Romania, boom di iscrizioni di studenti italiani in Odotoiatria

Lauree all'estero: cresce la domanda |

| 17 Aprile 2012 |

Romania, boom di iscrizioni di studenti italiani in Odotoiatria

Su 15mila studenti stranieri che sono approdati all'ateneo di Arad, in Romania, 5mila hanno scelto odontoiatria e di questi quasi mille (un quinto) sono italiani. E solo quest'anno le iscrizioni dei connazionali sono arrivate a quota 208, pari al 20% del totale degli stranieri.

Francesca Giani


È boom di iscrizioni quest'anno di aspiranti dentisti nelle facoltà di odontoiatria rumene. La meta più ambita è l'università privata di Vasile Goldis, ad Arad: lì, quest'anno, sono 208 gli studenti che arrivano dal Bel Paese e rispetto alla cifra totale degli stranieri (1122) rappresentano il 20% del totale. Il dato arriva da un articolo del Corriere della Sera del 10 aprile che ha denunciato il fenomeno.

I dati totali
Il contesto che emerge è in linea con quanto avvenuto negli ultimi sei anni: su 15mila studenti che sono approdati a questo ateneo, 5mila hanno scelto odontoiatria e di questi quasi mille (un quinto) sono italiani, con una percentuale elevata dal Sud (80%). Complessivamente, la stima degli italiani iscritti a università private romene sembra essere intorno ai 5mila studenti. Tra le motivazioni, l'assenza del test di ingresso, l'appartenenza alla comunità europea delle università romene, e anche il costo della vita.

Il riconoscimento dei titoli esteri in Italia
Detto questo, cosa succederà in Italia quando ci sarà il primo grosso afflusso di laureati, non solo dalla Romania, ma anche dalla Spagna e dal Portogallo? Come avevamo scritto in un servizio sul GdO 2011;6, "la materia è normata dalla Direttiva comunitaria 2005/36 che prevede il riconosciuto dei titoli di studio stranieri con alcuni distinguo. Se è più complicato il riconoscimento dei titoli extra-comunitari, più facile e quasi automatico il riconoscimento di quelli comunitari: si presenta una domanda al ministero della Salute fornendo una serie di documenti e se il titolo è stato conseguito in università riconosciute e che seguono un determinato percorso formativo, dopo i controlli del caso, si ottiene il riconoscimento".

Dal Ministero un approccio prudenziale
Ma c'è un problema: come distinguere i titoli conseguiti seconodo un corretto corso di studi? L'atteggiamento dell'allora ministro della Salute, Ferruccio Fazio, che aveva risposto nel corso di una interrogazione parlamentare, era di "avere un approccio prundenziale", raccogliendo informazioni e valutando singolarmente ciascun cittadino italiano che abbia conseguito la laurea in Romania.

Il trend
Va detto anche un altro dato, emerso nel servizio: "Secondo l'Enpam, sono 1644 gli odontoiatri stranieri iscritti all'ente di previdenza di medici e dentisti: 908 uomini e 736 donne. Dal primo gennaio al 31 marzo 2011, sono stati 31 gli odontoiatri laureati all'estero a cui è stato riconosciuto dal ministero della Salute il titolo di studio e 70 quelli riconosciuti nel 2010."

Leggi gli articoli sul riconoscimento dei titoli all'estero:
- Riconoscimento dei titoli all'estero: un problema?
- Non passa lo straniero (dentista)

Leggi anche l'inchiesta sulla situazione delle lauree in Europa
- La mobilità dei professionisti: uno sguardo all'Europa

E confronta i dati con quelli delle iscrizioni all'albo in Italia:
- Inchiesta: calano gli iscritti all'Albo per il secondo anno
- Sorpresa: calano i nuovi odontoiatri


Per votare occorre inserire le poprie credenziali Medikey
Non interessantePoco interessanteInteressanteMolto interessanteEstremamente interessante
Interessante ( 43 voti / media 3 )



commenti

Nessun commento presente per questo articolo.
inserisci commento
ATTENZIONE: per poter inserire un commento è necessario accedere a Medikey
Accedi a Medikey

se non fai ancora parte della più grande comunità medica italiana
registrati ora a Medikey
LOGIN

Il nostro BLOG

VISTO DA FUORI
a cura di
Norberto Maccagno LEGGI >



Audio e video


© EDRA LSWR S.p.A. | P. Iva 080586040960 | TEL: 02/881841 | Per la pubblicità contatta EDRA LSWR S.p.A.