HOME - Cronaca
 
 
20 Giugno 2012

La Fnomceo prende posizione su abusivismo e lauree facili

La condanna dalla professione

Lauree conseguite all'estero, anche in paesi non comunitari e con percorsi di formazione non del tutto regolari, che permettono di eludere la nostra normativa e di esercitare la professione di dentista in Italia.

Oppure, corsi di laurea "fantasma" proprio nel nostro Paese, come i presunti "Corsi universitari per odontotecnici", per i quali si ipotizza una cerimonia per il 29 giugno, con relativa consegna di attestati privi di qualunque valore legale.

Sono solo due dei numerosi tentativi di aggirare le regole sulla programmazione del fabbisogno in campo odontoiatrico "denunciati" dal presidente della Cao nazionale, attraverso la tribuna di Focus Cao - lo spazio realizzato da MedI@ in collaborazione con Corriere medico Odontoiatria.

"Mi vengono segnalati corsi di laurea e corsi di specializzazione in odontoiatria per Italiani presso una università di Tirana (l'Albania è un paese non comunitario) e successivamente abilitati e riconosciuti in università italiane" spiega Renzo.

"Siamo a conoscenza - continua - che esistono rapporti di collaborazione tra Università albanesi e Università italiane ma si tratta di capire se effettivamente siamo in ambiti di legittimità".

E conclude: "Troppo spesso abbiamo visto speculazioni e formazione rispetto a normative travisate e interpretate in modo 'furbesco'".

Ma molti altri sono gli argomenti "caldi" toccati da Renzo. Al centro dell'articolo, il meccanismo dei procedimenti disciplinari, "che, in un campo ultra-specialistico come quello della Tutela della Salute devono essere mantenuti nell'alveo ordinistico". A questo tema sarà dedicato il  Convegno del 22-23 giugno alla Camera dei Deputati. E poi, l'istituzione delle nuove professioni sanitarie, le competenze da affidarsi alle varie figure, l'autonomia della professione odontoiatrica e la "deriva economicistica" dei servizi sanitari.

Comunicato stampa

Articoli correlati

I militari del Nas di Napoli, hanno segnalato alle competenti autorità un odontoiatra di 72 anni per aver detenuto farmaci scaduti nel proprio studio, ed un 61enne per aver esercitato abusivamente...


Certamente la prevenzione e repressione del fenomeno dell’abusivismo odontoiatrico è una delle attività che il NAS compie quotidianamente sul territorio italiano, attività inserita in quella...


"Sappiano i delinquenti che pensano di poter agire impunemente, mettendo a repentaglio la salute dei pazienti, che il Ministro della Salute e i Nas faranno ogni cosa in loro...


La notizia della denuncia della dentista che faceva lavorare il marito nel suo studio fa male al cuore, trovo che invece sia una bella storia d’amore. Stando a quanto ha...


Altri Articoli

Una ricerca tutta italiana ha messo a confronto alcuni strumenti che possono ridurre il rischio di contagio da Covid-19 attraverso l’aerosol


Landi: uno scambio di vedute che ha permesso di modificare un documento che avrebbe potuto comportare problemi per la gestione della post pandemia per gli studi odontoiatri europei


Un nuovo approccio clinico basato sulla medicina dei sistemi, per la cura della malattia parodontale, che in Italia colpisce il 60% della popolazione


Cronaca     03 Luglio 2020

ENPAM: completato il CDA

Eletti i tre consiglieri delle consulte. Quella della Quota “B” sarà rappresentata dall’odontoiatra Gaetano Ciancio


L’85% dei titoli sono conseguiti da cittadini italiani. Stabile anche il numero dei riconoscimenti dei titoli di residenti stranieri 


 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

Speciale in Evidenza


 
 
 
 

Corsi ECM

 
 
 
 
 
 

I più letti

 
 

Corsi, Convegni, Eventi

 
 
 
 
 
 
 
 

Guarda i nostri video

Guarda i nostri video

Nuove tecnologie in studio? Le omaggia IDI EVOLUTION