HOME - Conservativa
 
 
25 Luglio 2016

Carie radicolare: una piaga nella popolazione adulta

di Massimo Gagliani


L'esperienza di carie sembra in diminuzione nei paesi occidentali, particolarmente nelle popolazioni giovani, mentre pare essere in rapida asc esa nelle fasce di età superiori ai 60 anni.

Questo è un dato che si accompagna: all'allungamento della vita media e alla volontà sempre maggiore di ritenere i propri denti.

La localizzazione delle lesioni cariose nelle popolazioni adulte dell'età sopra menzionata è, frequentemente, sulle superfici radicolari; spesso con un interessamento dello spazio tra dente e gengiva.

Intercettare questi processi cariosi è talvolta difficile; la rapidità dell'evoluzione porta, nei casi più fausti, allo sviluppo di una lesione che coinvolge la polpa dentale, mentre nei casi più critici può determinare anche la frattura dell'elemento dentale.

Questa problematica ha attirato l'attenzione di alcuni ricercatori irlandesi (Risk indicators associated with root caries in independently living older adults, Martina Hayes et al, Journal of Dentistry, 8-14, Agosto 2016) che hanno voluto determinare i fattori di rischio maggiormente associati allo sviluppo di carie della radice dentale.

In un gruppo di 334 adulti di età media vicina ai settant'anni si sono verificati: il numero di carie radicolari presenti, l'indice di placca, il flusso salivare, i denti con precedenti lesioni cariose già restaurate e le superfici radicolari esposte.

La prevalenza di carie è risultata essere particolarmente importante (valore mediano 3,13 per soggetto), mentre tra i fattori di rischio, la precedente esperienza di carie e l'esposizione delle superfici radicolari, hanno ovviamente occupato un posto di rilievo.

Ma il dato che maggiormente ha determinato la prevalenza di carie è stato quello della xerostomia, ovvero il ridotto flusso salivare che, spesso, negli adulti, è determinato dalla concomitante assunzione di farmaci che ne limitano lo stesso.

Conclusioni


Il ridotto flusso salivare, associato a un controllo della placca batterica poco curato, può essere una delle maggiori cause di sviluppo di carie radicolari nella popolazione adulta.

Questo indicatore, unitamente ad altri fattori quali l'esposizione della superficie radicolare dovuta a retrazione gengivale e alla precedente elevata esperienza di carie, deve essere preso in grande considerazione nei programmi di prevenzione che l'odontostomatologo deve intraprendere quando valuta il mantenimento della salute dento-parodontale in pazienti con età intorno ai settant'anni.

A cura di: prof. Massimo Gagliani, Direttore Scientifico settore Odontoiatria Gruppo Edra

Articoli correlati

In uno studio di coorte brasiliano, pubblicato su Caries Research, gli autori hanno valutato l’influenza dei fattori contestuali e individuali sull’incidenza della carie dentale nei primi...

di Lara Figini


Negli USA si sperimenta una App per smartphone che utilizza l'intelligenza artificiale per permettere ai genitori di rilevare precocemente la carie dentale nei loro bambini

di Lara Figini


In uno studio investigativo, pubblicato sul The Journal of the American Dental Association, gli autori hanno valutato la portata dei cambiamenti sul mantenimento della salute orale e dentale nei...

di Lara Figini


“Sii orgoglioso della tua bocca” è lo slogan per l’edizione 2022 scelto da FDI. Online gli strumenti messi a disposizione di odontoiatri ed igienisti per sensibilizzare i cittadini


In uno studio, pubblicato su Dental Materials, gli autori hanno quantificato la perdita di sostanza minerale su campioni composti costituiti...

di Lara Figini


Altri Articoli

Un dovere etico e morale per un SSN che si rispetti, dice il prof. Gagliani ammettendo che, però, oggi molto è basato sul volontariato e questo non è un bene, per i pazienti


Tra le novità il corso in lingua inglese a la Sapienza. Il numero di posti è però provvisorio in attesa delle decisioni della Stato e Regioni. Ecco i posti assegnati ai singoli atenei sede di...


Sono 77 i posti in più assegnati per il prossimo anno accademico. Ecco la distribuzione ateneo per ateneo. Riattivato il corso a Bari e Bolzano


Nuove prestazioni per la sanità integrativa di 85mila professionisti italiani. Per ANDI grazie a questo accordo si apre una nuova epoca nella sanità integrativa


A luglio dovrebbe arrivare in busta paga per i dipendenti e pensionati. Per gli autonomi se ne parlerà (forse) ad ottobre, ancora da emanare il decreto con le modalità operative


 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

Corsi ECM

 
 
 
 
 
 

I più letti

 
 

Corsi, Convegni, Eventi

 
 
 
 
 
 
 
 

Guarda i nostri video

Guarda i nostri video

Ricostruzione estetica con faccette: un caso risolto con tecniche digitali senza dimenticare l’analogico

 
 
 
 
 
 
 
 
chiudi