HOME - Cronaca
 
 
10 Aprile 2020

La dott.ssa Federica Fonzar è la nuova presidente del CIC

Rinnovato anche il Consiglio direttivo del Comitato Italiano di Coordinamento delle Società Scientifiche Odontostomatologiche 


Si sono tenute ieri giovedì 9 aprile in modalità telematica le elezioni del nuovo Consiglio Direttivo del CIC (Comitato Italiano di Coordinamento delle Società Scientifiche Odontostomatologiche), consiglio vacante dal mese di Febbraio, il cui rinnovo era stato rimandato a causa del perdurare dell’emergenza dovuta al coronavirus.  

Mai come in questo periodo di emergenza sanitaria e sociale è fondamentale che le società scientifiche, che raccolgono l’eccellenza clinica e scientifica dell’odontoiatria italiana, siano unite e lavorino in modo coordinato con le istituzioni, fornendo alla professione ed ai pazienti indicazioni corrette e praticabili per poter riaprire gradualmente gli studi, chiusi ormai da un mese, nel rispetto delle norme di prevenzione del contagio per la tutela degli operatori e dei pazienti. 

Il CIC è sempre stato impegnato, oltre che nel coordinamento delle attività delle 12 Società Scientifiche aderenti, anche nella collaborazione con le istituzioni per favorire il miglioramento delle buone pratiche e la diffusione della conoscenza sia nei confronti della professione che della società civile. 

Sotto l’autorevole presidenza del dottor Gianfranco Carnevale durata 6 anni, il comitato ha collaborato alla stesura delle Raccomandazioni Cliniche in odontoiatria licenziate dal Ministero della salute, ed è entrato stabilmente a far parte del GTO (Gruppo tecnico sull’odontoiatria del Ministero della Salute). Il comitato si occupa di coordinare una FAD  ECM annuale aperta a tutti i soci delle società scientifiche aderenti.

Al dottor Carnevale succede la dottoressa Federica Fonzar (nella foto) già membro del precedente consiglio direttivo dal 2016, che verrà affiancata dal nuovo consiglio: Denis Cecchinato, Cristian Coraini, Maria Paola Cristalli, Costanza Micarelli, Francesco Oreglia, Andrea Saratti

Il nuovo presidente, assieme a tutto il CD, sarà impegnato attivamente nel proseguire le attività di collaborazione e di servizio nei confronti delle istituzioni, della professione e dei pazienti, in rappresentanza di tutte le società aderenti: AIE, AIC, AIG, AIOM, AISI, AIOP, IAO, SIDO, SIDCO, SIdP, SIE, SITEBI. A cura di: CIC 

Tag

Articoli correlati

A comunicare il termine della stesura del nuovo Nomenclatore delle prestazioni odontoiatriche e dell'invio al Ministero della Salute per la validazione è stato il presidente nazionale CAO Raffaele...


Non ci sono date certe ma già nel mese di marzo il Ministero della Salute potrebbe licenziare il Nomenclatore delle prestazioni odontoiatriche che è stato presentato dal CIC – Comitato...


È ormai in dirittura d’arrivo il Nomenclatore Odontoiatrico 2018: la scorsa settimana, infatti, si è riunito, su convocazione della Commissione Albo Odontoiatri della FNOMCeO il Gruppo di...


Altri Articoli

Secondo i dati del 2018, nessun caso certo di contagio è avvenuto nello studio odontoiatrico. Lo 0,8% dei casi notificati si erano, anche, sottoposti a cure odontoiatriche nei 10 giorni precedenti 


In un articolo sul Corriere della Sera il presidente ANDI sottolinea le forti difficoltà del settore confermate dal fatto che “le catene internazionali stiano scappando dall’Italia”


Baruch: fondamentale informare e formare i pazienti, la loro collaborazione sarà determinante in questa fase


Una nota della CAO Nazionale ribadisce che l’odontoiatra può certificare l’assenza per malattia di un lavoratore per un periodo inferiore a dieci giorni


Dopo la richiesta di chiarimenti da parte delle farmacie, sulla percentuale minima di etanolo per i prodotti disinfettanti a base alcolica, arriva la risposta dell'Istituto superiore di sanità che...


 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

Speciale in Evidenza


 
 
 
 

Corsi ECM

 
 
 
 
 
 

I più letti

 
 

Corsi, Convegni, Eventi

 
 
 
 
 
 
 
 

Guarda i nostri video

Guarda i nostri video

COVID-19 ed odontoiatria, il punto del prof. Roberto Burioni