HOME - Implantologia
 
 
29 Maggio 2015

Unire gli impianti o protesizzarli singolarmente? Uno studio italiano ha cercato di dare indicazioni

di Paolo Vigolo


In un articolo recentemente pubblicato su The International Journal of  Oral & Maxillofacial Implants abbiamo presentato i risultati a 10 anni relativi ad uno studio randomizzato nel quale si sono analizzate le eventuali differenze di riassorbimento osseo per impianti protesizzati collegandoli tra di loro o mantenendoli singolarmente l'uno all'altro.

La comunità scientifica ha sempre privilegiato la scelta di splintare protesicamente impianti vicini in modo da meglio distribuire il carico masticatorio; tuttavia gli ottimi risultati clinici a medio e lungo termine degli impianti singoli hanno portato a considerare l'opportunità di non unire protesicamente gli impianti vicini: questo da un lato facilita il lavoro odontotecnico permettendo di ottenere restauri singoli più precisi ed estetici; dall'altro può rendere più facili le manovre di igiene del paziente.

Tutti i pazienti trattati con tre impianti nel periodo tra 2002 e 2003 sia in uno studio privato che in clinica universitaria, senza particolari controindicazioni alla terapia impiantare, sono stati reclutati per la ricerca; gli impianti sono stati tutti inseriti nella zona di premolari e molari ed i pazienti non avevano alcun dente naturale distalmente agli impianti stessi.  Sugli impianti si sono avvitati dei pilastri UCLA d'oro e su di essi si sono cementate o tre corone splintate assieme o tre corone singole in metal-ceramica.

Lo studio radiografico del riassorbimento osseo ha evidenziato che non c'è una differenza statisticamente significativa per quanto riguarda il riassorbimento osseo tra le due modalità di trattamento protesico.  La conclusione è che possiamo protesizzare impianti adiacenti anche singolarmente, senza necessariamente unirli tra loro.  Ovviamente il protocollo di ricerca di questo articolo ha delle limitazioni: è stata utilizzata una tecnica di misurazione radiologica che comporta delle inevitabili sia pur piccole imprecisioni; sono stati inclusi solo ponti o corone cementati e non avvitati; i pazienti avevano schemi occlusali non "complicati".

Si può dire che splintare assieme gli impianti è opportuno allorquando pensiamo ci sia un rischio di sovraccarico degli impianti stessi: in caso, per esempio, di carico immediato, di impianti corti, di presenza di bruxismo, etc. 
Negli altri casi possiamo considerare la possibilità di protesizzare singolarmente gli impianti.

A cura di: dott. Paolo Vigolo, Presidente Eletto AIOP

Articolo originale:
Vigolo P, Mutinelli S, Zaccaria M, Stellini E. Clinical evaluation of marginal bone level change of multiple adjacent implants restored with splinted and non-splinted restorations: a 10-year randomised controlled trial. Int J Oral Maxillofac Implants 2015; 30:411-418.

  • Radiografia a 10 anni di tre impianti protesizzati uniti

  • Radiografia a 10 anni di tre impianti protesizzati singolarmente

Articoli correlati

Dopo l'approvazione del Ddl Lorenzin e l'inasprimento delle pente per chi esercita senza la necessaria abilitazione una professione, si è riaperto il dibattito su cosa l'odontotecnico...


Al Presidente Paolo Vigolo ed al dirigente sezione odontotecnica Giuliano Vitale abbiamo chiesto, quali sono stati i momenti per cui sarà ricordato l'evento organizzato a Riccione?Il...


AIOP apre la stagione dei congressi nonostante l’obbligo della distanza sociale e porta il Meeting on line. Ecco come funzionerà


Altri Articoli

Aziende     15 Gennaio 2021

Il 2021 visto dal Phibo

L’odontoiatria digitale, le nuove acquisizioni, il CEO ed il Direttore dell'Innovazione del  Gruppo Phibo svelano i progetti futuri


L’obiettivo è fare in modo che la pensione spettante a vedove e orfani sia calcolata sull’importo a cui il familiare deceduto avrebbe avuto diritto al termine della propria carriera


Il neo assessore Moratti conferma il ruolo degli Ordini provinciali nella raccolta dei nominativi degli aderenti 


Assunzione a tempo indeterminato, la candidatura al concorso deve pervenire entro l’11 febbraio 2021


Rispondendo ad Odontoiatria33 il Commissario Straordinario conferma che non è possibile modificare in questa fase le priorità indicate nel piano vaccinale


 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

Corsi ECM

 
 
 
 
 
 

I più letti

 
 

Corsi, Convegni, Eventi

 
 
 
 
 
 
 
 

Guarda i nostri video

Guarda i nostri video

La professoressa Antonella Polimeni si racconta