HOME - Lettere al Direttore
 
 
24 Giugno 2019

Può un comportamento budget oriented essere compatibile con un comportamento etico? Il pensiero del prof. Carlo Guastamacchia


Caro Norberto, 

la domanda  che tu poni, in fondo al tuo DiDomenica, è una domanda che si pone qualunque uomo che intraprenda un lavoro (mestiere, professione, impegno imprenditoriale e/o aziendale): "fino a che punto il mio comportamento budget oriented (profitto) è perfettamente coerente con il comportamento (e lo spirito) etico? Etico, in questo caso, quale significante rispettoso delle necessità intrinseche del destinatario”?   

Come dentista, iscritto ad un Ordine, per praticare una professione perfettamente delineata da un Codice Deontologico, non posso aver dubbi: devo rispettare il Codice e, per la precisione, in primis et ante omnia, il suo Articolo 20, che stabilisce quale mio scopo primario quello di realizzare con il paziente una “alleanza” che si concreta con lo strumento della “comunicazione quale tempo di cura”. 

Una volta compreso questo inderogabile punto di riferimento, tutto il resto è chiarissimo: non si può concepire alcun comportamento che non rispetti questo Articolo 20…e se questo appaia semplice vuol dire che non si è compreso nulla della professione.  

Dico questo perché impostare l’alleanza partendo dal concetto di comunicazione-come-cura significa una tal massa di doveri entro i quali il “budget oriented” è veramente il fanalino di coda; meglio: il profitto è la certissima conseguenza logica dell’etica, mentre anteponendolo ad essa ecco che l’etica diviene un traguardo difficilissimo, se non impossibile, da raggiungere. 

Come testimonianza personale, infine, ecco perché tutti i miei corsi partono mettendo in doveroso secondo piano il marketing, il bilancio, il “rendiconto” economico di qualunque studio dentistico, sia esso mono-, poli-, pluri- professionale.. avanti avanti fino al “centro” dentale. 

Così facendo si mette il carro davanti ai buoi… e tanti saluti all’etica.    

Prof. Calo Guastamachia 

Articoli correlati

Il dott. Cappellin mettere in guardia i colleghi e segnala pubblicamente queste attività a Ordine e SIndacati


Il commento dell’avvocato Silvia Stefanelli alla sentenza del TAR che impone all’Ordine di consentire l’accesso agli atti delle sentenze disciplinari


Per “semplificazione” si intende quella per i cittadini o quella per i funzionari pubblici? E’ il dubbio dl dott. Mele che porta alcuni esempi di semplificazione burocratizzata


Per esperienza personale, il dott. Cappelin afferma: ‘’il bene del paziente è l’unica impostazione che, al di là di tante parole, può creare realmente valore per tutti’’


''Cambiare le parole è spesso un modo per fare percepire la realtà in modo differente e quindi ‘vendere’ un diverso punto di vista'', dice motivando


Altri Articoli

Una ricerca su JADA è lo spunto per le considerazioni del prof. Gagliani nella sua Agorà del Lunedì. L’argomento è la comunicazione della prevenzione, ma anche il valore delle revisioni...

di Massimo Gagliani


L'EFP lancia una nuova campagna internazionale per spiegare la relazione tra malattie cardiovascolari e salute delle gengive sulla base delle più recenti prove scientifiche e del contributo...


Troppo incerta la situazione, UNIDI decide di annullare l’appuntamento di novembre e rimandare a maggio 2021


Confermata l’esclusione per gli studi associati che, ora, dovranno restituire quanto ricevuto, ma senza subire sanzioni


Le paure verso una nuova pandemia porta a ripensare gli approcci comunicativi e le azioni organizzative. Queste le frasi da non dire e quelle da dire per trasmettere “sicurezza” al paziente

di Davis Cussotto


 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

Speciale in Evidenza


 
 
 
 

Corsi ECM

 
 
 
 
 
 

I più letti

 
 

Corsi, Convegni, Eventi

 
 
 
 
 
 
 
 

Guarda i nostri video

Guarda i nostri video

I u201ctrucchiu201d per convivere con il rischio Covid in studio