HOME - Approfondimenti
 
 
18 Giugno 2021

Condizionatori: la manutenzione e le norme anti Covid

L’esperto ricorda la manutenzione periodica soprattutto in periodo Covid. Ecco i 3 passaggi che possono essere effettuati da soli


Con l’aumento delle temperature di queste settimane i condizionatori negli studi odontoiatrici si sono riaccesi.
Se, fortunatamente, la situazione pandemica sta migliorando (o dando una tregua) non si deve allentare l’attenzione verso la prevenzione del contagio in particolare quanto previsto dalle indicazioni ministeriali anche sull’utilizzo dei condizionatori negli studi odontoiatrici.

Indicazioni che raccomandano “la pulizia settimanalmente dei filtri degli impianti secondo le indicazioni del produttore. Non si devono spruzzare prodotti per la pulizia detergenti/disinfettanti spray direttamente sul filtro per non inalare sostanze inquinanti (es. COV), durante il funzionamento (Rapporto ISS COVID-19 n. 5/2020)”. E comunque, anche con l’aria condizionata in funzione, “si raccomanda di attuare ricambio d'aria naturale delle aree operative” tra un paziente e l’altro, ove possibile”.

"Il condizionamento dell’aria per il controllo della temperatura e dell’umidità presente, adotta molto spesso il sistema di ricircolo, captando, trattando e reimmettendo nell’ambiente sempre la stessa aria, con evidenti ripercussioni sulla diffusione di agenti infettivi e dell’eventuale rischio ad essi connesso, prolungando i tempi di esposizione", spiegava lo scorso anno in un approfondimento sul tema ad Odontoiatria33 l’ing. Andrea Tuzio consulente OMCeO Roma e coautore del libro “Le infezioni nello studio odontoiatrico - manuale operativo di prevenzione del contagio per odontoiatri, igienisti e ASO” edito da EDRA.  Ing. Tuzio che ricorda "è obbligato a provvedere alla regolare manutenzione e pulitura degli impianti di aerazione in base all’articolo 64 del D.Lgs. 81/08.

Per quanto riguarda la manutenzione “non professionale”, ci viene in aiuto un approfondimento pubblicato da Casa&Clima.com, il quotidiano online del gruppo EDRA dedicato ai progettisti e i responsabili tecnici nel settore dell’edilizia- indica alcuni passaggi da seguire. Attraverso i consigli di Edoardo Sforza, RAC Service Manager di Hitachi Cooling&Heating, vengono indicati i passaggi che possono essere svolti in autonomia, anche se, viene ricordato, “per una corretta manutenzione dei condizionatori è sempre bene rivolgersi a imprese certificate che possono contare su tecnici in possesso del patentino Fgas per lavorare su impianti di climatizzazione e condizionamento”. 

Primo step: la pulizia del pannello frontale del condizionatore
Il pannello anteriore va rimosso e lavato con una spugna morbida, acqua e un detergente delicato; va poi asciugato completamente con un panno asciutto.
La raccomandazione: attenzione a non versare mai acqua direttamente sul condizionatore, potrebbe generare danni elettrici! Non utilizzare mai acqua calda (temperatura superiore ai 40°C) né spazzole o spugne abrasive e non usare mai per la pulizia sostanze come benzolo, benzina, acido e solventi. 

Secondo step: la pulizia del filtro del climatizzatore
Aprire delicatamente il pannello anteriore e rimuovere il filtro del condizionatore: a questo punto si può procedere alla rimozione della polvere del filtro con un aspirapolvere. In caso di sporco eccessivo si può lavare il filtro con un detergente delicato, risciacquarlo quindi abbondantemente e farlo poi asciugare all’ombra.
La raccomandazione: se il condizionatore si trova in ambienti in cui si concentrano odori, fumi e polveri è necessario pulire il filtro ogni due settimane. Non lavare mai il filtro con acqua calda superiore a 40° C: potrebbe deformarsi. Dopo aver lavato il filtro, scuoterlo delicatamente per eliminare la maggior parte dell’acqua. Importante: non utilizzare mai l’unità senza filtro, potrebbero verificarsi guasti. 

Terzo step: igiene dei filtri di purificazione
Anche per questo è consigliato l’uso dell’aspirapolvere. 
La raccomandazione: i filtri di purificazione non vanno mai lavati con acqua! Per garantire sempre la massima igiene ed efficacia, è importante ricordarsi di sostituire i filtri dopo un anno di utilizzo, specialmente quando il climatizzatore è installato in ambienti in cui c’è un’alta concentrazione di odori, fumi e polveri (come le cucine).  

Infine Sforza ricorda che “tra le cause più comuni di malfunzionamento del condizionatore c’è proprio il filtro sporco, che nei casi peggiori può portare alla rottura del compressore. Per questo è importante effettuare una regolare e corretta pulizia del condizionatore, per garantire l’efficienza energetica di tutto il sistema di climatizzazione. Ricordiamo inoltre di utilizzare prodotti adatti, per evitare il danneggiamento delle parti in plastica o di intasare il tubo di scarico, che provoca sgocciolamenti ed eventuali incidenti. Noi di Hitachi Cooling&Heating raccomandiamo una sanificazione periodica dello scambiatore che elimina eventuali batteri, funghi e muffe. Questa pulizia deve essere sempre effettuata da installatori qualificati”.   

Articoli correlati

Il Consejo General de Dentistas ha elaborato una relazione tecnica dove sono state analizzate la densità di professionisti per popolazione, l'evoluzione demografica negli ultimi...


I 10 consigli per avere successo indicati dal dott. Fabio De Propris, in collaborazione con Straumann Group


Questi quelli da recuperare per dimostrare di essere esonerati dal conseguire l’attestato di qualifica e quali devono essere conservati dal datore di lavoro 


Presenti tra gli scaffali dei prodotti destinati all'infanzia, proposti in morbidi packaging e contenenti generalmente frutta frullata, questi prodotti sono finiti sotto la luce...

di Lorena Origo


approfondimenti     27 Luglio 2022

Anche la salute inquina

A condividere gli ultimi dati di Choosing Wisely e Isde, Guido Giustetto, della Commissione Salute e Ambiente di FNOMCeO


Altri Articoli

Una due giorni ad un Congresso qualsiasi può essere un ritorno alla normalità dice il prof. Gagliani che avverte: la formazione deve essere debitamente certificata e tutelata con regole non fondate...

di Massimo Gagliani


Sono nato una domenica dell’agosto 1964, anagraficamente contando il Governo Draghi è stato il quarantottesimo che ho vissuto. In Germania, nello stesso periodo, di Governi ne hanno avuti 19...

di Norberto Maccagno


Il Consejo General de Dentistas ha elaborato una relazione tecnica dove sono state analizzate la densità di professionisti per popolazione, l'evoluzione demografica negli ultimi...


Maria Grazia Cannarozzo

Dalla collaborazione tra l’Azienda Ospedaliera Cannizzaro di Catania e il COI-AIOG nasce il progetto “Odontoiatria rosa”, che attenzionerà la salute orale delle donne...

di Lorena Origo


Sarà Catania ad ospitare, dal 20 al 22 aprile 2023, il Congresso numero 30 del CDUO organizzato dalle Università di Palermo, Messina e Catania


 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

Corsi ECM

 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

I più letti

 
 

Corsi, Convegni, Eventi

 
 
 
 
 
 
 
 

Guarda i nostri video

Guarda i nostri video

Canino incluso: la pianificazione digitale

 
 
 
 
chiudi