HOME - Implantologia
 
 
18 Aprile 2019

Antibiotici locali nel trattamento delle perimplantiti

Effetti della loro applicazione abbinata al trattamento chirurgico

di Lara Figini


La perimplantite è una condizione infettiva che interessa il tessuto intorno agli impianti dentali e si presenta con segni di infiammazione clinica e perdita irreversibile dell’osso di supporto.

Il biofilm batterico è un fattore di rischio determinante per lo sviluppo della perimplantite; pertanto, l’obiettivo principale per il trattamento di quest’ultima è quello di rimuovere i batteri patogeni che colonizzano la superficie dell’impianto contaminato. Il trattamento non chirurgico ha mostrato una limitata efficacia clinica nella risoluzione della perimplantite; al contrario, il trattamento chirurgico con lembo aperto produce una migliore guarigione e facilita l’accesso ideale per la decontaminazione della superficie ed è quindi considerato il trattamento raccomandato.

Numerosi studi hanno valutato gli effetti degli antibiotici locali in aggiunta al trattamento non chirurgico e hanno evidenziato effetti positivi sui parametri clinici in termini di riduzioni significative della profondità di sondaggio di tasca (PPD) e di suppurazione al sondaggio.

Ben pochi studi, invece, hanno indagato gli effetti dell’applicazione degli antibiotici locali abbinata al trattamento chirurgico.

Tipologia di ricerca e modalità di analisi
In uno studio pubblicato sul Journal of Dental Research di marzo 2019, gli autori hanno indagato gli effetti clinici, microbici e radiografici dell’applicazione della minociclina locale combinata con il trattamento chirurgico della perimplantite.

Sono stati reclutati 50 pazienti con perimplantite sottoposti al trattamento chirurgico con applicazione locale nel gruppo test di minociclina e nel gruppo controllo di placebo.

L'applicazione di minociclina è stata ripetuta a 1, 3 e 6 mesi dopo l’intervento a lembo aperto. L’indice di placca, l’indice gengivale (GI), la profondità di sondaggio (PPD) e il sanguinamento/suppurazione al sondaggio sono stati valutati e registrati al tempo 0 e a 1, 3 e 6 mesi.

Le variazioni a livello dell’osso di supporto (SBL) sono state analizzate tramite tomografia computerizzata tra il tempo 0 e 6 mesi. L’analisi microbica è stata eseguita con reazione a catena della polimerasi in tempo reale.

Risultati
Tutti e due i gruppi hanno mostrato miglioramenti nelle misurazioni cliniche e radiografiche dopo il trattamento chirurgico. Una differenza significativa si è registrata nelle variazioni della PPD media tra il gruppo test della minociclina e il gruppo controllo con placebo (2,68 ± 1,73 e 1,55 ± 1,86 mm, rispettivamente, P = 0,039).

I cambiamenti di GI medio e SBL differivano significativamente tra i gruppi (ΔGI: 0,83 ± 0,60 e 0,40 ± 0,68; ΔSBL: 0,72 ± 0,56 e 0,31 ± 0,49 mm, rispettivamente, P = 0,026 e 0,014). I tassi di successo del trattamento (definiti come PPD <5 mm, assenza di sanguinamento/suppurazione al sondaggio e di ulteriore perdita di massa ossea) sono risultati essere del 66,7% e del 36,3% nel gruppo test e nel gruppo controllo, rispettivamente.

Nessuno dei pazienti nel gruppo test ha evidenziato presenza di Porphyromonas gingivalis o Tannerella forsythia a 6 mesi.

Conclusioni
Dai dati emersi da questo studio, che devono trovare conferma con altri lavori analoghi, si può concludere che nel trattamento delle perimplantite l’applicazione locale ripetuta di minociclina combinata con il trattamento chirurgico fornisce significativi benefici in termini di parametri clinici e riempimento osseo all’esame radiografico, con un più alto tasso di successo a breve termine.

Implicazioni cliniche
L’applicazione locale ripetuta di un antibiotico locale, quale la minociclina, nelle sedi di perimplatite aiuta a garantire una più veloce guarigione o un maggior miglioramento dei parametri clinici.

Per approfondire
Cha JK, Lee JS, Kim CS. Surgical therapy of peri-implantitis with local minocycline: a 6-month randomized controlled clinical trial. J Dent Res 2019 Mar;98(3):288-95.

Articoli correlati

Ecco cosa ne pensa il professor Robert Kelly del Dipartimento di Scienze Ricostruttive dell'Università del Connecticut, in un editoriale pubblicato sul Journal of Prosthetic Dentistry

di Lara Figini


In uno studio pubblicato sul Journal of Periodontology, gli autori hanno studiato i profili delle citochine pro-infiammatorie nei pazienti con o senza malattie cardiovascolari e con o senza...

di Lara Figini


Immagine di repertorio

In uno studio sul Journal of Dentistry, gli autori hanno valutato se esiste una differenza significativa tra il rapporto di usura delle corone in disilicato di litio su impianto e i loro...

di Lara Figini


Alcune riflessioni del prof. Gagliani al ritorno dalle vacanze che toccano i perni radicolari, l’implantologia, l’odontoiatria digitale e Johnny Cash

di Massimo Gagliani


I 10 consigli per avere successo indicati dal dott. Fabio De Propris, in collaborazione con Straumann Group


Altri Articoli

L'aumento dell'autoconsumo di questo gas soprattutto nei giovani e negli adolescenti dovrebbe essere considerato un grave problema di salute pubblica. Le rassicurazioni...


Diventano operative le norme del nuovo profilo e gli esoneri al conseguimento dell’attestato di qualifica. Possibile organizzare i corsi “ridotti” per sostenere l’esame


ANDI ha sentito una serie di politici dei principali partiti in lotta nella campagna elettorale, chiedendo su quali punti si impegnano a sostenere il settore


Le raccomandazioni contenute nel nuovo Piano Nazionale di Contrasto all'Antibiotico Resistenza (Pncar) 2022-2025 del Ministero della Salute


 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

Corsi ECM

 
 
 
 
 
 

I più letti

 
 

Corsi, Convegni, Eventi

 
 
 
 
 
 
 
 

Guarda i nostri video

Guarda i nostri video

Canino incluso: la pianificazione digitale

 
 
 
 
 
 
 
 
chiudi