HOME - Cronaca
 
 
17 Luglio 2018

CED ed ANDI incontrano il presidente del Parlamento Europeo

Espresse preoccupazioni su deleghe a professioni non mediche e l’eccessiva influenza del capitale in odontoiatria


Si è svolto a Roma, presso la sede del Parlamento Europeo, l’incontro tra l’On. Antonio Tajani, presidente del Parlamento Europeo e i presidenti di ANDI Carlo Ghirlanda e del Council of European Dentists (CED), Marco Landi

Un incontro estremamente importante alla luce dei diversi argomenti messi sul tavolo. Si è parlato dell’esigenza dell’inserimento nel budget del Parlamento Europeo di uno specifico capitolato dedicato alla salute, attualmente non presente. Della promozione e del supporto alle libere professioni in Europa e di “task shifting” ovvero delle deleghe a professioni non mediche di attività e competenze attualmente di esclusiva competenza medica.

Infine, si è parlato del momento di svolta in cui si trova la professione medica oggi, esposta ai rischi di un cambiamento che potrebbe portare a uno sbilanciamento pericoloso tra la gestione clinica ed economica, in favore di quest’ultima.  

"Il tema comune dell'odontoiatria in Europa - dichiara Carlo Ghirlanda- è quello di mantenere centrale il rapporto medico paziente. Con il presidente Tajani abbiamo parlato di professioni intellettuali e del rischio per il cittadino paziente che deriva da una eccessiva presenza ed influenza da parte del capitale nelle professioni ed in particolare in odontoiatra". 

Lo certificano alcuni fatti che, in un contesto generale di tassi estremamente bassi, rendono agli occhi degli investitori, la salute e l’odontoiatria in particolare, un business sempre più attraente. Nel solo 2017, due fondi esteri, hanno annunciato importanti investimenti nella creazione di catene dentali paneuropee. L’argine delle barriere legali che in molti stati limitano oggi l’attività odontoiatrica ai soli professionisti comincia a vacillare, sulla scorta delle indicazioni della Commissione europea, che tendono verso la deregolamentazione del diritto professionale. La principale preoccupazione è che gli investitori finanziari influenzeranno le decisioni terapeutiche del dentista curante al fine di garantire un elevato ritorno sull'investimento.

I pazienti saranno le prime vittime di questo sviluppo. Diversi esempi da tutta Europa mostrano già che la qualità del trattamento clinico nelle catene dentali e in altri investitori a rischio di rendimento è molto discutibile. L’impegno del CED è confermato dal suo presidente Marco Landi che ha sottolineato come "l’incontro è stato molto proficuo e cordiale, abbiamo avviato un contatto diretto tra l’ufficio del CED a Bruxelles e il gabinetto del Presidente Tajani. L’intenzione è anche di invitarlo ai prossimi eventi organizzati dai dentisti europei insieme a Medici e Farmacisti sulla difesa degli investimenti per la salute europea e sulle libere professioni". 

A cura di: Ufficio Stampa ANDI

Articoli correlati

Alcune considerazioni di Maurizio Quaranta (ANCAD) che denuncia: il commercio elettronico nel settore odontoiatrico rischia di ignorare leggi e controlli e favorire abusi


Per gli odontotecnici l’unico che può fabbricare la protesi è il laboratorio, per i dentisti quanto realizzato in studio non è un dispositivo protesico


Dall’ANCAD alcune precisazioni sulle scadenze e sulle procedure di “registrazione” dei dispositivi medici


Anche il Council of European Dentists (CED),l’Associazione dei dentisti europei, interviene sul Regolamento dei dispositivi medici (MDR),  attraverso una risoluzione approvata...


Indirizzare i politici per fare in modo che la prevenzione diventi, all’interno delle politiche sanitarie europee e nazionali, un cardine della salute orale, così come, oggi, lo è di quella...


Altri Articoli

Insediati i nuovi organi direttivi 2021-2024, Giudo Giustetto confermato presidente OMCeO. Ecco nomi e cariche della nuova Commissione Albo Odontoiatri


Molti i dubbi sulla tipologia di eventi sospesi e sulla utilità. Intanto il primo evento di settore a farne le spese è il Congresso AIO, Fiorile: provvedimento incomprensibile


Il Consiglio dei Ministri approva il Ddl sulle lauree abilitanti. Soddisfazione di Di Lenarda (Collegio) e Iandolo (CAO)


Dopo l’approvazione del Ddl sull’abolizione anche per odontoiatria dell’esame di stato, Iandolo(CAO) chiede: “Ora conferirle valenza specialistica” 


"Siamo tutti pazienti special needs. La personalizzazione della strategia terapeutica”: un momento formativo di elevato spessore scientifico


 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

Annuncio in Evidenza


14 Ottobre 2020
Vedo moderno ed avviato studio a Milano

Moderno e avviato studio dentistico, regolarmente autorizzato, mq 80, predisposto per due unità operative, stanza sterilizzazione, radiografico opt e dotato di strumentazione per esercitare le principali branche odontoiatriche, spogliatoio e bagno per il personale, bagno per pazienti. Possibilità di subentro graduale con varie soluzioni. Milano, zona Bicocca-Niguarda. Trattativa riservata. 345 9776587. mail: aumas001@gmail.com

 
 

Speciale in Evidenza


 
 
 
 

Corsi ECM

 
 
 
 
 
 

I più letti

 
 

Corsi, Convegni, Eventi

 
 
 
 
 
 
 
 

Guarda i nostri video

Guarda i nostri video

I trucchi per convivere con il rischio Covid in studio