HOME - Approfondimenti
 
 
20 Giugno 2022

I contributi alla gestione separata Inps si possono usare per la ricongiunzione

Nuova sentenza conferma il diritto dei liberi professionisti. Savini: ribadiamo il nostro appello per la necessità di rimuovere quella che riteniamo una vera ingiustizia


Ulteriore conferma nella vicenda delle pensioni dei liberi professionisti. Dopo la Cassazione (sentenza 26039/2019), anche la Corte d’Appello di Milano ribadisce che i liberi professionisti – tra cui medici ed odontoiatri – possono ricongiungere in ENPAM i contributi versati alla gestione separata Inps. 

Non si tratta di pochi spiccioli: specializzandi e dottorandi versano ad “Inps 2” per anni il 24% del loro reddito. Fin qui non è stato possibile ricongiungere i versamenti, cioè portarli nell’ente previdenziale dove le condizioni per loro sono più vantaggiose per il professionista. Malgrado una legge ed una sentenza favorevoli, l’Inps ha detto che non è possibile.


Cosa dice la legge

La legge 45 del 1990 sostiene il diritto alla ricongiunzione per tutti gli iscritti a forme obbligatorie di previdenza, liberi professionisti inclusi. Ma l’Inps sostiene che tale diritto non riguarda la gestione separata. Motivo? Il calcolo della pensione nella gestione separata avviene con metodo contributivo: se la ricongiunzione avvenisse in una cassa con sistema di calcolo diverso (ad esempio retributivo, più favorevole al professionista) si rischia un maggior esborso per l’istituto pubblico. Per queste comprensibili ragioni, secondo Inps, la legge 45 non include la gestione separata dell’Istituto tra quelle i cui contributi sono soggetti a ricongiunzione.


La posizione Inps

In Commissione parlamentare di vigilanza sugli enti previdenziali, il presidente Inps Pasquale Tridico ha indicato due strade alternative per riavere i contributi versati: o il cumulo pensionistico o la totalizzazione. Questi ultimi istituti però danno diritto ad assegni più magri, pur a fronte di oneri molto inferiori per il contribuente.


La sentenza milanese

La Corte d’Appello di Milano ripropone la validità della legge 45/90 e la posizione della sentenza di Cassazione del 2019, citate sul nostro sito dal segretario sindacale AIO Palermo Ignazio Pizzo nell’articolo dal titolo “la ricongiunzione vietata, un diritto negato ai liberi professionisti”. In più ricorda che la legge istitutiva della gestione separata Inps, la 335 del 1995, è 5 anni più recente della legge 45 del 1990: solo per questo non ne viene citata!


Il commento AIO

“La nuova sentenza è importantissima”, spiega Pizzo. “Il presidente Inps Tridico si era detto disponibile a cambiare idea solo a fronte di una giurisprudenza consolidata. Una sola sentenza di Cassazione non bastava a mettere in discussione un orientamento invalso da tempo. Ora però la giurisprudenza cresce e qualcosa dovrà cambiare nelle risposte di Inps ai contribuenti”. 

Danilo Savini, segretario sindacale AIO, sottolinea il ruolo chiave delle sollecitazioni del Presidente AIO Fausto Fiorile ad Alberto Oliveti. “Al presidente Enpam, che guida anche le casse privatizzate riunite nell’Adepp, abbiamo evidenziato la necessità di rimuovere quella che riteniamo una vera ingiustizia verso i liberi professionisti. Ora più che mai crediamo opportuno che l’Adepp, che ha già in evidenza la questione, invii un questionario agli 1,6 milioni di iscritti alle “sue” casse e promuova ulteriori azioni di iscritti per porre fine ad un vulnus illogico, ingiusto ed illegale che costringe milioni di lavoratori italiani a buttare via periodi lavorativi o a svalutarli”.

A cura di: Ufficio Stampa AIO

Articoli correlati

A luglio dovrebbe arrivare in busta paga per i dipendenti e pensionati. Per gli autonomi se ne parlerà (forse) ad ottobre, ancora da emanare il decreto con le modalità operative


AIO sollecita intervento, ENPAM conferma che sta lavorando con i Ministeri per uno specifico intervento che possa risolvere la problematica


Savini: necessario rimuovere un “vulnus” nei confronti di molti liberi professionisti che non possono far valere la propria contribuzione


Sul sito dell’INPS le indicazioni per presentare la domanda, gli importi variano a secondo del reddito ISEE. Per i figli a carico con più di 21 anni rimangono le vecchie detrazioni


Da gennaio sono decadute le tutele previste: non sempre la quarantena ora viene considerata malattia, dipende da vari fattori. Le considerazioni di SIASO


Altri Articoli

Un dovere etico e morale per un SSN che si rispetti, dice il prof. Gagliani ammettendo che, però, oggi molto è basato sul volontariato e questo non è un bene, per i pazienti


Tra le novità il corso in lingua inglese a la Sapienza. Il numero di posti è però provvisorio in attesa delle decisioni della Stato e Regioni. Ecco i posti assegnati ai singoli atenei sede di...


Sono 77 i posti in più assegnati per il prossimo anno accademico. Ecco la distribuzione ateneo per ateneo. Riattivato il corso a Bari e Bolzano


Nuove prestazioni per la sanità integrativa di 85mila professionisti italiani. Per ANDI grazie a questo accordo si apre una nuova epoca nella sanità integrativa


A luglio dovrebbe arrivare in busta paga per i dipendenti e pensionati. Per gli autonomi se ne parlerà (forse) ad ottobre, ancora da emanare il decreto con le modalità operative


 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

Corsi ECM

 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

I più letti

 
 

Corsi, Convegni, Eventi

 
 
 
 
 
 
 
 

Guarda i nostri video

Guarda i nostri video

Ricostruzione estetica con faccette: un caso risolto con tecniche digitali senza dimenticare l’analogico

 
 
 
 
chiudi