HOME - Approfondimenti
 
 
25 Giugno 2018

Iscrizione all’Albo degli igienisti dentali, confermata la data del 1 luglio

Le risposte di UNID ad alcuni quesiti e l’elenco degli ordini territoriali


Dal 1 luglio sarà attiva la piattaforma online che consentirà agli Igienisti Dentali di presentare domanda per essere iscritti all’Albo. A confermarlo è la Federazione nazionale Ordini dei Tecnici sanitari di radiologia medica, delle professioni sanitarie tecniche della riabilitazione e della prevenzione (alla quale faranno parte anche gli Igienisti Dentali) informando che “la procedura per l’iscrizione ai 17 Albi istituiti con DM 13 marzo 2018 sarà dematerializzata, attraverso un apposito portale”, attivo sul sito tsrm.org a partire dal 1 luglio. 

Nei giorni scorsi Odontoiatria33 aveva indicato le modalità per iscriversi ad oggi rese note. 

Ma qualche dubbio rimane ancora ed altri, probabilmente, nasceranno non appena sarà accessibile la piattaforma informatica.  

Per fare chiarezza UNID ha prodotto una serie di Faqper aiutare gli igienisti dentali a capire e preparare la documentazione necessaria.  Riportiamo le più significative. 


Sarà obbligatorio iscriversi? 

La legge 3/2018 e il DM 13 marzo 2018 prevede l’obbligatorietà dell’iscrizione all’Albo per l’esercizio della professione dal 1 Luglio con decorrenza immediata. La procedura sarà completamente online e non ci sarà un periodo di transizione, durante il periodo di accoglimento e controllo della domanda farà fede la data di presentazione della stessa.  


Cosa servirà per effettuare la registrazione? 

I propri dati anagrafici, nome, cognome, data e luogo di nascita, codice fiscale, residenza, domicilio professionale, indirizzo di posta elettronica (anche certificata) e recapiti telefonici, pagamento dei diritti di segreteria di € 35,00 (il pagamento è possibile con bonifico, bollettino, carta di credito) per i non iscritti alle Associazioni Maggiormente Rappresentative. Esentati invece dal pagamento dei Diritti di Segreteria i soci UNID e AIDI in regola con l’iscrizione per l’anno 2018 poiché le stesse Associazioni provvederanno al versamento dell’intera quota dei Diritti di Segreteria. Ovviamente servirà il diploma di laurea o diploma universitario e titoli equipollenti ed equivalenti (DM 27 luglio 2000). Il professionista indicherà il primo titolo abilitante conseguito, sarà possibile allegare la scansione del titolo all’autocertificazione.  Si dovrà dichiarare di non avere nessun carico pendente risultante dal certificato generale del casellario giudiziale. la piattaforma prevede la possibilità di selezionare la voce, riproposta integralmente. In caso di carico pendente a carico del richiedente, questi verrà contattato in via riservata dall’Ordine al fine di valutare se il carico pendente possa rappresentare motivo di tassativa preclusione alla iscrizione.     

Tra i vari dati per la prima registrazione ci verrà chiesto, oltre alla residenza, il nostro domicilio professionale che servirà per individuare a quale ordine iscriversi.  


Se lavoro in più città a quale ordine mi devo iscrivere? 

Per chi ha più di un domicilio professionale andrà indicato il domicilio professionale prevalente, quello in cui si svolge l’attività con più frequenza.  


Quindi a quale ordine territoriale appartenere? 

In linea di massima l’Ordine da scegliere sarà quello della città in cui viene svolta la professione.

Queste le opzioni indicate da UNID: 

1) Se sei un Igienista Dentale che svolge la sua attività in diverse città dovrai scegliere l’Ordine in cui svolgi la tua attività in modo prevalente. 

2) Se abiti e lavori nella stessa città, nessun dubbio, farai parte dell’Ordine della città in cui vivi e lavori. 

3) Se sei un Igienista Dentale senza occupazione potrai appartenere all’Ordine di residenza. 

A questo link per trovare vari Ordini territoriali attivati. 

Articoli correlati

Dal primo luglio saprà obbligatorio per poter esercitare


Siamo sinceramente e piacevolmente sbalorditi del risultato atteso ormai da 11 lunghi anni. Dopo tutto questo tempo in cui si sono susseguiti i Governi, che ci hanno fatto sperare e successivamente...


C'è una sanatoria nell'ultima Legge di Bilancio che non fa stare tranquille le professioni sanitarie, infermieri inclusi, e forse anche i medici. Infatti, in quelle 22 professioni autorizza 20 mila...


Se per le fatture di collaborazione con gli studi odontoiatrici la fattura deve essere elettronica ed inviata allo SDI dell’Agenzia delle Entrate, per quelle emesse direttamente al paziente come si...


Altri Articoli

"Tutti gli operatori sanitari quando vengono a conoscenza nei confronti del paziente che stanno curando di una sua positività al virus dell'Hiv sono tenuti a prestare la necessaria assistenza....


Il recente caso del dentista romano che ha rifiutato di prestare la propria opera su un paziente sieropositivo apre interessanti spunti di riflessione su quale debba essere il ruolo dell'odontoiatra...


Siamo fra i paesi con i migliori risultati sanitari nel mondo con costi controllati, ma aumenta l'impoverimento delle famiglie quando ci sono situazioni sanitarie complesse, mentre le spese sanitarie...


Da dx il presidente ONCeO di Torino Guido Giustetto ed il rappresentate Cao Torino Virginio Bobba

Una App che aiuta il medico e dentista nell’elaborare la diagnosi, confermando e suggerendo è a disposizione da venerdì pomeriggio di tutti gli iscritti all’Ordine di Torino. L’applicativo...


Viviamo in una società che accetta che il destino di 40 disperati lasciati in balia del mare per 20 giorni sia un caso politico e non umanitario, che in Italia migliaia di donne vengano molestate,...


 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

Corsi ECM

 
 
 
 
 
 

I più letti

 
 

Corsi, Convegni, Eventi