovazione per la gestione degli studi odontoiatrici.  


Che cosa sono, nello specifico, le reti d’impresa?

Secondo la Guida sintetica redatta dalle Camere di Commercio, "Il contratto di rete è un istituto innovativo nel nostro sistema produttivo e realizza un modello di collaborazione tra imprese (e professionisti) che consente, pur mantenendo la propria indipendenza, autonomia e specialità, di realizzare progetti obiettivi condivisi nell'ottica di incrementare la capacità innovativa e la competitività sul mercato.

Tale contratto può essere stipulato da almeno due soggetti, senza alcuna limitazione:

  • nella forma giuridica: imprese e professionisti individuali, società di persone, società di capitali, cooperative e consorzi;
  • nelle dimensioni: da piccole a grandi strutture;
  • nel numero massimo dei partecipanti: è stabilito, per essere aggregazione riconosciuta, un minimo due soggetti;
  • nella sede dei partecipanti: sono aperte ad attività con sede su tutto il territorio italiano e a quelle estere che esercitano anche in Italia;
  • nell'attività: i soggetti possono operare in settori diversi.


Ci sono dei vincoli, quali caratteristiche devono avere?

L'unico vincolo che viene posto dal legislatore - fino ad oggi almeno - è quello che i Professionisti possono entrare a fare parte solamente di Reti d'Impresa misteovvero dove vi sia la partecipazione di almeno un'impresa (es. laboratorio odontotecnico oppure una S.r.l. Odontoiatrica).

Nella definizione sopra riportata sono evidenziate tre caratteristiche fondamentali del cosiddetto "programma di rete":

  • la collaborazione fra i soggetti;
  • lo scambio tra le parti di informazioni o di prestazioni di qualsiasi natura;
  • l'esercizio in comune tra le parti di una o più attività rientranti nell'oggetto delle rispettive imprese.


Quali sono i principali vantaggi concreti della costituzione di una Rete?

Sicuramente l'ampliamento dei servizi da offrire al mercato, la condivisione dei costi di gestione e per investimenti, l'accesso ai finanziamenti regionali, nazionali e comunitari, il distacco del personale fra i soggetti partecipanti o condivisione di personale (cosiddetta codatorialità) e      quando previste, accesso ad agevolazioni fiscali (vedi Iperammortamento riservato solamente ai soggetti iscritti al Registro Imprese).


Per ora ci fermiamo qui, nei prossimi appuntamenti entreremo nel vivo di ogni passaggio relativo alla costituzione e alla gestione di questo contratto, analizzandone tutti gli aspetti operativi applicati a tutte le attività imprenditoriali che rientrano nel mondo odontoiatrico.  

Articoli correlati

Banca d’Italia ed Agenzia delle Entrate hanno definito le regole per poter usufruire del credito d’imposta sulle commissioni pagate ai gestori di POS


Per evitare di incorrere in responsabilità non si deve garantire un “rischio zero”, ma adottare le misure previste, dice l’avvocato Maria Maddalena Giungato 


Possibile presentare le domande, ma non ancora in tutte le regioni. L’assegno arriverà dall’INPS ma c’è anche la possibilità di farle anticipare dalle banche. E se il datore di lavoro...


Sarà possibile richiedere fino al 15% della pensione annua. Come per il contributo dei mille euro, si dovrà attendere il via libera dei Ministeri vigilanti


Video lezione del prof. Antonio Pelliccia sulle conseguenze economiche del coronavirus ed i ‘’farmaci’ necessari agli odontoiatri per ripartire


Altri Articoli

Il Decreto rilancio posticipa la scadenza prevista dal Cura Italia e consente ancora per qualche giorno di richiedere il bonus dei 600 euro per il mese di marzo


L’Azienda Zero informa di includere anche gli odontoiatri tra le categorie professionali sottoposte a tampone. La soddisfazione del presidente Nicolin


La Fondazione spiega il perché a chi non è rustico ad ottenere il bonus. Le scadenze per richiedere il saldo o l’intera somma


Il ruolo del collaboratore per sensibilizzare il paziente: le cose da dire e non dire e come dirle, anche per aumentare la sua collaborazione 


I ministeri competenti starebbero lavorando ad un Decreto per poter concedere anche ai professionisti il bonus da 600 euro ad aprile, che potrebbe essere esteso a mille a maggio


 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

Speciale in Evidenza


 
 
 
 

Corsi ECM

 
 
 
 
 
 

I più letti

 
 

Corsi, Convegni, Eventi

 
 
 
 
 
 
 
 

Guarda i nostri video

Guarda i nostri video

COVID-19 ed odontoiatria, il punto del prof. Roberto Burioni