HOME - Approfondimenti
 
 
04 Ottobre 2021

Iandolo al Governo: creare le condizioni per regole comuni tra società e professionisti

Il presidente CAO: la concorrenza vale se le regole sono uguali per tutti. Oggi non è così, i professionisti sono penalizzati così come i pazienti 


Ottobre sarà probabilmente il mese in cui il Governo presenterà la nuova legge sulla Concorrenza ed il presidente nazionale CAO lancia un appello al presidente Draghi a cogliere l’occasione per dare regole comuni al settore odontoiatrico in modo da non privilegiare le società di capitale a discapito dei liberi professionisti. L’occasione è il Dental Forum di Asti, svoltosi sabato scorso, dove il presidente CAO portando il suo saluto è intervenuto su alcuni temi di particolare attualità.

E tra questi la bocciatura dell’emendamento che se approvato avrebbe consentito l’esercizio dell’attività odontoiatrica alle sole StP. “Sono rimasto di stucco quando ho letto le dichiarazioni del Sottosegretario Amendola in Commissione (LINK) con cui informava che il motivo del parere negativo del Governo all’emendamento era per evitare di creare concorrenza sleale tra società e liberi professionisti”.
“Oggi mi pare che ci sia già un problema di concorrenza tra questi due modi di esercitare l’attività odontoiatrica, ma all’opposto”, ha detto Iandolo. 

E per meglio chiarire, il presidente CAO ha ricordato i vantaggi fiscali, e non solo, che le società hanno rispetto ai professionisti, per esempio la possibilità di ottenere incentivi fiscali sugli investimenti, sulle spese pubblicitarie, la differente tassazione. Ma anche: se il professionista sbaglia per una pubblicità non corretta, l’Ordine lo sospende e lo studio chiude, se invece la pubblicità l’ha fatta uno studio gestito da una società, l’Ordine può sanzionare il direttore sanitario ma la società lo cambia e continua ad operare. Alcuni esempi che per Iandolo confermano che oggi c’è “un grosso problema di concorrenza” ma ad essere penalizzate non sono le società ma i liberi professionisti. 

Alcune settimane fa”, informa Iandolo, “con il presidente ANDI Carlo Ghirlanda abbiamo incontrato l’On. Pierluigi Bersani che ci ha spiegato che la concorrenza vale se le regole sono uguali per tutti i giocatori in campo. Ma oggi per l’odontoiatra non è così, le società hanno vantaggi che gli studi monoprofessionali non hanno”. 

Altro esempio di “concorrenza sleale” portato dal presidente Iandolo è quanto previsto dai fondi integrativi dove ci sono regole e tariffe differenti a seconda se il paziente si rivolge ad uno studio convenzionato oppure no. E sui Fondi, e non solo, Iandolo ribadisce che l’odontoiatria essere considerata dal puto di vista del paziente e non di chi l’esercita, “garantendo al paziente la libertà di farsi curare da chi vuole”.  

Il Governo, conclude Iandolo, deve decidere se sostenere il capitale ed il mercato anche in ambiti protetti come quello della sanità, oppure le garanzie che solo i professionisti possono offrire perché vigilati dagli Ordini.
Se il modello è quello del profitto a tutti i costi – dice Iandolo provocatoriamente- allora l’Ordine non ha più senso di esistere e lo si deve abolire”.

Articoli correlati

Cambio al vertice di ANCOD, la scelta è di affidare la presidenza dell’Associazione ad un professionista esterno ai Marchi associati 


Quella dell’”overtreatment”, ovvero le cure prescritte ma non necessarie con l’unico fine di trarne profitto è indubbiamente la truffa più meschina che un professionista sanitario...

di Norberto Maccagno


Quello sull’esercizio in forma societaria per le sole StP non passa per 8 volti. Giudicato inammissibile quello che avrebbe modificato le norme sulla pubblicità sanitaria


Ovviamente divisi tra soddisfazione (Catene) per aver tutelato il lavoro ed amarezza (Sindacati odontoiatrici) per l’ennesima bocciatura ad una proposta che vuole tutelare la salute del cittadino


Da sx: Pollifrone;Tuzio;Pelillo;Dili.

Le STP cominciano ad interessare sempre più studi professionali. Abbiamo sentito gli esperti su natura del reddito societario e le regole per consulenti e collaboratori


Altri Articoli

Stimata ed apprezzata, fino all’ultimo ha lavorato per il bene della professione con tenacia, impegno ed entusiasmo. Molti i messaggi di ricordo delle sue colleghe e dei dirigenti delle...


Scoperti a Torino ed in provincia di Piacenza. L’Ordine di Brescia invia gli elenchi dei sospesi al NAS per effettuare verifiche


Circolare della FNOMCeO agli Ordini provinciali con le prime indicazioni sui passaggi per ottemperare a quanto disposto con il nuovo Decreto su estensione dell’obbligo vaccinale 


Agorà del Lunedì     06 Dicembre 2021

Le basi della patologia

Quali sono le cause delle affezioni della polpa dentale e quali le contromisure da adottare? Di questo parla il prof. Massimo Gagliani nel suo Agorà del Lunedì

di Massimo Gagliani


Il dott. Di Fabio ci ricorda che l’esonero è temporaneo fino a quando non si riunirà la Stato-Regioni stabilendo le modalità di registrazione


 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

Corsi ECM

 
 
 
 
 
 
 
 

I più letti

 
 

Corsi, Convegni, Eventi

 
 
 
 
 
 
 
 

Guarda i nostri video

Guarda i nostri video

Crediti ECM: come odontoiatri ed igienisti dentali possono gestirli dalla piattaforma CoGeAPS

 
 
 
 
chiudi