HOME - Cronaca
 
 
10 Febbraio 2016

Ddl Concorrenza. AIO Lombardia scrive al Presidente del Senato della Repubblica ed alle Senatrici e Senatori


Signor Presidente Piero Grasso

Signore Senatrici, Signori Senatori

In merito alla presa di posizione della lobby dei lucranti sull'attività odontoiatrica, occorre immediatamente precisare gli aspetti di interessi contrapposti di chi, in realtà, sta manipolando le regole della concorrenza per trarne delle rendite di posizione a scapito di una reale libera concorrenza.

Infatti affinché la concorrenza produca i suoi effetti benefici, bisogna che tutti i concorrenti siano messi nelle medesime condizioni e che rispettino le stesse regole operative.

Invece queste cosiddette "cliniche" (che cliniche o casa di cura non sono, mancando esse dei requisiti richiesti dalla legge per essere definite tali, ma anche questo è puro marketing ingannevole per i cittadini) non hanno tutti quegli elementi che sono posti a tutela del cittadino.

Basti pensare, per il solo aspetto della responsabilità, al fatto che chi trae i benefici economici (la società) non risponde della responsabilità (che viene, per intero, ribaltata sull'odontoiatra), così pure per l'aspetto economico ad esempio in caso di chiusura: molte decine sono i casi di cittadini che hanno pagato (perché la principale modalità di pagamento accettata è il finanziamento) le cure in anticipo, ma poi la società ha chiuso e i cittadini si sono trovati a dover far fronte ad oneri finanziari (anche in questo caso la responsabilità viene ribaltata sui medici odontoiatri che sono portati a completare, a loro spese, le cure che avevano iniziato presso la "clinica").

Riguardo poi al fatto che sarebbero "centri low cost", trattasi di una leggenda metropolitana: basta andare oltre il singolo "prezzo civetta" e si scopre che le cifre richieste per le terapie sono tutt'altro che low cost rispetto alla rete degli studi dei liberi professionisti.

Anche dal punto di vista del gettito fiscale, per lo Stato, sono un pessimo affare: infatti a fronte di un volume d'affari di circa il doppio (tra una "clinica" e uno studio libero professionale), il gettito è meno della metà; inoltre il ritorno economico per i medici odontoiatri che là lavorano è in media paragonabile a quello di una babysitter.

Per ultimo, e più importante, l'emendamento proposto tende a far rispettare, appieno, la legge. Infatti, come è a Voi noto, lo svolgimento della professione intellettuale in forma societaria era proibito per legge (23 novembre 1939, n. 1815 e successive modificazioni). Per permettere tale possibilità il legislatore (puntualizziamo che si tratta di svolgimento di attività regolamentata perché incidente su un bene Costituzionalmente tutelato: la salute) ha "svolto il tema" emanando una legge (n.183 del 12 novembre 2011) con la quale si precisavano i requisiti necessari a far si che una società possa iscriversi all'Ordine professionale che è quell'istituzione, ausiliaria dello Stato, posta, tra altri, a tutela del bene salute dei cittadini (Corte Costituzionale n.405 del 24 ottobre 2005). Attraverso quella legge il legislatore ha inteso equilibrare i possibili contrasti di chi (medici) devono avere un primato nell'etica dei comportamenti e chi (società di capitali) deve produrre utili economici; equilibrio che viene artatamente driblato da queste "cliniche" che fatturano ai cittadini prestazioni sanitarie (esenti IVA) non svolte da loro, ma da altri soggetti (possessori di una propria partita IVA: i medici odontoiatri).

Quindi libera concorrenza si, no a una deregulation (contraria allo spirito delle norme e dei principi) che danneggia i cittadini e gli altri operatori del settore: questo è l'obiettivo dell'emendamento.

Alessandro Staffelli - Presidente AIO Lombardia

Articoli correlati

Maria Grazia Cannarozzo

Dalla collaborazione tra l’Azienda Ospedaliera Cannizzaro di Catania e il COI-AIOG nasce il progetto “Odontoiatria rosa”, che attenzionerà la salute orale delle donne...

di Lorena Origo


AIO ed ANDI sintetizzano le regole in vigore dopo la formalizzazione delle nuove indicazioni ministeriali per prevenire i contagi da Covid nello studio odontoiatrico


Ordine e Sindacati ribadiscono prudenza ricordando che le indicazioni ministeriali sono in continua evoluzione con l’obiettivo di mantenere alto il livello di sicurezza per pazienti ed operatori


Nuova sentenza conferma il diritto dei liberi professionisti. Savini: ribadiamo il nostro appello per la necessità di rimuovere quella che riteniamo una vera ingiustizia


clicca sull'immagine per ingrandire

Le cifre ed i trend dall’11° Congresso Internazionale AIO. La rappresentanza femminile in odontoiatria è in continua crescita a livello mondiale specie nei paesi occidentali


Altri Articoli

Una due giorni ad un Congresso qualsiasi può essere un ritorno alla normalità dice il prof. Gagliani che avverte: la formazione deve essere debitamente certificata e tutelata con regole non fondate...

di Massimo Gagliani


Sono nato una domenica dell’agosto 1964, anagraficamente contando il Governo Draghi è stato il quarantottesimo che ho vissuto. In Germania, nello stesso periodo, di Governi ne hanno avuti 19...

di Norberto Maccagno


Il Consejo General de Dentistas ha elaborato una relazione tecnica dove sono state analizzate la densità di professionisti per popolazione, l'evoluzione demografica negli ultimi...


Maria Grazia Cannarozzo

Dalla collaborazione tra l’Azienda Ospedaliera Cannizzaro di Catania e il COI-AIOG nasce il progetto “Odontoiatria rosa”, che attenzionerà la salute orale delle donne...

di Lorena Origo


Sarà Catania ad ospitare, dal 20 al 22 aprile 2023, il Congresso numero 30 del CDUO organizzato dalle Università di Palermo, Messina e Catania


 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

Corsi ECM

 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

I più letti

 
 

Corsi, Convegni, Eventi

 
 
 
 
 
 
 
 

Guarda i nostri video

Guarda i nostri video

Canino incluso: la pianificazione digitale

 
 
 
 
chiudi