HOME - Chirurgia Orale
 
 
01 Dicembre 2011

Tecnica osteotomica piezoelettrica e rotante

di E. Pedullà, G. Severino, A. Cinquerrui, E. Rapisarda


Obiettivi
Scopo del lavoro è confrontare le sequele postoperatorie dopo chirurgia di terzi molari inferiori inclusi, trattati con tecnica osteotomica piezoelettrica o rotante ad alta velocità.
Materiali e metodi
Nello studio sono stati inclusi 150 pazienti con terzi molari inferiori inclusi: 75 pazienti sono stati trattati con tecnica osteotomica piezoelettrica (gruppo A) e 75 pazienti, invece, mediante tecnica osteotomica rotante ad alta velocità (gruppo B). Lo stesso protocollo terapeutico è stato applicato a entrambi i gruppi. Ventiquattro ore dopo l’intervento chirurgico, sono stati valutati in entrambi gruppi due parametri diversi, la tumefazione facciale e il serramento.
Risultati
Il tempo chirurgico medio è stato di 22,65 minuti nel gruppo A e di 17,56 minuti nel gruppo B; in media la tumefazione facciale è stata di 4,44 mm nel gruppo A e di 6,67 mm nel gruppo B; sono stati rilevati valori medi di serramento di 12,28 mm nel gruppo A e di 17,28 mm nel gruppo B. L’analisi statistica ha mostrato una riduzione significativa (p < 0,001) sia della tumefazione sia del serramento postoperatori nel gruppo A; tuttavia in questo gruppo un aumento statisticamente significativo (p < 0,001) è stato riscontrato nella durata dell’intervento chirurgico.
Conclusioni
La tecnica osteotomica piezoelettrica ha prodotto tumefazione e serramento minori nel postoperatorio della chirurgia di terzi molari inferiori inclusi, ma ha richiesto un tempo maggiore d’intervento, se confrontata con la tecnica osteotomica rotante ad alta velocità



Articoli correlati

In un recentissimo studio genetico, pubblicato sull’Oral Surgery Oral Medicine Oral Pathology Oral Radiology, gli autori hanno valutato l’associazione tra i polimorfismi genetici e le...

di Lara Figini


In uno studio retrospettivo, pubblicato sul Journal of Periodontology, gli autori hanno indagato gli effetti che i terzi mandibolari impattati (MTM) possono avere su se stessi e sui denti...

di Lara Figini


La chirurgia del terzo molare è la più comune procedura in chirurgia orale, e le sue più frequenti complicanze o disagi post-operatori sono il dolore, il gonfiore e il...

di Lara Figini


La rimozione dei terzi molari mandibolari impattati è una comune procedura dento-alveolare eseguita in chirurgia orale e maxillo-facciale, con diversi livelli di difficoltà...

di Lara Figini


Altri Articoli

L’odontoiatria del futuro per il prof. Gagliani sarà basata più su una eccellente riproducibilità quotidiana, piuttosto che su una estemporaneità di risultato

di Massimo Gagliani


Ai visitatori in regalo la copia di “Oxford Manuale di Odontoiatria Clinica” che consente di accedere gratuitamente a Edradent, la prima biblioteca digitale di odontoiatria


L’ENPAM ha dato il via libera al nuovo bando 2022 per i mutui immobiliari per gli iscritti con una età non superiore ai 40 anni. Ecco come fare a richiederlo


Fino a quattro cinque anni fa, Odontoiatria33 pubblicava almeno una o due notizie di cronaca legate a abusivi e prestanome denunciati a settimana. Da sempre ho deciso di...

di Norberto Maccagno


In occasione della Giornata Nazionale del Malato Oncologico, Straumann Group rivela insieme al chirurgo maxillo facciale la relazione tra salute orale e cancro, con consigli per la gestione della...


 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

Corsi ECM

 
 
 
 
 
 

I più letti

 
 

Corsi, Convegni, Eventi

 
 
 
 
 
 
 
 

Guarda i nostri video

Guarda i nostri video

Profilo ASO: una guida alle scadenze in vista del 21 aprile

 
 
 
 
 
 
 
 
chiudi