HOME - Normative
 
 
15 Marzo 2018

Prestazioni gratuite, è corretto per il Fisco "vederci chiaro"

Per la Cassazione è legittimo l’accertamento ad un professionista che “regala” troppe prestazioni


La sentenza della Corte di Cassazione (ordinanza n. 6215) riguarda un avvocato ma il principio può interessare anche lo studio odontoiatrico che pratica prestazioni “molte” gratuite, che in un ipotetico caso potrebbero anche essere la sola prima vista.   La sentenza sancisce la legittimità degli accertamenti effettuati nei confronti dell’avvocato reo di aver, nell’anno fiscale preso in esame, effettuato troppe prestazioni gratuite, o come indicato nella sentenza di “aver rinunciato al compenso”.  

Secondo la Cassazione un elevato numero di prestazioni gratuite, in rapporto a quelle a pagamento, “sono elementi idonei a far ritenere inattendibile la contabilità e, conseguentemente, a consentire di procedere con l’accertamento induttivo ai sensi dell’articolo 39, comma 2, del Dpr 600/73” e questo nonostante il contribuente risulti congruo e coerente agli studi di settore.  

“Sempre più spesso, il Fisco pone l’attenzione sullo scostamento tra le prestazioni di servizio rese che risultano in anagrafe tributaria in un determinato periodo di imposta e le corrispondenti fatture emesse per tali servizi”, commenta il Sole 24 Ore dando la notizia della sentenza.   Secondo il Giudice di Appello, informa il quotidiano economico, “la rinuncia diffusa e sistematica ai compensi per l’assistenza da parte dell’avvocato in contenziosi instaurati dinanzi al Tribunale, civile e amministrativo, anche di valore elevato, consentirebbe all’Ente accertatore di ritenere inattendibile la contabilità e di procedere con la rideterminazione induttiva dei maggiori redditi professionali”. E questo nonostante i clienti interpellata abbiano confermato che la prestazione era stata resa gratuitamente.    

Articoli correlati

Photocredit: Ministero del Lavoro

Congelato il redditometro ma rimane l’accertamento sintetico


I consigli dell’esperto per evitare questioni con il fisco e capire se le prime visite gratuite “convengono”


Dato un numero certo di guanti, tovaglioli ed aspirasaliva acquistati in un anno, sapendo che l'assistente ha le mani più piccole ed utilizza i guanti diversi da quelli del dentista, che si...


I primi mesi dell'anno in corso hanno visto l'Agenzia delle Entrate in prima linea nell'introduzione di nuovi strumenti e modalità di accertamento del reddito dei contribuenti. Le...


Dentista giudicato colpevole di aver effettuato un intervento altamente invasivo, non necessario e sulla base di esami radiografici eseguiti un anno prima


Altri Articoli

Una ricerca su JADA è lo spunto per le considerazioni del prof. Gagliani nella sua Agorà del Lunedì. L’argomento è la comunicazione della prevenzione, ma anche il valore delle revisioni...

di Massimo Gagliani


Troppo incerta la situazione, UNIDI decide di annullare l’appuntamento di novembre e rimandare a maggio 2021


Sulla questione bonus sanificazione perché stupirsi?Fin dal primo DCPM che il Governo ha annunciato, prima ancora di vararlo, sottolineo come la linea d’intervento governativa seguita è...

di Norberto Maccagno


Disponibile la registrazione completa del webinar live dal titolo “Covid-19: ci si può organizzare per una prevenzione più “strutturale” e meno invasiva?”


Due le possibilità per gli iscritti, una applicabile da subito, l’atra solo se i Ministeri vigilanti daranno parere favorevole. Ecco le indicazioni di ENPAM


 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

Speciale in Evidenza


 
 
 
 

Corsi ECM

 
 
 
 
 
 

I più letti

 
 

Corsi, Convegni, Eventi

 
 
 
 
 
 
 
 

Guarda i nostri video

Guarda i nostri video

I u201ctrucchiu201d per convivere con il rischio Covid in studio